Il buco col programma intorno

di Carlo Musilli

A leggere il contratto fra Lega e Movimento Cinque Stelle viene in mente il vecchio slogan di una marca di caramelle. Solo che stavolta intorno al buco non c’è la menta, ma un programma di governo. Mettendo in fila tutti gli interventi proposti, il conto finale potrebbe salire fino a 125,7 miliardi di euro, mentre le coperture citate in modo esplicito nelle quasi 60 pagine del contratto non...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

L'Inter torna in Champions League

di redazione

L'Inter torna dopo molti anni in Champions League e lo fa battendo la Lazio nella partita decisiva disputatasi all'Olimpico. Dopo una settimana di polemiche, illazioni, scetticismi e sotterfugi, acredini e scorrettezze di ogni tipo nei confronti di Stefan De Vrij, la Lazio è stata battuta in rimonta.   E proprio De Vrij, che fino...
> Leggi tutto...



Il caso più clamoroso riguarda la defenestrazione di Francesco Caio, amministratore delegato di Poste Italiane. Visti i buoni risultati ottenuti dal manager alla guida del gruppo che gestisce un oceano di risparmi italiani, sono più che credibili le voci secondo cui la sua bocciatura sarebbe legata al rifiuto di partecipare al salvataggio di Mps e alla mancata offerta su Pioneer (ex società di Unicredit poi passata ai francesi di Amundi, gruppo Crédit Agricole).

Al posto di Caio è arrivato dal vertice di Terna il fiorentino Matteo Del Fante, scuola JP Morgan, uomo di fiducia di Renzi. E mentre Del Fante, che pure in Terna aveva iniziato da poco, viene spostato in Poste, Luigi Ferraris, direttore finanziario di Poste, diventa il nuovo numero uno di Terna.

Anche questa è stata una sorpresa, visto che il Cda di Cassa Depositi e Prestiti – cui spettava la nomina – sembrava aver scelto per quella poltrona Alberto Irace (oggi in Acea), sponsorizzato da Maria Elena Boschi. Alla fine però ha prevalso Ferraris in qualità di candidato sostenuto da Pier Carlo Padoan, che era anche sponsor di Caio e per questo aveva diritto a un risarcimento politico.

Per quanto riguarda Leonardo (la vecchia Finmeccanica) era abbastanza scontata la scelta di mandare a casa Mauro Moretti. Nonostante gli ottimi risultati raggiunti negli ultimi tre anni, l’ad del gruppo della difesa doveva scontare la condanna in primo grado subita per la strage di Viareggio, avvenuta quando era a capo delle Ferrovie dello Stato. Questione di “opportunità politica”, si dice. E forse stavolta era opportuno davvero, al punto che, stando alle indiscrezioni, anche il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, avrebbe espresso una preferenza in questo senso.

Meno scontato era che al posto di Moretti fosse nominato Alessandro Profumo, banchiere esperto con un passato alla guida di Unicredit e Monte dei Paschi, ma assoluto neofita in materia industriale. Il suo è davvero il nome più inatteso, soprattutto in un settore delicato come la difesa.

Tutti confermati invece in casa Eni ed Enel, che continueranno a essere guidate l’una da Claudio Descalzi e l’altra da Francesco Starace, due manager scelti da Renzi nella primavera 2014 in continuità con le gestioni precedenti.

Ma più di queste conferme, ampiamente attese, a fare rumore sono le nomine e gli spostamenti, visto che le loro motivazioni sono chiaramente slegate da valutazioni di carattere economico. “Sono tutti manager bravissimi”, è l’unica spiegazione che circola.

E mentre Renzi muove i fili del governo prendendo decisioni che non gli spetterebbero, nessuno si preoccupa di fornire perlomeno una vaga giustificazione industriale a questo risiko di poltrone. Del resto anche la più misera foglia di fico è superflua ora che la mancanza di pudore è stata elevata al rango delle virtù irrinunciabili del leader carismatico.

E così, quando si tratta di scegliere i principali manager pubblici, è pacifico che i criteri del merito e dei risultati non contino più nulla. Sono un lontano ricordo a cui nessuno pensa più. Tutti considerano naturale che valutazioni d’importanza strategica per il futuro economico dell’Italia siano prese esclusivamente in base alla loro convenienza politica. Per giunta da un privato cittadino senza incarichi ufficiali.

Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Gli Stati Uniti contro il Venezuela

di Stella Calloni

Gli Stati Uniti e i loro alleati preparano in silenzio un piano brutale per «mettere fine alla dittatura» in Venezuela. La prima parte di questo «colpo da maestro» (Masterstroke), già predisposta, dovrebbe essere messa in atto prima delle prossime elezioni. Se l’esito di questa offensiva, che sarà sorretta dall’intero...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.