Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Dom
30 Aprile 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CAUCASO: L’ACQUA DELLA SENNA VERSO IL MULINO RUSSO

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
di Giovanni Cecini

A Parigi si erge un ponte elegante e maestoso, dedicato a un sovrano che amava molto la Francia. L’unico dettaglio strano, che sembra anacronistico, è che questo personaggio non era affatto francese, ma bensì russo: lo zar Alessandro III. Tale elemento è indicativo per comprendere la secolare vicinanza politica, dai tempi della grande Caterina fino ai giorni nostri, spesso ideologicamente divergente ma solida in ordine pratico, che intercorre tra la Russia e la Francia. Quando la prima era un impero mistico, la seconda era una repubblica laica, quando la prima uno Stato a vocazione internazionale, la seconda una roccaforte di nazionalismo; ma quasi sempre i due Paesi avevano interessi complementari, che ne favorivano l’amicizia, piuttosto che la contrapposizione. Ecco quindi che questa tradizione prosegue fino ad oggi, per ritrovarci Nicolas Sarkozy, come un prestigiatore dal suo cilindro, tirar fuori un coniglio, quasi risolvere la matassa caucasica e dare una strigliata agli avversari dei russi. In realtà come tutti i cilindri, anche quello del presidente francese è truccato. L’intesa raggiunta non è stata proprio tutta farina del suo sacco. Bisogna però dire che il suo viaggio a Mosca e Tiblisi ha avuto i suoi effetti, quanto meno per ratificare una situazione grosso modo già frutto degli eventi, ma da perfezionare in presenza di un arbitro internazionale. Fino a quarantotto ore fa l’Europa sembrava interpretare il ruolo di lontana spettatrice dinnanzi agli attori in commedia, oggi è Condoleezza Rice che si reca in Francia per capire le successive tappe che si profilano all’orizzonte e per rincuorare la Georgia.

Vada come vada, gli Stati Uniti saranno sempre vicini a un governo “democratico” come quello presente a Tiblisi, a maggior ragione se sul suo territorio passa petrolio. La mossa americana sembra più un’azione difensiva che un atto diplomatico risolutorio e, in effetti, l’intervento europeo, così come avvenuto, toglie molte castagne dal fuoco a Mosca, preoccupando non poco Washington.

L’accordo in 6 punti di Sarkozy (cessate il fuoco, ristabilimento dello status quo e internazionalizzazione dei casi Abkazia e Ossezia del Sud) soddisfano molto Putin, che ha buone carte per vincere sul campo, ma non si può permettere il lusso di imbarcarsi in guerre totali. La svolta europea lo favorisce, soprattutto perché gli Stati Uniti si ritrovano puntate le stesse proprie armi: per il medesimo motivo per cui erano state annichilite le resistenze di Mosca sul futuro serbo del Kosovo, ora il “precedente” che tanto scottava a Putin, può essere utilizzato per riconoscere l’indipendenza dei protetti russi dalla matrigna Georgia. Altro elemento favorevole alla Russia è proprio il semestre di presidenza francese, in un contesto europeo che in politica internazionale (come in altri ambiti del resto) non ha né unità né visione d’insieme.

Da un lato ci sono Parigi, Berlino (e in parte Roma) che sanno come il futuro del Continente sarà stringere legami forti con la Russia, perché la minaccia e l’opportunità del gas, del petrolio e di un “cordone sanitario” a Est sono troppo importanti per non prenderle in seria considerazione. Dall’altro, dopo l’allargamento comunitario forse troppo veloce di Ostpolitik, i paesi che fino a venti anni fa erano sotto l’orbita sovietica, nella logica antirussa e di sponda filoamericana, non hanno tutto questo entusiasmo a legarsi con Mosca. Ecco perché la tempistica di un presidente di turno come Sarkozy non era scontata, come non pienamente condivisa da tutti i 27 Stati aderenti sarà la sua linea di intercedere nel ginepraio caucasico, non osteggiando la politica di Putin.

Ancora non è chiaro come andranno le cose, volendo ognuno interpretare i valori “indipendenza” e “sovranità” secondo il proprio vocabolario di riferimento. Una cosa forse è certa: non ci dovrebbe essere una seconda Cipro, contesa ma congelata dallo zampino degli Stati Uniti, per non fare torto a uno dei due paesi Nato protagonisti della vicenda. Ci sarà da aspettare le mosse della Rice nelle prossime ore, in attesa a fine anno del nuovo inquilino della Casa Bianca. Egli saprà impedire un graduale scollamento della Nato e dell’UE su posizioni più continentali o saprà cogliere il potere di Polonia e degli Stati baltici per trincerare sul fronte dell’Est i valori dell’Occidente? La partita potrebbe non fermarsi sulle rive del Mar Nero, ma includere anche il Medio Oriente, con il suo delicato avamposto occidentale: Israele.

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox