A sorpresa, dopo tre giornate di campionato ci sono solo tre squadre a punteggio pieno: Milan, Napoli e Roma. Di questo terzetto, la formazione più convincente è quella rossonera, che a San Siro domina per 90 minuti la Lazio, regolando la pratica con un gol per tempo: prima Leao, poi Ibrahimovich, all’ennesimo rientro di una carriera infinita.

Ben più sofferto il successo casalingo della Roma, che nel posticipo di giornata passa solo al 91esimo contro il Sassuolo. Dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio grazie a un gol di Cristante, i giallorossi si fanno riprendere nella ripresa da Djuricic, ma poi trovano il gol vittoria all’ultimo respiro con il redivivo El Shaarawy.

La seconda giornata del campionato propone alcune conferme e una sorpresa. Le conferme riguardano Inter, Roma, Lazio, Napoli, mentre la sorpresa è fondamentalmente una: la Juventus.

Se partiamo in ordine di classifica troviamo subito la vittoria per 3 a 1 dell’Inter a Verona. Significativa sotto almeno due aspetti: il primo è che è maturata dopo esser andata sotto di un gol a causa di uno sciagurato passaggio di Handanovic a Brozovic ma sbagliando la misura del passaggio. Il secondo dato è che se riguardo i 4 gol al Genoa tutti si chiedevano quanto fosse forza dell’Inter e quanto debolezza dei grifoni, quella al Bentegodi non può certo essere letta come una passeggiata di salute. Gli scaligeri corrono, pressano e menano per tutto il campo; è una squadra fisica con buona tecnica e capacità di occupare il campo e passare a Verona non sarà semplice per nessuno. Menzione particolare per il neoacquisto Correa, voluto fortemente da Simone Inzaghi: entra e segna una doppietta, con uno spettacolare colpo di testa ed una rasoiata da fuori area. Nemmeno nei sogni la realtà diventa così bella. Correa sarà un'arma importante per l'attacco nerazzurro e Inzaghi avrà problemi di abbondanza in avanti, ma tutta di qualità.

Il campionato mediatico ha annunciato grandi protagonisti di grandi ritorni sulle panchine, insieme a illustri addii e arrivi mancati; il campionato vero, quello che si sposta dalle trattative di mercato e va in campo, alla sua prima giornata ha già detto che si sapeva: hanno vinto tutte quelle che dovevano vincere, tranne la Juve. La premessa è d’obbligo: siamo agli inizi, i risultati potrebbero risultare estemporanei, le squadre non sono ancora al completo e chi ne ha più ne metta. Però i tre punti di domenica scorsa valgono come quelli di tutte le restanti partite. E’ la somma che fa il totale, diceva Totò.

Ma c'è un problema non semplice che aleggia sul campionato: DAZN fa davvero schifo, quasi quanto il suo nome. Pensare di vedere il campionato in immagini sincopate e, nelle migliori delle ipotesi, con tempi differiti tra audio e video, fa passare la voglia. DAZN non è in grado di sostenere sui suoi server l’accesso contemporaneo di centinaia di migliaia di utenti e non possedere Internet non può comunque penalizzare le persone che, in molti degli 8000 comuni italiani, non hanno accesso alla Rete per mancanza di collegamento degli operatori. La Lega dovrebbe recedere dal contratto ove la piattaforma non trovasse un accordo rapidamente con una rete televisiva. L’inadempienza contrattuale di Diletta and company appare facilmente dimostrabile. Speriamo avvenga presto.

I campioni d’Italia, orfani di Conte, Oriali, Lukaku e Hakimi, ovvero 4 fuoriclasse nei rispettivi ruoli, hanno dimostrato che i sostituti sono di prima scelta. Sia Dzeko che Chalanoglu hanno sfoderato una partita quasi sontuosa, completamente diversa dalle prestazioni con cui avevano lasciato Roma e Milan. Ma forse la cosa più interessante è la mano di Simone Inzaghi, che ha messo in scena un Inter veloce e dinamica, con molta meno rigidità posizionale dei rispettivi ruoli, molto più attenta al pallone che alle zolle di campo e il risultato è stato quello di una partita bella esteticamente oltre che micidiale nel punteggio. Con Conte l’Inter era solida e dura, non certo bella. Gli schemi erano quelli del contropiede, poco più. Con Inzaghi, che già aveva esaltato esteticamente la Lazio, c’è la possibilità di vedere un Inter bella ed efficace.

La Juve inciampa su errori e presunzione e prende un pareggio dopo aver avuto in mano i 3 punti. Che stavolta non potrà dare la colpa a Pirlo o alla pioggia per un risultato inedito nei suoi scontri con l’Udinese. La partita era cominciata come spesso succede quando le due compagni si incontrano, ovvero con la Juve subito in gol e poi nel giro di mezz’ora al raddoppio. Solo che stavolta il portiere juventino ha deciso di porre un suo personalissimo timbro alla partita, aiutato da qualche svista di Allegri ch certo non ha aiutato. Insomma da due a zero a due a due non è il miglior inizio che a Torino sognavano.

La Roma ha fatto subito capire di che pasta è fatta il suo nuovo attaccante e, soprattutto, quanto incide Mourinho nell’equilibrio di squadra. Benché venisse da una partita ravvicinata non ha certo dimostrato reverenza verso la Fiorentina, surclassandola per buona parte della partita.

Idem dicasi per la Lazio di Sarri, che pure con la solita panchina corta e il mercato aperto, ha sfoggiato il fascino di Milinkovic Savic e ha fatto bocconi di un Empoli decisamente due gradini più in basso dei biancocelesti. La Salernitana, cugina per lotitiana discendenza, ha rimediato subito la prima sconfitta dal Bologna di Sinisa Mihajilovic.

L’Atalanta ha strappato con la forza i tre punti a Torino e considerando che Gasperini aveva alcuni giocatori indisponibili e il mercato è ancora aperto, la vittoria è decisamente da sottolineare, anche considerando i consueti avvii al rilento delle squadre del Gasp.

Il Napoli ha chiuso la pratica con il Venezia neopromosso e il rinato Spalletti può riassaporare la gioia dei tre punti dopo l’esilio milionario di questi ultimi due anni. Il Milan ha fatto il suo senza brillare particolarmente, andando a vincere per uno a zero a Marassi contro la Samp. Un incrocio disgraziato quello tre Genova e Milano per i liguri.

Dapprima Conte, quindi Oriali, poi Hakimi, adesso Lukaku. I principali protagonisti del 19 scudetto nerazzurro hanno lasciato l’Inter e non è escluso che altri big possano andare. A questo mesto elenco di addii si aggiunge l’arrivederci di Eriksen, che difficilmente giocherà nel prossimo campionato per ragioni di salute. Altro che difesa dello scudetto e caccia a quello numero 20. L’arrivo dei Simone Inzaghi sulla panchina e di Chalanoglu, entrambi colpi di qualità, non riescono a pareggiare nemmeno lontanamente le uscite, sia per valori assoluti individuali che per ciò che rappresentavano quelli che hanno lasciato.

Conte era il condottiero della squadra e Oriali ha tenuto il timone nei rapporti tra i giocatori, la società e i dirigenti, compito non semplice in un’annata drammatica fatta di rinunce e sacrifici. Un lavoro ben fatto, che ha evitato traumi e, anzi, ha favorito un clima sereno e amichevole tra tutti pur in un contesto così difficile.

L’uscita dall’Inter di Lukaku è particolarmente grave non solo per i gol segnati e fatti segnare (75 in 94 gare, un range pazzesco) ma anche perché era più di un calciatore, era uno schema, una soluzione, un reparto intero, una minaccia costante per gli avversari. E poi anche fuori dal campo era divenuto il simbolo dell’Inter di questi anni, uomo squadra dentro e fuori dal campo, ragazzo generoso e capace di costruire spogliatoio, dotato di leadership e personalità.

Pensare di sostituirlo non ha alcun senso e meglio sarebbe affidarsi alla coppia Lautaro-Sanchez piuttosto che prendere altri bolliti (vedi Dzeko) o sottostare a pretese fuori luogo quali Zapata, un trentenne che l’Atalanta pensa di cedere a 50 milioni di euro! Se davvero valesse così tanto l’Atalanta in questi anni avrebbe vinto qualcosa invece di collezionare belle figure e dolorosi stop.

L’addio dei migliori si deve alla crisi economica che attraversa l’Inter, determinata sia dall’assenza di pubblico allo stadio, con il conseguente crollo degli introiti della biglietteria e degli sponsor, sia dalla decisione del governo cinese di sospendere ogni finanziamento ed investimento estero non strategico per Pechino.

