La metà degli obiettivi per spendere i miliardi del Recovery Fund sono a carattere ambientale: efficienza energetica, transizione verso energie rinnovabili, si va dalle stazioni di ricarica per veicoli elettrici all'incremento dei trasporti pubblici. In pratica, l'UE ci vuole più efficienti, verdi e digitalizzati confidando in ripercussioni positive sul nostro sistema produttivo, esattamente come gli ambientalisti ripetono da anni e come si è verificato in Germania grazie alla green economy.

Pur d'onorare la moneta sonante, la classe dirigente italiana comincerà a valutare la cultura dell'innovazione e della sostenibilità? Un concetto da ribadire è quanto sia assurdo ipotecare il futuro del nostro Paese a “grandi opere”, con appalti e subappalti milionari e corruzione diffusa, a discapito di una capillarità d'intenti che copra l'intero territorio nazionale, poiché questa sarebbe la valenza del Recovery. La Commissione che valuterà i progetti, incoraggia gli Stati membri a includere nei loro piani d'investimenti e di riforme alcuni settori chiave: 1 - Power up, ovvero introdurre tecnologie pulite a prova di futuro accelerando lo sviluppo e l'uso di energie rinnovabili. 2 - Renovate, ottimizzazione della resa energetica negli edifici pubblici e privati. 3- Recharge and Refuel, promuovere tecnologie pulite per incrementare l'uso dei trasporti pubblici. 4 - Connect, lanciare servizi a banda larga in tutte le regioni, disponibili a prezzi contenuti per ogni famiglia, compresi i 5G e le reti in fibra. 5 - Modernize, digitalizzazione per pubblica amministrazione e servizi, per gli apparati di sistemi giudiziari e sanitari. 6 - Scale up, aumento delle capacità di cloud per dati industriali ed europei con processori più potenti e sostenibili.

La data ultima per la presentazione è fissata al 30 aprile 2021, una delibera della bozza già dal 15 ottobre scorso. Il Recovery Plan sarà valutato dalla Commissione Europea e dal Consiglio, il quale dovrà apporre il suo timbro. Bruxelles auspicava a un prospetto completo in ogni sua fase entro gennaio 2021 in modo da erogare i fondi prima del secondo semestre.

La quota maggiore fra tutti i Paesi membri, cioè 209 miliardi di euro destinati all'Italia, dovrà essere  utilizzata attraverso priorità imprescindibili come infrastrutture per l'ambiente, supporto e potenziamento d'imprese virtuose, transizione ecologica, contrasto ai cambiamenti climatici: chiaro e conciso.

Com'è strutturato il Recovery Fund? In 81 miliardi a titolo di sussidi a cui si aggiungono 127 miliardi di prestiti. Il governo appena dimesso era in procinto di proporre alla Commissione e al Consiglio, un Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR), che avrebbe consentito un progetto di riforme e investimento da attuare nel periodo 2021 - 2023.

Un elaborato che potrebbe non essere completamente accantonato dal nuovo presidente in carica, Mario Draghi e che focalizzava sei aree d'azione: Programmi Comunitari, Aria, Acqua, Energia, Natura, Territorio. In breve, esso comprendeva: digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo, rivoluzione verde e transizione ecologica, infrastrutture per la mobilità, istruzione, formazione, ricerca e cultura, salute, equità sociale di genere e territoriale.

Comunque vadano le cose, esiste attualmente la capacità di un piano sufficientemente ambizioso? Ma soprattutto, la politica saprà attuarlo in tempi relativamente brevi? L'unico dato certo è la chance di poter centrare l'obiettivo; diversamente, il gap nei confronti degli altri Paesi in area UE, diventerà irreparabile, sprecando l'ennesima occasione di metterci al passo con le economie più virtuose.

Facciamo un esempio: secondo Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente, l'Italia non sembra avere idee lapalissiane su come trarre vantaggio dalla situazione. La dimostrazione sta nei progetti surreali di cui si continua a discutere anche attraverso i media. Immaginate un piano in cui si prevede il famigerato tunnel sotto lo stretto di Messina o la proposta targata ENI di confinare la CO2 nei fondali marini in Alto Adriatico o ancora, nuove strade pedemontane nel Nord Italia. Il nuovo governo, tecnico o politico che sia, ha un'eccezionale possibilità di modernizzare il Paese scegliendo un'unica strada: la lotta globale alla crisi climatica, la riconversione ecologica per sostenere l'economia e tali sono le indicazioni europee su cui dovrà basarsi il Green New Deal made in Italy. Ma non tutto è privo di insidie: è di poche settimane fa l'allarme del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, su come le mafie siano pronte a mettere le mani sul Recovery Fund a livello internazionale. Una denuncia circostanziata espressa attraverso il quarto report per l'Organismo Permanente di monitoraggio ed analisi sul rischio d'infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

La guerra dei vaccini alla fine è arrivata, e la sensazione è che stiamo già perdendo. Pfizer ha tagliato le forniture destinate ai paesi Ue; ha chiesto, e ottenuto, di venderci anche la famosa sesta dose che pensavamo di aver trovato in regalo nelle fiale; ci ha ricordato negli scorsi giorni che le forniture settimanali sono una gentile concessione, perché le penali per la mancata consegna delle dosi promesse si calcolano, da contratto, su base trimestrale. AstraZeneca, dal canto suo, ha già annunciato un consistente taglio nel primo trimestre 2021, iniziando un braccio di ferro con la Commissione Europea sui termini di un contratto (desecretato proprio all’apice della querelle) in cui l’azienda ritiene di essersi impegnata solamente a fare “del proprio meglio” per consegnare le dosi acquistate.

A prima vista, la pandemia di Covid-19 sembra avere avuto sulle economie e le società di tutto il mondo un impatto devastante e generalizzato, dal quale ancora si fatica a intravederne la ripresa. In realtà, come ha dimostrato il consueto rapporto sulle disuguaglianze della ONG britannica Oxfam, pubblicato ogni anno alla vigilia del World Economic Forum di Davos (WEF), per una piccola parte della società questi ultimi mesi sono stati una vera e propria benedizione, visto che la ricchezza dei pochissimi che ne fanno parte è aumentata vertiginosamente nonostante le sofferenze di centinaia di milioni di persone.

Presieduta da Emmanuel Macron, una coalizione di oltre 50 Paesi si è riunita a Parigi l'11 gennaio scorso per il vertice OnePlanet, impegnandosi formalmente a proteggere il 30% del pianeta entro il 2030, sostenere la biodiversità, fermare la distruzione degli habitat, rallentare l'estinzione della fauna selvatica. In pratica, preservare la buona salute degli ecosistemi terrestri, minacciati da produzione agricola, estrazione mineraria e inquinamento.

E’ il caso di sottolineare quel formalmente in quanto gli impegni fin qui profusi nei vari summit non hanno scalfito, almeno non sufficientemente, il record di una sesta estinzione di massa e la spirale di una crisi climatica ormai fuori controllo. E dunque, buone intenzioni presuppongono azioni condivise, altrimenti il binomio non regge.

Chi l'avrebbe mai detto, tutti vogliono un bambino in piena pandemia, tanto che è sensibilmente aumentata la richiesta di donazioni di sperma. Di certo questo sembra il momento meno adatto per figliare ma molti aspiranti genitori la pensano diversamente. I francesi affermano che solo cambiando tutto, il tutto rimane uguale. Una breve citazione per mano di un giornalista americano che deve essersi sbagliato perché tutti sanno che il vero autore della frase è Giuseppe Tomasi di Lampedusa e figura nel suo Gattopardo.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy