L’esplosione dei contagi di Coronavirus negli Stati Uniti e il deterioramento dell’economia americana stanno spingendo l’amministrazione Trump ad alzare drammaticamente i toni dello scontro con la Cina. L’ultimo esempio di questa escalation si è registrato nel fine settimana con il dispiegamento di ben due portaerei in quello che è da tempo uno dei terreni di sfida più caldi e pericolosi tra le due potenze, vale a dire le acque del Mar Cinese Meridionale.

La “USS Ronald Reagan” e la “USS Nimitz” hanno iniziato esercitazioni militari in quest’area sabato scorso proprio mentre operazioni simili delle forze navali cinesi erano in corso nelle vicinanze. Le due portaerei sono state accompagnate da velivoli e navi da guerra, per un totale di oltre diecimila uomini impegnati. Secondo il New York Times, il dispiegamento anche di una sola portaerei americana serve solitamente a inviare un chiaro messaggio per far desistere paesi rivali da una qualche attività sgradita. L’invio di due portaerei rappresenta perciò una “significativa dimostrazione di forza”.

Per dare l’idea del livello di provocazione delle operazioni americane dei giorni scorsi è sufficiente ricordare come negli ultimi vent’anni la Marina militare USA abbia condotto esercitazioni di guerra con due portaerei contemporaneamente appena cinque volte. Non solo, pochi giorni prima, una terza portaerei – la “USS Roosevelt” – aveva operato nel vicino Mare delle Filippine.

Come di consueto, i vertici della Marina militare hanno ufficialmente escluso che le manovre siano dirette contro Pechino, anche perché a loro dire sarebbero state programmate da tempo. Le provocazioni americane nel Mar Cinese Meridionale avvengono inoltre sempre sotto la copertura di attività volte a riaffermare la “libertà di navigazione”. Le ultime dichiarazioni hanno lasciato tuttavia intendere che l’obiettivo è quello di testare le capacità difensive USA, ovvero di preparare la macchina da guerra americana a un conflitto con la Cina.

Nei giorni scorsi, oltretutto, il Pentagono aveva apertamente criticato le esercitazioni militari cinesi nelle acque contese al largo delle isole Paracel, condotte tra l’uno e il cinque di luglio. Il comunicato ufficiale affermava come “le esercitazioni militari in territori contesi nel Mar Cinese Meridionale non contribuiscano ad allentare le tensioni e al mantenimento della stabilità”. In tutti i casi, Washington sostiene anche di voler assicurare la sovranità e i diritti dei paesi del sud-est asiatico, molti dei quali sono appunto coinvolti in dispute territoriali e marittime con Pechino.

Al di là della legittimità delle rivendicazioni della Cina e degli altri paesi della regione, l’interesse degli Stati Uniti per quest’area ha a che fare con fattori ben diversi. Fin dai primi anni dell’amministrazione Obama, il governo e i militari americani avevano concentrato la propria attenzione sul Mar Cinese Meridionale, sia per l’importanza strategica che questa trafficatissima via navale ha per Pechino sia per la vicinanza al territorio cinese e ad alcune delle più importanti installazioni militari di questo paese.

Le pressioni sulla Cina sono poi aumentate con l’arrivo di Trump alla Casa Bianca. Le operazioni americane nel Mar Cinese Meridionale si sono così moltiplicate e nel contempo Washington ha cercato di coinvolgere alcuni dei propri alleati nell’offensiva anti-cinese. In particolare, gli USA hanno spinto per la creazione del cosiddetto “Quad”, cioè una semi-alleanza militare diretta al contenimento della Cina e di cui fanno parte l’Australia, il Giappone e l’India.

L’interesse per il Mar Cinese Meridionale da parte americana è dunque ormai una costante nella strategia anti-Pechino. La decisione di procedere con una provocazione di portata così notevole, come quella del fine settimana, è da collegare però, oltre che alle già ricordate esercitazioni militari cinesi in corso, anche all’attitudine parzialmente cambiata di alcuni paesi dell’area in merito alle contese territoriali e, di riflesso, alla rivalità tra Washington e Pechino.

In altri termini, la Casa Bianca e il Pentagono non hanno esitato a inviare nella regione una forza di fuoco eccezionale anche per rimarcare un’evoluzione sfavorevole alla Cina nell’ultimo periodo. Un’evoluzione segnata, tra l’altro, dal riavvicinamento strategico tra USA e Filippine, dopo il tentativo di disgelo con Pechino del presidente Rodrigo Duterte parzialmente rientrato, e da una presa di posizione a favore di un accordo collettivo sulle dispute nel Mar Cinese da parte dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est Asiatico (ASEAN). Quest’ultimo organismo aveva sempre tenuto un atteggiamento cauto in proposito per non irritare la Cina che, a sua volta, predilige negoziati e accordi bilaterali.

Più in generale, gli USA intendono “affondare” il colpo in un punto nevralgico per gli interessi cinesi e fondamentale per le mire americane di dominio in Asia orientale, con una calcolata escalation di provocazioni che hanno caratterizzato questi ultimi mesi di emergenza sanitaria globale. La sfida di Washington a Pechino nell’ultimo anno del primo mandato di Trump si sta consumando infatti a tutto campo e include, oltre alle manovre nel Mar Cinese, le accuse per la gestione dell’epidemia di Coronavirus, la denuncia del giro di vite imposto a Hong Kong, l’aperta condanna del trattamento riservato alla minoranza Uigura nella regione dello Xinjiang e la vera e propria guerra dichiarata contro il colosso delle telecomunicazioni Huawei.

Per quanto riguarda le ultime esercitazioni americane nel Mar Cinese Meridionale, il governo cinese non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali. L’irritazione di Pechino è tuttavia nota e viene frequentemente espressa con estrema durezza. Sulla questione era ad esempio tornato qualche settimana fa un portavoce del ministero della Difesa, il quale aveva spiegato che “gli Stati Uniti, come paese situato al di fuori della regione, hanno usato la giustificazione della ‘libertà di navigazione’ per inviare provocatoriamente navi e aerei da guerra nel Mar Cinese Orientale e in quello Meridionale”. L’effetto di queste operazioni, concludeva senza mezzi termini il ministero, è quello di “compromettere seriamente la pace e la stabilità della regione”.

Un’idea di Paese misera e confusa, condita di piagnistei e sparate da bullo. È questa la cifra della nuova Confindustria di Carlo Bonomi, che in poco più di due mesi ha già rivelato tutta la sua pochezza. Di idee innovative per rilanciare il Paese, come sempre, non c’è traccia. La ricetta proposta dagli industriali italiani è la stessa che conosciamo da trent’anni: aiuti pubblici a fondo perduto, meno tasse, meno costo del lavoro e licenziamenti più facili, possibilmente con qualche concessione anche su norme ambientali e di sicurezza sul lavoro.

A questa miopia si accompagna una maschera d’aggressività dietro cui si nasconde un’indole pavida. Oggi come ieri, gli imprenditori italiani sono sempre pronti ad appoggiarsi allo Stato (oggetto di insulti a ciclo continuo), ma anche riluttanti a investire. Perché oltre alla creatività manca loro anche il coraggio.

Di boria, però, hanno i magazzini pieni. E allora ecco che Boccia, fresco di elezione, si è permesso di dire che “la politica rischia di fare peggio del Covid”, frase stupida e insultante quant’altre mai.

Ma chi è questo signore che da aprile guida Confindustria? Come imprenditore è piccolo: la sua azienda biomedicale conta appena otto addetti. Il successo di Bonomi è arrivato in Assolombarda e nelle varie assise confindustriali, dove si è distinto come il più agguerrito bombardiere di reddito di cittadinanza e quota 100.

La sua elezione è arrivata nel momento peggiore per il Paese, travolto dall’emergenza sanitaria ma anche dall’inizio di una crisi economica che si annuncia più grave di quelle del 2008-2009 e del 2011-2012. Già oggi diverse imprese denunciano crolli degli ordini e del fatturato fra il 50 e il 60%, mentre in autunno, quando la cassa integrazione finirà, migliaia di aziende salteranno, con conseguenze drammatiche sull’occupazione.

In questo scenario, Bonomi ha scelto di giocare d’attacco, accusando il governo di “debolezza politica”, di “smarrimento”, di non avere “un'idea della strada da percorrere”. Fino a quella frase sciagurata con il paragone fra la politica e il virus.

Quando però dalla pars destruens è dovuto passare alla costruens, Bonomi ha messo in luce tutti i propri limiti. A sentirlo parlare durante gli Stati generali, sembrava che la priorità numero uno per l’Italia fosse la restituzione alle imprese di 3,4 miliardi di accise sull'energia pagate e non dovute. Una rivendicazione legittima, in quanto fondata su una sentenza della Corte di Cassazione dello scorso febbraio, ma anche patetica e provinciale, visto il contesto in cui è arrivata. 

In un libretto dal titolo “Italia 2030. Proposte per lo sviluppo”, di cui Bonomi firma la prefazione, si parla poi di alleggerire il peso della burocrazia favorendo la digitalizzazione, di tagliare l'Ires e di accettare i 36 miliardi che il Mes garantirebbe alla sanità italiana. Le imprese rivendicano inoltre il diritto di mettere bocca sulla destinazione dei fondi Ue.

Una lista della spesa, come al solito. Gli industriali fanno richieste, snocciolano imperativi, piagnucolano di “sentimenti antindustriali” a loro giudizio immotivati, ma non si mettono mai davvero in gioco. Il loro unico interesse continua essere privatizzare gli utili quando le cose vanno bene e socializzare le perdite in tempo di crisi.

La vera novità introdotta da Bonomi è che ora Confindustria persegue questi obiettivi in proprio, senza farsi rappresentare da alcun partito. In effetti, non ne avrebbe modo: il Movimento 5 Stelle non è mai stato tenero con gli industriali, mentre la Lega è antieuropeista e la scissione a destra pilotata nel Pd si è risolta in un disastro (Renzi rimane il leader più vicino agli imprenditori, ma ormai nei sondaggi Italia Viva è finita perfino sotto Calenda).

In questo contesto, Bonomi è ben contento di essere rappresentato dai media come un antagonista del governo: la gran cassa lo aiuta a definire il proprio ruolo e a realizzare il suo progetto di una Confindustria-partito. Ma siamo sicuri che questo Esecutivo sia davvero così nemico degli industriali? Forse abbiamo già dimenticato l’esenzione Irap da quattro miliardi prevista dal decreto Rilancio a beneficio di tutte le imprese, senza paletti né limiti di fatturato. Un regalo mica male, per arrivare da un nemico.

È proseguita senza sosta per tutto il fine settimana l’ondata di proteste negli Stati Uniti, esplose contro i metodi brutali delle forze di polizia, che stanno mostrando al mondo come la prima potenza del pianeta, già devastata dall’epidemia di Coronavirus, sia nient’altro che una polveriera sociale sul punto di esplodere. Di fronte al dilagare della rivolta, il presidente Trump continua a fare appello alle forze fascistoidi che costituiscono, in definitiva, la sua vera base di sostegno nel paese e ha denunciato, con implicazioni inquietanti, le manifestazioni in corso come iniziative promosse da provocatori, se non terroristi, di estrema sinistra.

Gli scontri che durano ormai da quasi una settimana raccontano di un’America sconvolta da un movimento popolare spontaneo dalle dimensioni inedite negli ultimi decenni. Un centinaio di città hanno fatto registrare proteste durissime, accolte quasi sempre dal pugno di ferro delle autorità, sull’onda dell’assassinio da parte di un agente di polizia del 46enne afro-americano George Floyd a Minneapolis il 25 maggio scorso.

Gli eventi seguiti a questo ennesimo gravissimo episodio di violenza deliberata avevano subito scatenato la rabbia della popolazione della città del Minnesota, con scene difficilmente riscontrabili nelle democrazie occidentali in tempi recenti, come la fuga dell’intero corpo di Polizia da un distretto mentre l’edificio che lo ospitava veniva dato completamente alle fiamme.

Fatti così eccezionali sono stati seguiti dalla reazione altrettanto sconvolgente del presidente degli Stati Uniti. Trump aveva subito invocato la repressione delle proteste, con il preciso scopo di incitare le stesse forze dell’ordine a soffocare nel sangue i disordini, fino addirittura a sparare sulla folla in rivolta. Il risultato della violenza fomentata dal vertice stesso dello stato è un bilancio finora già molto grave. I morti tra i manifestanti sarebbero due, di cui uno a Louisville, nel Kentucky, a causa di una sparatoria che ha coinvolto gli uomini della Guardia Nazionale.

Centinaia sono invece gli arresti in tutto il paese, mentre almeno 26 stati hanno mobilitato proprio la Guardia Nazionale, su invito di Trump, e una ventina hanno imposto il coprifuoco nelle ore notturne. Particolarmente numerosi sono stati i manifestanti a New York, dove si parla di decine di migliaia di persone scese per le strade in maniera pacifica. Clamorose sono state invece le scene viste a Washington. Nella capitale, le proteste hanno raggiunto la Casa Bianca e, in una situazione altamente simbolica, venerdì il presidente è stato condotto dagli uomini del Servizio Segreto nel bunker dell’edificio, dove è rimasto asserragliato e super-protetto per circa un’ora mentre all’esterno infuriava la rivolta.

Da Chicago a Philadelphia, da Miami a Los Angeles, da Seattle a Las Vegas, americani in larga misura appartenenti alla “working-class” non solo di colore hanno dato vita a una protesta quasi senza precedenti, innescata di fatto da un altro omicidio della polizia, ma alimentata come benzina sul fuoco da una crisi sociale aggravatasi a causa del tracollo dell’economia provocato dall’emergenza Coronavirus.

Un numero di disoccupati schizzato a 40 milioni praticamente dall’oggi al domani, quasi 20 milioni di lavoratori che rischiano o perderanno di certo la propria copertura sanitaria e un governo impegnato ad assicurare migliaia di miliardi di dollari ai grandi interessi economico-finanziari sono le vere ragioni di fondo di quanto sta accadendo oltreoceano in queste ore. È difficile in definitiva non constatare, come ha spiegato il filosofo e attivista Cornell West, “il fallimento definitivo dell’esperimento sociale americano” e del modello di capitalismo USA, in grado di generare ingiustizie sistematiche, disuguaglianze dalle dimensioni quasi incomprensibili e un’oligarchia irremovibile che controlla ogni aspetto dell’economia e della società.

Di fronte inoltre al pericolo di una vera e propria controrivoluzione di estrema destra, il cui centro nevralgico sembra essere precisamente alla Casa Bianca, i tentativi di pacificare la situazione messi in atto dagli oppositori di Trump appaiono ugualmente pericolosi o, quanto meno, fuorvianti.

Tra politici del Partito Democratico e commentatori a esso vicini sono in molti che, sia pure criticando le posizioni del presidente, hanno sposato la tesi della presenza in maggioranza di provocatori violenti tra le fila dei rivoltosi. Ancora più allarmante, oltre che patetico, è lo sforzo di altri per ricondurre i fatti di questi giorni all’ultra-screditata caccia alle streghe anti-russa. L’ex consigliere per la Sicurezza Nazionale di Obama, Susan Rice, ha ad esempio caratterizzato le proteste come tipiche dell’agenda di Mosca, da dove si starebbe cercando di alimentare il caos per destabilizzare  gli USA per fini strategici.

Al contrario, quasi nessun politico democratico di spicco ha denunciato come tali le tirate di stampo fascista contro i manifestanti di Trump. Questo genere di reazioni rivela il terrore che attraversa la classe dirigente americana di qualsiasi orientamento politico, costretta a osservare forse per la prima volta il fantasma di una rivoluzione popolare in avanzamento.

Nella migliore delle ipotesi, media e politici “liberal” cercano in tutti i modi di collocare le proteste in un quadro puramente razziale, ancora una volta per tenere lontano il più possibile dal dibattito pubblico americano il fattore al contrario di gran lunga più importante per spiegare l’esplosione in atto, cioè quello di classe.

In uno scenario simile, è purtroppo altamente probabile che le centinaia di migliaia di americani scesi nelle strade delle città di tutto il paese finiranno per andare incontro a una violentissima repressione, dovuta in primo luogo all’isolamento e all’abbandono a cui vengono lasciati in assenza di un punto di riferimento politico realmente di sinistra.

Allo stesso modo, è tutt’altro che inverosimile pensare a un colpo di mano da parte dell’amministrazione Trump. In affanno nei sondaggi a pochi mesi dalle presidenziali, con l’economia in caduta libera e di fronte al radicalizzarsi della protesta, l’inquilino della Casa Bianca potrebbe sfruttare la situazione di crisi e l’impotenza dei suoi oppositori per adottare una qualche misura che introduca una sorta di stato di emergenza permanente o per dichiarare i manifestanti “terroristi domestici”.

Al centro delle manovre ci sarebbe in questo caso il ministro della Giustizia (“Attorney General”), William Barr, da sempre sostenitore convinto del rafforzamento dei poteri dell’esecutivo e, non a caso, in questi giorni tra le voci più dure all’interno del governo federale nella denuncia delle manifestazioni partite da Minneapolis e dilagate quasi in ogni angolo degli Stati Uniti.

La trattativa sul Recovery Fund dimostra che la politica dell’Unione europea è dominata da due forze opposte: la prima, centripeta, tende all’accentramento del potere decisionale in capo alle due principali economie; la seconda, centrifuga, consente ai Paesi più insignificanti di tenere in ostaggio l’intera alleanza. Il 18 maggio Francia e Germania hanno presentato una proposta comune per il Recovery Fund, lo strumento che dovrebbe aiutare l’Europa a riprendersi dai colpi della pandemia. In sostanza, si tratta di 500 miliardi di aiuti a fondo perduto (quindi da non rimborsare), reperiti attraverso bond della Commissione europea (con garanzia di tutti i Paesi Ue) e destinati ai Paesi più colpiti dal Covid-19.

A questo risultato si è arrivati attraverso una serie di manovre d’avvicinamento fra Parigi e Berlino. Nella prima fase della crisi, a condurre le danze è stato Emmanuel Macron, che con otto alleati - tra cui Italia e Spagna - ha firmato una lettera per chiedere il varo degli eurobond, opponendosi al rigore dei nordici. Era però solo una mossa d’apertura, visto che qualche giorno dopo il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, ha presentato ai partner una proposta di un compromesso. Il Recovery Fund, appunto, che secondo Parigi doveva essere un veicolo finanziario autonomo, con la possibilità di andare sui mercati.

A quel punto il pallino è passato nelle mani di Angela Merkel, che ha riplasmato a sua immagine il progetto francese, legandolo al prossimo bilancio dell’Unione europea (2021-2027). Non solo: con la trovata dei finanziamenti a fondo perduto, la cancelliera evita che gli aiuti gonfino i debiti pubblici dei Paesi destinatari, disinnescando così il rischio di condivisioni degli oneri in caso di default sovrano. Un’altra innovazione con cui Merkel ha convinto i suoi alleati di governo riguarda il fatto che il Recovery Fund non finanzierà gli Stati, ma direttamente le aree più colpite dal virus, attraverso crediti alle aziende e progetti di rilancio.

La proposta francotedesca ha sbloccato lo stallo in cui si trovava la Commissione europea, che sotto la pressione dei Paesi del Nord ha rinviato per tre volte la presentazione del piano sul Recovery Fund, inizialmente prevista per il 6 maggio e poi slittata al 27. Bruxelles lavora su due tavoli: da una parte intende aumentare la portata del Fondo a mille miliardi, creando un cocktail di prestiti e finanziamenti a fondo perduto che si sommeranno agli altri mille miliardi del bilancio Ue; dall’altra punta a trovare una soluzione ponte per far arrivare i primi soldi a settembre, e non a gennaio 2021, come imporrebbe il legame con il bilancio europeo. A giugno il piano sarà discusso fra i governi dell’Unione, ma il via libera potrebbe non arrivare prima di luglio.

Il motivo è da ricercare nell’altra forza dominante in Europa, quella centrifuga. Austria, Danimarca, Svezia e Olanda hanno presentato un documento comune per opporsi “a qualsiasi strumento che porti alla mutualizzazione del debito o a un significativo aumento del bilancio dell’Unione”. I quattro Paesi - battezzati dalla stampa britannica “Frugal Four”, con un richiamo ironico ai Beatles (i “Fab Four”) incompreso in Italia - propongono un Emergency Recovery Fund basato su prestiti “da restituire” e subordinati a “un forte impegno sulle riforme e sul quadro finanziario”. Una ricetta che sa molto di austerità.

Come se ne esce? Innanzitutto, occorre tenere presente che i Quattro Frugali non sono forti come i ragazzi di Liverpool: messi insieme, i loro contributi al bilancio Ue sono inferiori a quelli dell’Italia. In secondo luogo, due su quattro sono politicamente ricattabili.

A cominciare dall’Olanda, che dispensa le sue rampogne moraleggianti mentre ruba miliardi di tasse agli altri i Paesi europei, essendo un paradiso fiscale. Già il documento di Merkel e Macron attaccava il dumping olandese, che ora è finito anche nel mirino della Commissione. Alla fine, è verosimile che il premier Mark Rutte (appeso a un filo in patria) sarà indotto a più miti consigli.

Quanto all’Austria, a cucinare il cancelliere Kurz dovrebbe pensarci ancora una volta Angela Merkel, che ha incaricato i Verdi tedeschi di fare pressione sui loro omologhi viennesi, decisivi per la tenuta del governo.  

Più complicate le partite in Svezia, dove c’è un esecutivo di minoranza ostaggio del Parlamento, e in Danimarca, Paese dominato dall’euroscetticismo.

È facile prevedere che i negoziati saranno lunghi e le concessioni inevitabili. Dal punto di vista dell’Italia, tutto ruota intorno alle condizioni imposte a chi riceverà i fondi. Il rischio è che somiglino a quelle usate otto anni fa per affondare la Grecia.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.