La cessioni e le possibili ulteriori uscite chiamano in causa anche la dirigenza, che ha avallato i capricci di Conte regalandogli giocatori bolliti ma carissimi (Vidal e Sanchez soprattutto, ma anche Kolarov) ed altri altrettanto scarsi arrivati prima di Conte (Naingollan o Lazaro, Dalbert o Shaquiri, solo per dirne alcuni, che in questi anni hanno tremendamente appesantito i conti della società. L’incapacità di cederli senza cospicue buonuscite, oltre ai milionari stipendi a Conte e Spalletti, hanno finito di peggiorare il quadro.

In attesa di capire quale sarà l’effetto domino possibile dell’uscita di Lukaku dall’Inter, se cioè verrà imitato da Lautaro Martinez o Bastoni, Skriniar o De Vrji (ovvero i giocatori con maggiori richieste dall’estero) quello che balza agli occhi è l’assoluta disinvoltura cinese nel montare e smontare con logica esclusivamente speculativa i progetti sportivi. In Cina ha smantellato la sua squadra vittoriosa nel campionato in 42 ore e in Italia ci sta provando. La corsa affannosa all’acquisto dei simboli ludici del capitalismo occidentale ha rivelato la parte più cinica di una classe dirigente incompetente in materia ed incapace di vedere a medio-lungo termine gli effetti di politiche sparagnine.

Sul piano sportivo il danno è evidente: per la prima volta nella sua storia l’Inter, tra le dieci società più titolate del mondo, si trova di fronte ad un così potente ridimensionamento. La raccolta di denaro in funzione di riequilibrio della esposizione debitoria è, nella sua logica, una decisione necessaria; pur tuttavia non funzionale dal punto di vista prospettico, perché smantellare una squadra ed impedirgli ogni trofeo in partenza, significa rinunciare ai denari che i trofei offrono ed all’aumento di finanziarizzazione da parte degli sponsor.

La squadra in mano a Inzaghi, se non subirà altri abbandoni traumatici, resta una buona squadra, certo, ma non al punto di intestarsi ambizioni di vittorie nazionali ed europee. Dunque, vendere Lukaku per incassare al netto non più di 60 milioni comporta dire addio agli introiti della Champions che salgono ad ogni turno che si supera e a quelli di scudetto e supercoppa italiana. Ogni vittoria nei gironi vale infatti 2,7 milioni ed ogni pareggio 900.000 Euro; 12 milioni per chi arriva in semifinale a cui aggiungerne altri 15 per chi vince la finale. L’Inter partiva da testa di serie, dunque con un girone facile dal quale vincendole tutte avrebbe incassato i primi 15 milioni. Vincere i gironi e la Coppa equivale ad un incasso dalla UEFA di 83 milioni, più merchandising e sponsor.

Sebbene l’Inter non arrivi alle vette del Real Madrid, che ha incassato solo di diritti commerciali di prodotti e brand a 365 milioni di euro nel 2020, è ipotizzabile indicare in oltre 150 milioni di euro e altri 24 milioni per una vittoria in campionato che non arriveranno nelle casse dell’Inter proprio perché la fretta di recuperarne 60 gli impedirà di affermarsi sportivamente. Per incassarne 60 se ne perdono potenzialmente 180.

La decisione di Suning, ma meglio sarebbe dire del governo cinese – di uscire dal calcio italiano ed europeo che conta, è rispettabile finanziariamente (il calcio costa e non ci si guadagna denaro, ma immagine ed influenza). Tuttavia è politicamente poco intelligente, visto che proprio il livello di pressione internazionale statunitense ed europeo sulla Cina avrebbe consigliato di mantenere presidi di immagine ed investimenti in Europa. Sarebbe stata una scelta più oculata, soprattutto se ci si propone come partners commerciale primario di governi ed imprese per la realizzazione di megaopere nel quadro della nuova via della seta.

Dimostrare come qualunque piano di investimenti sia soggetto a qualunque cambiamento per decisioni politiche nello spazio di ore, certo non rende affidabile né consigliabile per nessuno imbarcarsi con la Cina in progetti commerciali o infrastrutturali. Non a caso Suning cerca acquirenti senza trovarli. Andare a caricarsi un portafoglio in passivo e con un progetto sportivo in decadenza difficilmente emoziona gli squali della finanza. Altro che “a riveder le stelle”, qui si rivedono solo i conti.

“It’s coming to Rome!”, grida Bonucci davanti alle telecamere inglesi. Fa il verso a quel motto - football is coming home, il calcio torna a casa - che i nostri avversari ripetono da anni, a volte con ironia, altre con arroganza. La Coppa viene a Roma, 53 anni dopo l’ultima volta, 21 anni dopo la maledetta finale contro la Francia, nove anni dopo il poker subìto per mano della Spagna, tre anni e 9 mesi dopo il pareggio contro la Svezia che ci negò la qualificazione ai Mondiali russi. L’Italia è Campione d’Europa.

Senza stelle da copertina, gli azzurri hanno saputo imporsi con il gioco di squadra, dimostrando una coesione e un’intesa fra i giocatori che raramente si trova nelle nazionali. Fondamentale si è rivelata la panchina lunga: è vero, non avremo gente come Pogba o De Bruyne, ma possiamo contare su tanti cambi di qualità (soprattutto a centrocampo, con Pessina, Locatelli e Cristante). Una caratteristica ancora più decisiva ora che di cambi se ne possono fare cinque, ma soprattutto in grado di sopperire alle mancanze dell’attacco, dove manca un bomber capace di lottare spalle alla porta, come richiederebbe il gioco di Mancini (Immobile è una prima punta da profondità e Belotti non è un bomber).

Alla fine, però, nonostante il pressing alto e il possesso palla sfoggiato in queste sette partite, la chiave del successo italiano è sempre in difesa. Un dato su tutti: l’ultima partita persa dagli azzurri con Bonucci e Chiellini in campo risale al 2015. Se a quei due si aggiunge un’alternativa di livello come Acerbi e soprattutto un Donnarumma in versione Vallo di Adriano, oltre a infrangere il record d’imbattibilità di Zoff si può sperare anche di battere chiunque.

Eppure la finale contro l’Inghilterra inizia proprio con un errore difensivo: preoccupati di Kane, ci scordiamo sul secondo palo Shaw, abilissimo a insaccare con un sinistro al volo un cross a giro di Trippier. Wembley esplode, è una bolgia di gente in maglia bianca (anche perché i biglietti venduti ai tifosi italiani sono pochissimi, una vergogna). Per i primi 20 minuti dominano i padroni di casa e rischiamo di sbandare. Ma a quel punto l’Italia dimostra una qualità da grande squadra: invece di farsi prendere dall’ansia inizia a gestire il pallone, fa calmare gli avversari, entra in partita con la testa e comincia a giocare come sa. Le statistiche finali diranno che il possesso palla è nostro al 62%, per un totale di 20 tiri contro 6 degli inglesi. E tanti saluti al catenaccio.

Il pareggio arriva però solo al 67esimo, quando Bonucci, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ribatte in rete una grande parata di Pickford su Verratti. Il gol era nell’aria da tempo, ma non era ancora arrivato proprio per la bravura del portiere inglese (bellissimo anche il suo intervento su Chiesa qualche minuto prima) e per le solite difficolta di Immobile.

Il Ct se ne accorge e cambia: fuori il centravanti della Lazio, dentro il falso nueve del Sassuolo, Mimmo Berardi. Una mossa vincente, come Cristante per lo stanco Barella, mentre quelle successive (dentro Bernardeschi, Belotti, Locatelli e Florenzi al posto dell’infortunato Chiesa, Insigne, Verratti ed Emerson) fruttano meno del previsto.

Per fortuna, i cambi di Southgate si rivelano un disastro. L’allenatore inglese – che nel 1996, da giocatore, sbagliò il rigore decisivo in semifinale contro la Germania – si tiene le sostituzioni in vista dei tiri dal dischetto e alla fine inserisce Rashford e Sancho proprio per farli tirare dagli 11 metri. Peccato per lui che sbaglino tutti e due: il primo prende il palo, mentre il secondo si fa parare il tiro da Donnarumma. Stessa sorte per il giovanissimo Saka, che a 19 anni forse non era pronto per una responsabilità del genere. Tra gli azzurri, invece, sbagliano Belotti e Jorginho, mentre vanno a segno Berardi, Bonucci e Bernardeschi: finisce 4-3 per noi.

“Siamo stati bravi, abbiamo preso gol subito e siamo andati in difficoltà, ma poi abbiamo dominato la partita – le parole di un Mancini con gli occhi lucidi – I ragazzi sono stati meravigliosi, questa vittoria è importante per tutta la gente, per tutti i tifosi, siamo felici. La squadra è cresciuta tantissimo e può migliorare ancora, sono orgoglioso dei miei ragazzi, non ho parole. Appuntamento al Mondiale? Godiamoci questo. Oggi si è chiuso un cerchio, i nostri ragazzi sono stati incredibili”.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy