Dopo un triennio di debole ripresa del Mezzogiorno, nel 2018 si riapre la forbice col Centro Nord. Nel 2018, secondo l'annuale rapporto Svimez “L'economia e la società del Mezzogiorno”, il Sud ha fatto registrare una crescita del PIL di appena lo 0,6 per cento rispetto.all'1 per cento del 2017. Mentre il Centro Nord ha recuperato e superato livelli precisi, il Mezzogiorno risente ancora del calo dei consumi privati delle famiglie, che avevano più che compensato il crollo degli investimenti pubblici, i quali, nel 2018, avevo investito in opere pubbliche 102 euro procapite contro i 278 nel Centro Nord - e del mancato apporto del settore pubblico.

 

La tenuta del meridione, in quest'anno, sono gli investimenti, con una dinamica molto differenziata tra i settori: crescono le costruzioni mentre si sono fermati, con un forte rallentamento, quelle delle imprese in macchinari e attrezzature, segnalando un peggioramento del clima di fiducia degli operatori economici.

Quanto all'occupazione, si riallarga il gap tra sud e centro-nord: gli occupati al Sud sono calati complessivamente di centosettemila unità mentre al Centro Nord sono aumentati di quarantottomila unità. Aumenta la precarietà al Sud e si riduce al Centro Nord: i contratti a tempo indeterminato nel Mezzogiorno sono stati 48mila in meno contro i 54mila stipulati in più nel Centro Nord; mentre i contratti a tempo determinato sono aumentati nel Mezzogiorno di ventunomila unità e calati di 22mila nel Centro Nord; i settori che risentono di più del gap sono i servizi, la sanità e i servizi alle famiglie.

Per non parlare del tasso di occupazione femminile: il 35 per cento nel Mezzogiorno versus il 62 per cento nel Centro Nord. A conferma del quadro, l'emigrazione sempre più consistente dal Mezzogiorno verso il Centro Nord: le persone che si sono mosse in questa direzione, dal 2002 al 2017 sono state oltre due milioni di cui 137mila circa solo nel 2017; il saldo migratorio interno è negativo per 852mila unità.

Oltretutto tale dinamica determina una prospettiva demografica di spopolamento assai preoccupante e che riguarda, in particolare, i piccoli centri sotto i cinquemila abitanti. Un altro grosso divario è da ricercarsi nella quantità e nella qualità delle infrastrutture sociali, riguardando diritti fondamentali.

Nel comparto sanitario, la differenza è già nel numero dei posti letto ospedaliero per abitante: ventotto ogni diecimila abitanti al Sud contro i trentatre al Centro Nord. Nei servizi per gli anziani, poi, ogni diecimila utenti usufruiscono di assistenza domiciliare in 42 al centro, in 18 al Sud e in 88 al Nord. Nell'edilizia scolastica, a fronte di una media attorno al 50 per cento dei plessi scolastici al Nord che hanno il certificato di agibilità mentre al Sud sono appena il 28 per cento.

Pin It

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.