Il genere manga colpisce nuovamente l'immaginario cinematografico. Dopo l’anteprima all’Annecy International Animation Film Festival, il 2, 3 e 4 dicembre arriva nelle sale italiane, I figli del mare, colossal d’animazione dello Studio 4°C, diretto da Ayumu Watanabe e tratto dal manga di Daisuke Igarashi.

Kenichi Konishi è il direttore dell’animazione e character designer e, attraverso questo lavoro, racconta la storia di Ruka, liceale ribelle, che viene esclusa dall’attività del club per l’intera durata delle vacanze scolastiche; fortemente annoiata, la ragazza decide di visitare il padre all’acquario dove lavora. Qui farà uno strano incontro con Umi (mare) un ragazzo straniero che sembra cresciuto fra strani e straordinari segreti. Affascinata dal suo modo di nuotare, che lo fa sembrare un uccello in volo, Ruka si trova, suo malgrado, a far parte di un complesso ingranaggio più grande di lei. Nel contempo, tutto il mondo è sconvolto da un’anomalia mai vista prima: tutti i pesci stanno scomparendo. Joe Hisaishi, storico collaboratore dello Studio Ghibli, ha composto le musiche per il film.

La pellicola è stata presentata al Lucca Comics & Games, domenica 3 novembre, in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Un lavoro decisamente interessante, che apre un nuovo spiraglio su questo genere, conferendo nuova dignità all'arte del fumetto.

I figli del mare (Giappone, 2019)

Regia: Ayumu Watanabe

direttore dell'animazione: Kenichi Konishi

musiche: Joe Hisaishi

Art Director: Shinji Kimura

distributore: Nexo Digital e Dynit

Pin It

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.