La fine del “Russiagate”

di Michele Paris

La chiusura delle indagini del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto “Russiagate” rischia di diventare un’arma forse decisiva nelle mani del presidente americano Trump in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno. Infatti, com’era ampiamente prevedibile, quasi due anni di ricerche, interrogatori e analisi di documenti non hanno fatto emergere nulla di concreto...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Acqua, lo spreco quotidiano

di Tania Careddu

Mentre poco meno della metà del volume dell’acqua prelevata alla fonte non raggiunge gli utenti finali a causa di dispersioni idriche, undici città capoluogo italiane sono interessate a misure di razionamento e due milioni e settecentomila famiglie lamentano irregolarità nell’erogazione. In occasione della Giornata mondiale...
> Leggi tutto...
Sembra fuori discussione che le autorità religiose possano esprimere il loro parere, il loro indirizzo a quanti si dicono aderenti o che professino una determinata fede spirituale; altra cosa è basare le posizioni specifiche come “assolute” o “esclusive” in un contesto molto più variegato, soggetto a diverse culture e a specifiche sensibilità. In genere le professioni di fede e le dichiarazioni di verità sono poco adattabili alla sfera della politica, dove i valori sono sì importanti, ma vanno sempre di pari passo con la contingenza e l’opportunità delle situazioni.

E’ quindi chiaro leggere nelle parole di Bagnasco il desiderio di limitare la politica alla tradizione e alla storia cristiano-cattolica, quando in realtà in uno Stato molte variabili, tra loro interdipendenti, contribuiscono alla solidità democratica di un Paese. Se la “verità” (religiosamente intesa) fosse alla base delle scelte elettorali o delle decisioni dei governanti, non si avrebbero possibilità di scelta, alternanze e la sana dialettica delle parti, ma piuttosto l’opprimente e monolitica regia di una Provvidenza teocratica che tutto regola e dirige per il bene della Città di Dio sulla Terra. Forse ne avrebbe da ridire anche Sant’Agostino.

Va dato atto che nell’anno e mezzo dalla sua nomina al vertice della Cei, il cardinale abbia incentrato la sua pastorale verso il basso, spingendo l’azione della Chiesa in direzione della gente vera, in favore delle famiglie e dei problemi quotidiani. Di riflesso però, ciò viene interpretato da gran parte dei vertici ecclesiastici come la possibilità di interferire e quasi dettare l’agenda politica di una società in cui, se oltre il 90% della popolazione si dichiara cristiano, le convivenze, i divorzi e altre scelte in antitesi con il dettato cattolico evidenziano un chiaro e significativo segnale di scollamento della Comunità dai precetti e dalla morale espressa come bandiera dalla Cei.

La Chiesa, per svolgere la sua attività di testimonianza e proselitismo, non ha bisogno e sarebbe anche grottesco rincorrere mode o stili alternativi di comportamento (ecco perché è risibile lo scimmiottamento del convento di suore campano dove di recente si è organizzato un Miss suora 2008), ma ciò non può permettere di ergere come onnicomprensiva la tradizione e la storia dei cattolici come base esclusiva e necessaria per affrontare problemi di ordine politico, economico e sociale. Se Gesù Cristo non giudicò di questo mondo il suo regno, perché i suoi rappresentanti successivi dovrebbero anticiparne e secolarizzarne l’inizio?
Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Ricordi?

di Sara Michelucci

Quanto e in che misura i ricordi possono influenzare un'intera esistenza? La domanda sorge spontanea guardando il nuovo film di Valerio Mieli, Ricordi?, con Luca Marinelli e Linda Caridi. La pellicola narra una lunga grande storia d'amore, raccontata però sempre solo attraverso i ricordi, più o meno falsati dagli stati...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.