Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
26 Settembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

All is Lost - Tutto è perduto

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di Sara Michelucci

Un sempre bravo Robert Redford veste i panni del protagonista di All Is Lost - Tutto è perduto, film scritto e diretto da J.C. Chandor. Selezionato per partecipare fuori concorso al Festival di Cannes 2013 e vincitore del Golden Globes come migliore colonna sonora, All is Lost vede come unico attore proprio Redford, che interpreta i panni di un naufrago in balia dell’Oceano Indiano. Dopo che il suo yacht ha subito una collisione con un container abbandonato, con l'equipaggiamento di navigazione e la radio fuori uso, l'uomo per sopravvivere deve far affidamento solo su un sestante, delle mappe nautiche e il suo intuito.

Il rapporto tra uomo e natura si fa avvincente in questo film, privo di dialoghi, ma in grado di esprimere tutta la forza di questa relazione. La solitudine dell’uomo contemporaneo sembra essere uno degli elementi sui cui punta il film e la lotta con se stesso e con le forze esterne sono il modo per rappresentare la sua condizione. Una battaglia che sembra impari, ma che è tutta concentrata sul ragionamento e sulla capacità di saper contare su se stessi e le proprie capacità, senza fare affidamento su nient’altro.

È sui gesti di Redford, silenzioso e combattivo, che si concentra l’intera pellicola e la sua capacità interpretativa si evince con estrema forza. Nel suo volto segnato compare la trepidazione dell’uomo di farcela, la salvezza diventa l’obiettivo principale e tutto il resto non conta o assume un significato decisamente minoritario. Un vecchio lupo di mare che con calma e intelligenza affronta le forze esterne e la grandezza dell’oceano. La sfida è anche quella dell’attore che rinuncia al parlato e mette in atto tutta la sua corporalità e gestualità per dare vita a un film che riesce a catturare l’attenzione dello spettatore e affascina per il suo essere fuori dai soliti schemi.

Un’opera sul coraggio che rivanga i miti del passato, come il pescatore de Il Vecchio e il mare di Hemingway o il capitano Achab di Moby Dick, ma guarda anche al futuro e mette in primo piano la capacità dell’uomo di affrontare le avversità.

All is Lost - Tutto è perduto (Usa 2013)
REGIA: J.C. Chandor
SCENEGGIATURA: J.C. Chandor
ATTORI: Robert Redford
FOTOGRAFIA: Frank G. DeMarco
MONTAGGIO: Pete Beaudreau
MUSICHE: Alex Ebert
PRODUZIONE: Before The Door Pictures, Washington Square Films, Black Bear Pictures
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox