di Sara Nicoli

auditel Un conto è pensarlo. E fare in modo che quel pensiero si trasformi in una gestione politica di una rete tv senza, tuttavia, agire in modo tanto sfrontato da poter essere poi accusati di fare uno sporco doppio gioco. Altra cosa è dichiarare, con l'arroganza tipica dell'uomo, quello che pochi giorni fa ha espresso il direttore di Raduno, Fabrizio Del Noce. Che davanti ad un attonito consiglio d'amministrazione Rai se n'è uscito teorizzando "la necessità di un continuo equilibrio tra Rai e Mediaset, perché troppi punti di vantaggio per una rete o per l'altra non vanno bene per il sistema televisivo". O meglio: non vanno bene a Mediaset.

di Bianca Cerri

GENNAIO: Era ora: il 12 gennaio, dopo due anni di genocidi, gli Stati Uniti decidono di smettere la farsa sulle armi di distruzione di massa. Il 20 gennaio, in una Washington bianca di neve, George Bush inaugura la sua seconda presidenza con una cerimonia che non potrebbe essere più spettacolare, oltre che dispendiosa. Alcuni si divertono a contare i numerosi riferimenti a dio e alla libertà nel discorso presidenziale ma nessuno si accorge che l'Iraq e l'Afghanistan non vengono neppure nominati. In Italia, 17 persone muoiono in un incidente ferroviario. La tragedia suscita proteste e spinge i lavoratori di TrenItalia a scioperare ma con la paura di rimetterci il posto di lavoro. Nelle zone devastate dalla forza dell'onda anomala si continua a cercare eventuali superstiti e i governi promettono che potenzieranno i sistemi di sicurezza. Gli aiuti umanitari arrivati non vanno oltre il minimo indispensabile. In Italia hanno inizio le diatribe sulla gestione dei fondi, che è meglio tralasciare per carità di patria. Il 25 gennaio viene giustiziato in Texas Troy Kunkle, 38 anni. Lo stesso giorno, la Georgia mette a morte Timothy Carr, 34 anni. Il 30 gennaio, l'Iraq va al voto ma permane un clima di grande incertezza. La Chiesa Battista di Westboro, USA, condanna senza appello gli omosessuali e vieterà loro l'ingresso.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.