Il tentato colpo di stato in Nicaragua è fallito. Un esito prevedibile dati i rapporti di forza tra la stragrande maggioranza della popolazione, che appoggia il governo, e il pur ampio spettro della destra golpista, alimentata con denaro proveniente da Washington, sostegno degli alleati europei e sudamericani ed anche dei cosiddetti “progressisti” europei e “liberal” americani. Ma se all’esistenza dei secondi credono solo i primi, i sinistrati d’Europa esistono e, come una falange, si sono lanciati senza esitare né dubitare contro il governo sandinista. Ma quali sarebbero i misfatti del governo guidato dal Comandante Daniel Ortega?

 

Il governo sandinista ha prodotto il più imponente ed incisivo processo di modernizzazione del paese e, nel pieno di una economia sociale di mercato, lo ha fatto in senso socialista, orientandolo verso la distribuzione equa delle risorse. Si è concepito un modello di inclusione sociale, con un welfare i cui tratti salienti sono l’offerta di servizi essenziali gratuiti ad ogni livello. Salute, istruzione, pensioni, trasporti, case, cui si sono aggiunti aumenti salariali, crediti agevolati a famiglie, cooperative e piccole imprese.

 

In questi ultimi anni ha fatto registrare una crescita del PIL tra il 4 e il 5% annui e un forte aumento delle riserve in divisa. E’ un paese povero il Nicaragua, certo, ma le politiche del governo combattono la povertà e non i poveri. I dati? Tra il 2015 e il 2016 la povertà è passata dal 48 al 26%, mentre quella estrema è scesa dal 17,2 al 8,3, grazie ad una politica economica che vede il 55% della spesa nazionale destinato alla riduzione ulteriore della povertà attraverso programmi di investimenti pubblici. Non dovrebbe piacere tutto questo alla sinistra?

 

Tra il 2012 e 2016 c’è stato un aumento del 40% della spesa sociale, con 2,715 milioni di dollari spesi in investimenti pubblici. Tra questi spiccano 805 milioni di dollari per il miglioramento dei sistemi di viabilità aerei e terrestri, 145 per la sanità pubblica, 423 per l’energia elettrica, 254 per l’acqua e il risanamento idrico e 107 per l’istruzione. Che cosa delle politiche sopra descritte disturba la cosiddetta “sinistra”?

 

Il Nicaragua è stato premiato dalla FAO per esser stato tra i primi paesi al mondo a raggiungere gli “obiettivi del millennio” per la riduzione della povertà e delle disuguaglianze (dati certificati anche da Banca Mondiale e FMI). E’ quindi, quello sandinista, un modello che ha tenuto insieme crescita del PIL e riduzione forte della povertà estrema, legando la crescita macroeconomica a quella del tessuto sociale. Sono questi obiettivi propri dei regimi dittatoriali?

 

La riorganizzazione sistemica della capacità produttiva ha fornito concretezza a ciò che s’intende per sovranità nazionale in chiave energetica ed alimentare: il Nicaragua, oggi, produce oltre l’80 della sua energia da fonti rinnovabili e anche gran parte del cibo che consuma. E non solo di economia si tratta: il suo modello di polizia comunitaria ha garantito i migliori risultati in termini di sicurezza di tutta la regione centroamericana.

 

La partecipazione delle donne alla vita pubblica è stata in costante aumento, al punto che dal 2007 ad oggi il Gender gap del Nicaragua è passato dal 91° al 14° posto al mondo. Perché dunque la cosiddetta “sinistra” proclama Ortega nemico irriducibile quando egli ha fondato la sua politica socioeconomica sull’inclusione sociale e la partecipazione?

 

Sul piano politico c’è poco da dire. In tre ripetute elezioni - 2006, 2011 e 2016 - il Comandante Daniel Ortega ha vinto con un margine sempre crescente e gli osservatori internazionali presenti, tra i quali anche l’OSA, le hanno dichiarate valide e legittime. Persino diplomatici e analisti statunitensi hanno espresso il convincimento di una maggioranza schiacciante del sandinismo nell’elettorato nicaraguense e la spaccatura dell’opposizione (acuitasi ulteriormente persino durante e dopo il tentato golpe) ha fatto il resto.

 

Dove starebbe quindi la dittatura? Nella consecutiva candidatura di Daniel Ortega? I nostri raffinati giuristi di taglio liberale con aureola di sinistra dovrebbero ritenere risibile la questione. Sono decine e decine i paesi dove il limite dei mandati non esiste e in molti altri esiste solo per i mandati consecutivi, aggirabile con lo scambio tra presidenza e premierato.

 

La riforma costituzionale è stata approvata dal Parlamento e non si può erigere il parlamentarismo come simbolo della democrazia e poi stigmatizzarne le decisioni quando non coincidono con quelle in uso a Washington. Del resto il disegno costituzionale di ogni Paese non può essere accettato o respinto sulla base della sua somiglianza a quello statunitense e le elezioni non possono avere validità solo a seconda di chi vince. Dunque la domanda principale è: di quale dittatura stiamo parlando?

 

Quanto alle accuse di avere il controllo sui tre poteri - Esecutivo, Legislativo e Giudiziario - che disegnerebbe un regime autoritario, si deve ricordare che molti dei paesi al mondo lo hanno, in conseguenza di vittorie elettorali ampie. Gli Stati Uniti hanno lo stesso modello. Infatti, la Casa Bianca è in mano a Trump (che è anche Comandante in capo delle forze armate), Senato e Camera dei Rappresentanti sono sotto il dominio assoluto dei Repubblicani e la Corte Suprema è anch’essa sotto il controllo repubblicano. Dunque, se il Nicaragua è una dittatura perché il FSLN controlla i tre poteri, cosa sono gli USA dove il Partito Repubblicano controlla i tre poteri?

 

La questione, com’è evidente, è tutta politica: è il modello socialista il problema. Le accuse di regime autoritario sono il presupposto per il golpismo dedito al regime change nei paesi non allineati a Washington. E sono anche le relazioni internazionali con Russia, Iran, Cina, Cuba, Venezuela e Bolivia che infastidiscono la nostra “sinistra”. L’indipendenza e la sovranità nazionale del Nicaragua diventano regime appena entrano in collisione con gli interessi egemonici statunitensi.

 

Un esempio fuori dal Nicaragua di cosa questo significa e di cosa comporta? La settimana scorsa il governo di El Salvador, per un calcolo economico, ha deciso di rompere le relazioni con Taiwan ed aprirle con Pechino. Washington ha minacciato El Salvador di sanzioni e altre iniziative perché ritiene la sua scelta “contraria all’interesse nazionale degli Stati Uniti”.

 

In Nicaragua, come in Venezuela, Argentina o Brasile, Bolivia o Ecuador, il copione scelto è il medesimo. S’inventano dittature, corruzione e repressione per poter poi giustificare l’aggressione in nome della democrazia e la salvaguardia dei diritti umani, nuova frontiera ideologica dei disegni imperiali. E’ in campo la nuova giurisprudenza internazionale brandita da chi non riconosce le Corti Internazionali, non si sottomette al loro giudizio ma giudica; di chi esce dagli organismi multilaterali per la difesa dei diritti umani ma dispone condanne agli altri per la loro presunta violazione, sorvolando allegramente su Guantanamo e sull’uso massiccio della pena di morte permessa dal codice penale statunitense.

 

Esempio mirabile è la CIDH (Commissione Interamericana per i Diritti Umani della OSA): ha sede a Washington, gli Usa non le riconoscono la podestà di investigare su di loro ma la dirigono e s’incaricano di stabilire chi va assolto e chi va punito in America Latina. Eppure negli Stati Uniti, nel solo 2018, sono già 566 le vittime della polizia, mentre nel 2017 sono state 1147, quasi tutte di colore. Numeri che dimostrano come gli Usa, al pari del Messico, sono un Paese nel quale gli abusi della polizia assumono una dimensione tale da poter considerare le forze dell’ordine una organizzazione violenta, violatoria dei diritti umani e dedita più all’eliminazione dei rei che alla repressione dei reati. Ma trovano la sfacciataggine di dare pagelle agli altri.

 

Con magistrati formatisi negli USA e istruiti ad arte si muovono accuse ed arresti contro i leader politici della sinistra latinoamericana. Washington stabilisce reati e colpevoli, costruisce liste di proscrizioni, leggi extraterritoriali, tribunali politici senza prove e senza testimoni ed eroga pene a suo insindacabile giudizio che colpiscono sempre i suoi avversari o competitors.

 

Il gioco è senza fine e si ripete con modalità e sceneggiature sempre uguali ai quattro angoli del pianeta. Sanzioni, ingerenze, invasioni e isolamento sono le armi di questo modello che trascina l’umanità nel feudalesimo atomico, guidata da un feudatario che dispone di vassalli e valvassini; tra questi la “sinistra” europea, che da tempo confonde le banche con l’economia, le multinazionali con il lavoro e gli azionisti con la popolazione.

 

Ma questo “dettaglio” non indigna di sicuro la “sinistra” europea, il cui bisogno di compiacere sempre e comunque Washington è conclamato: in fondo, in questi ultimi 30 anni, nemmeno una volta l’Europa si è resa distinta e distante dalle scelte USA di destabilizzazione nei diversi paesi dell’Est Europa e del Medio Oriente e, anzi, in alcuni casi le ha addirittura ispirate (Libia e Siria).

 

Nel continente americano la ricetta vede false accuse contro i leader della sinistra, colpo di Stato in Honduras, golpe parlamentare in Paraguay e Brasile, intenti di golpe in Bolivia ed Ecuador, blocco contro Cuba, aggressione al Venezuela ed ora al Nicaragua; ma la cosiddetta “sinistra” affianca i pirati e accetta che la destabilizzazione permanente del pianeta continui ad imporre gli interessi degli Stati Uniti al centro di ogni processo politico e commerciale. Inevitabile che l’autodeterminazione dei popoli resti così un immemore principio novecentesco.

 

L’Europa ha da decenni la peggiore sinistra del mondo e l’Italia è l’espressione peggiore di quella europea. Ci si riferisce a quella sinistra inquadrata nel sistema di potere e di relazioni che, in Italia, ruota intorno al PD, al suo sottobosco e ai suoi titoli di coda; va dalle redazioni di Repubblica e Manifesto al TG3, ai funzionari delle ONG fino agli scappati di casa del trotzkismo. Padre e madre di tutte le sconfitte progressiste degli ultimi 30 anni,  ha posizioni coincidenti persino nelle virgole con opinioni e giudizi della Casa Bianca e delle ONG legate alle covert action della stessa. Compatta a sostenere la trasformazione della cooperazione in cospirazione, si arruola contro il nuovo “asse del male”, ascolta l’Aspen Institute per sapere come guardare il mappamondo e Freedom House per stabilire chi sono i buoni e i cattivi.

 

Sono i teorici della “ingerenza umanitaria” - dalla metà degli anni ’90 struttura ideologica della Dottrina del Nuovo Ordine Mondiale - che spaccia l’unilateralismo statunitense per governance globale e invoca guerre, sanzioni ed embarghi per chi avversa il comando unipolare. Non tollera i dazi che limitano la libertà di commercio ma promuove gli embarghi che la distruggono. Come già su Cuba e sul Venezuela ora tocca al Nicaragua, è qui che scatta l’ordine di scuderia.

 

La posizione di tutta la sinistra latinoamericana, rappresentata dal Foro di Sao Paulo, che sostiene senza esitazioni il Nicaragua sandinista, non gli provoca nessun interrogativo: del Nicaragua non conoscono nulla, spesso non sanno indicare nemmeno dove si trovi e quasi sempre non ci sono mai stati, ma pubblicano resoconti falsi, direttamente consegnati dai loro amici nell’opposizione golpista e trasformati in verità assolute.

 

Il Manifesto si distingue per solerzia. Il valore di ciò che scrive non è rappresentato dalle copie che vende, qualunque blog ha più lettori, figuriamoci i siti online: il valore aggiunto è piuttosto la suggestione che offre un quotidiano che si vorrebbe di sinistra -addirittura “comunista” - e che da sempre attacca i governi socialisti, fornendo il suo sostegno alla guerra di propaganda. Apparentemente combatte Trump, ma nello specifico del Nicaragua si schiera con la destra statunitense che lo sostiene senza che gli si muova un sopracciglio.

 

Un esempio? Dal 19 Aprile ad oggi, ha pubblicato diversi articoli che, con cifre false, raccontano di una tremenda repressione in Nicaragua. Ma non un rigo su 23 poliziotti e decine di militanti del Frente Sandinista uccisi, di sedi, radio e case di militanti del Fsln date alle fiamme, ambulanze e uffici pubblici bruciati; non una parola sulle falsità documentate di “morti” causa repressione che apparivano vivi e in tutt’altro luogo costretti a smentire, o delle sceneggiate ad arte con telecamere pronte a riprendere lo show e successivamente sbugiardate sui media alternativi e sui social.

 

Lo ha fatto la BBC, ma non Il Manifesto o La Repubblica o Il Fatto, quest’ultimo brogliaccio della legalità in Italia ma papagallo tifoso dell’illegalità in Venezuela e Nicaragua. Mai nemmeno un rigo sugli armamenti delle maras dietro alle barricate, dei furti e degli stupri commessi, nemmeno su una poliziotta fermata, torturata, violentata e assassinata e su un suo collega torturato, ucciso e dato alle fiamme davanti alla barricata. Nemmeno dei video che evidenziavano questo terrore hanno voluto dare conto. E come mai questi cavalieri indomiti dell’emergenza umanitaria e della legalità non hanno gridato l’orrore, anzi hanno difeso a spada tratta i criminali mettendosi a favore di vento nel coro della destra internazionale?

 

Al “quotidiano comunista” non viene in mente che un tentativo di golpe guidato da Confindustria locale e latifondo, gerarchia ecclesiale e ultradestra, diretto dai senatori e congressisti statunitensi dell’ultradestra mafiosa di Miami e finanziato apertamente da USAID, Freedom House, IRI, IDI ed altri istituti che agiscono per conto dell’intelligence USA difficilmente può essere identificabile come rivolta popolare per spostare il paese a sinistra? E suscita non pochi interrogativi un articoletto pubblicato la scorsa settimana che descrive la situazione in Nicaragua con identici termini di una contestuale interrogazione parlamentare di Forza Italia. Si celebra sul Nicaragua il nuovo Nazareno?

 

Perché tanto livore della cosiddetta “sinistra” proprio sul Nicaragua? Perché il Nicaragua è, sotto molti aspetti, un luogo simbolico ideale per la catarsi definitiva del processo di trasformazione della sinistra in destra. E’ luogo per antonomasia dello scontro tra annessione e indipendenza, che significa nei fatti tra Stati Uniti e America Latina (e non solo), dunque terreno cogente di verifica della nuova collocazione.

 

D’altra parte, la cosiddetta sinistra dei salotti, che tra un prosecco e un pettegolezzo si sente ancora il sale della terra, che ha abbandonato ogni istanza di trasformazione anticapitalistica ed elevato la già accertata distanza con gli umili a genuino e sincero rigetto verso di essi, traghetta le ultime scialuppe verso lidi sicuri e più confortevoli. Alla fine degli anni 60’ diedero vita ad un giornale per sostenere una scissione dal PCI che si fondava sulla rottura con il socialismo reale. Oggi, i pronipoti complessati di quella storia, si affannano smodatamente ad ingraziarsi il capitalismo reale. Aveva ragione Marx: la storia si presenta la prima volta come tragedia e la seconda come farsa.

Quarantacinque anni fa, i caccia militari dei traditori delle Forze Armate cilene bombardavano la Moneda, il palazzo presidenziale, con l’ordine di uccidere il Presidente Salvador Allende, medico e leader socialista democraticamente eletto alla guida della coalizione Unidad Popular.

 

Nasceva quel giorno il regno del terrore, con torture, uccisioni e detenzioni di massa. Lo stadio di Santiago del Cile pieno di detenuti politici, la DINA,  famigerata polizia politica e Villa Grimaldi, luogo delle peggiori torture, divennero le icone di una dittatura sanguinaria del macellaio dagli occhiali neri e la divisa inspiegabilmente dotata di fregi militari mai ottenuti sul campo.

 

L’11 Settembre del 1973, nel sangue e nel tradimento delle sue forze armate (e di alcuni partiti della destra come la Democrazia Cristiana che svolsero il ruolo di fronte interno del golpe made in USA), finiva l’esperimento di un socialismo che raggiungeva il potere non con l’insurrezione, fase finale tipica di un processo rivoluzionario, ma con il cammino elettorale, proprio del disegno politico democratico-liberale.

 

Il governo di Unidad Popular aveva ottenuto importanti successi sul piano sociale ed altrettanto decisa era stata la scommessa sul futuro del suo Presidente. Allende infatti aveva scelto di marcare la storia del Cile nel segno della giustizia sociale e dell’edificazione del socialismo: nazionalizzò le miniere di rame (di cui il Cile era primo produttore ed esportatore al mondo) e volle procedere con un piano generale di nazionalizzazioni o, almeno, di riposizionamento dello Stato nei gangli strategici della vita del paese, come le telecomunicazioni e la grande produzione alimentare, oltre che le vie di comunicazione.

 

Il governo statunitense, guidato da Richard Nixon, non poteva e non voleva tollerare ciò che avrebbe messo in discussione il dominio statunitense e, in prospettiva, persino i suoi stessi avamposti militari strategici al Polo Sud. La Casa Bianca, spinta dalle multinazionali americane come la At&T e la United Fruit Company (che vedevano sfumare profitti altissimi) e desiderosa di fornire una lezione valida per chiunque, decise quindi di promuovere il rovesciamento violento del governo di Salvador Allende. L’ispiratore del Colpo di Stato fu Henry Kissinger, criminale internazionale che, come altri, è stato insignito del Nobel per la pace, forse come omaggio per le competenze maturate nell’arte dello sterminio programmato.

 

L’11 Settembre 1973, con la vittoria dei golpisti agli ordini del Generale Augusto Pinochet, il Cile smetteva di essere solo un paese del Sud America per trasformarsi in un nuovo paradigma internazionale. Quello che si stabiliva, da lì in avanti, è che i riti democratici vanno rispettati solo se conviene; che le elezioni sono valide solo se vincono gli alleati degli Stati Uniti e vanno annullate se invece vincono le forze popolari. Certo, all’epoca, facendo ricorso all’arsenale ideologico della Guerra Fredda, di fronte ai processi rivoluzionari si doveva invocare l’alternativa della democrazia rappresentativa, i suoi riti elettorali, la divisione dei poteri e la relazione tra elettori ed eletti mediata dai corpi intermedi. Ma, nel caso anche con questo percorso si fosse affermata la sinistra – allora di origine socialista e comunista - il cammino democratico dovesse essere interrotto con ogni mezzo ed a qualunque prezzo.

 

Si determinava insomma, una volta e per tutte, che la democrazia parlamentare è poco più che un gioco di società quando in ballo ci sono il comando politico e il possesso delle risorse. Che gli Stati Uniti sono detentori assoluti del destino di qualunque paese ovunque nel mondo, il quale ha dinanzi a sé due opzioni: obbedire o perire.

 

Paraguay e Uruguay, Argentina e Brasile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Venezuela, Nicaragua: l’intero sub continente latinoamericano è stato il teatro a cielo aperto della rappresentazione più autentica del modello statunitense, che prevedeva (e tutt’ora prevede con differenze metodiche, non di sostanza) l’annullamento di ogni istanza indipendentista e socialista affinché Centro e Sud America garantiscano, con il saccheggio continuato di ogni loro risorsa, l’accumulo di ricchezze che, insieme alla supremazia militare internazionale, definisce lo status di superpotenza degli Stati Uniti ed il suo comando unipolare.

 

Le dittature militari fasciste latinoamericane furono anche un laboratorio criminale, il primo esperimento su scala internazionale di un sistema di polizia destinato al rastrellamento degli oppositori politici. Si chiamò Plan Condor e vide la CIA coordinare le polizie di tutte le dittature nella ricerca, cattura, tortura e uccisione di decine di migliaia di militanti della sinistra e delle forze democratiche. Come ricorda la tragica storia di Colonia Trinidad, non mancò la collaborazione alle operazioni di ex gerarchi nazisti riparati in Uruguay, Argentina a Paraguay; vi erano giunti grazie alle forze armate statunitensi che, dopo la caduta del nazifascismo, decisero di avvalersi di personaggi della ex Gestapo, la cui esperienza sarebbe tornata utile in vista della lotta contro la crescente influenza del socialismo internazionale.

 

Due generazioni di boia vennero formati allo scopo di garantire la supremazia statunitense nel continente. L’addestramento degli investigatori latinoamericani fu a carico dell’agenzia spionistica di Langley, mentre la formazione dei torturatori e dei vertici militari venne effettuata dal Pentagono, che la organizzò nella famigerata Escuela de las Americas con sede a Panama.

 

Il Cile, poi, rappresentò anche uno spartiacque a livello internazionale. Sul suo destino caddero maschere ed emersero verità occulte. Al fianco di Allende, nel balcone della Moneda, si affacciò il Comandante Fidel Castro, che nel corso della sua visita, con la sua consona preveggenza, volle regalare al presidente cileno un fucile mitragliatore di fabbricazione russa, AK-47, impugnando il quale Allende si recò all’ultimo combattimento della sua vita contro i militari golpisti.

 

Molti anni dopo, da quello stesso balcone, in una foto che racconta tutto quel che c’è da sapere circa i rispettivi personaggi e l’incrocio di affinità ideologiche, si affacciavano insieme e sorridenti Papa Woytila e il dittatore Augusto Pinochet, che ebbe nell’allora Pontefice, in Ronald Reagan e soprattutto in Margareth Teatcher, i suoi migliori alleati e amici.

 

Quarantacinque anni dopo, la lezione cilena ricorda a tutti come le strategie di destabilizzazione dei governi considerati ostili dagli Stati Uniti siano arma ricorrente ai quattro angoli del pianeta, ma racconta anche che la loro riuscita ha bisogno di un clima internazionale e di forze armate disposte al tradimento quali condizioni indispensabili per la riuscita dei golpe.

 

Per questo, nonostante le pressioni, le sanzioni, gli embarghi e l’isolamento, la propaganda mediatica e le minacce militari, con il Venezuela e il Nicaragua i golpisti non ce la faranno. I tentativi di golpe vincono solo dove la sinistra perde il contatto con il suo popolo, la capacità di difendere le sue istituzioni, di arrendersi di fronte a quello che in penombra può anche sembrare un gigante, ma che a veder bene risulta spesso essere un nano sulle spalle di un altro.

 

Allora è bene conservare la memoria di quel medico socialista che, con un elmetto in testa e un fucile mitragliatore in mano, decise che dinanzi alla prepotenza imperiale si può perdere tutto ma non la dignità; che si può morire, persino, pur di non mettersi in ginocchio.

E' il momento di dire Buon 2018 ma temiamo di generare eccessive aspettative. Visto com’era andato il 2016, già il 2017 poteva e doveva essere un anno migliore, ma così non è stato. La linea è rimasta la stessa: rigore per noi e abbuffata per loro. Prima di rimettere il mandato Gentiloni ha fatto a tempo ad assegnarci per il 2018 un forte rincaro di luce, gas e autostrade, tanto per non perdere l’allenamento. Niente di strano: per 382 giorni il ventriloquo di Renzi ha sussurrato politiche antipopolari e favori per i soliti noti, commensali di tutto riguardo di un tavolo da dove non cade nemmeno una briciola per chi ci resta sotto.

 

L’assurdo è diventato ovvio. Siamo un Paese dove gli ambulatori medici aprono due ore al giorno e i supermercati 24 ore su 24. Vestiti da commessi non abbiamo riposi, il denaro deve correre anche se chi lo fa correre inciampa. Vogliono le aperture festive quelli che s’illudono di comprare mentre sono comprati.

 

Anche nel 2017 c’è stato meno welfare e più privato, meno salari e più bonus. Più duri i turni per chi lavora, più lontano il turno di chi aspetta di lavorare. Le pensioni minime sono ancora più minime e quelle massime non smettono di esser tali. Sono aumentati gli esodati, uomini troppo anziani per lavorare ma troppo giovani per andare in pensione. I disoccupati sono meno, ma solo se gli occupati vengono definiti tali anche lavorando poche ore al mese. Il Sud ha continuato a trasferire ricchezza al Nord, che parla di modello Italia quando incassa e di secessione quando deve pagare.

 

Il 2017 è stato l’anno nel quale chi doveva aprire il sistema come una scatoletta di tonno ha finito per fare la figura del tonno. Serve la politica. Un vaffanculo non è un’idea di governo anche quando è bene che un governo ci vada.

 

E, a tal proposito, il 2017 è stato anche l’anno dell’emersione del residuo fascista nostrano. Secondo tradizione, urlano alla “sicurezza” ma vanno sottobraccio alla criminalità organizzata. “Difensori della patria” si dicono, ma sono gli eredi di coloro che quando la ebbero nelle loro mani la regalarono al Terzo Reich. Gridano poi contro “l’invasione straniera”, ma l’ultima conosciuta è quella delle truppe tedesche che, con il loro aiuto, occuparono l’Italia. “Prima gli italiani”, dicono, ma sono gli eredi di chi li metteva prima soltanto quando riempiva i vagoni piombati diretti ai campi di sterminio.

 

Riappaiono oggi senza vergogna e con i polsi libere dalle manette dovute. I califfi delle news, che s’atteggiano a  giornalisti, li accolgono negli studi televisivi, ad onta delle carni ferite e della memoria offesa. Gli offrono la parola invece della condanna e loro si trovano di fronte alle telecamere con un microfono in mano, invece che con un libro da leggere in un corso di rieducazione. Che gli farebbe bene, perché non sono in grado di elaborare un concetto che non sia elementarmente sbagliato; non hanno idee, sono solo portatori insani di rancore diffuso.

 

L’allarme va diramato, anche se siamo di fronte ad una caricatura della storia; che però, nel suo ripetersi ciclico dei corsi e ricorsi professati da G.B. Vico ritrova il mondo sottosopra, dove il male assoluto e il mondo peggiore tornano in superficie travestiti di nuovo.

 

Da Internet nessuna buona nuova. Gli idioti del web anche nel 2017 non si sono risparmiati. Fake news (come si chiamano ora le balle), odio e disprezzo elargiti al riparo di anonime tastiere hanno intasato la Rete. Immagini rubate, concetti manipolati, ferocia copiata. Il web è diventato il luogo dei peggiori che si sentono migliori. Dove c’è un coglione prima o poi arriva un social e viceversa. Non c’è rimedio, sembra.

 

La televisione, dal canto suo, offre il racconto di ciò che siamo e diventa emulazione, mentre il peggio di cui disponiamo è ormai intrattenimento. Assistiamo impotenti alla bruciatura dei neuroni di un’altra generazione. Tra Barbara D’Urso e Il Grande Fratello, le case sono invase dall’idiozia che galoppa libera. Risultano ridicole le polemiche contro le serie a sfondo criminale: raccontano ciò che c’è, la fiction è il mezzo per farlo. Ricordano agli smemorati ciò che giace sotto al refrain di  “italiani brava gente”.

 

Nell’era geologica precedente, quando non era degli immigrati la colpa di tutto ciò che è criminale, non ci siamo fatti mancare niente. Ci siamo regalati la Mafia, la ‘Ndrangheta, la Camorra, la Sacra Corona Unita, la Banda della Magliana, la Mafia del Brenta e la Banda Vallanzasca e fino alla fine degli anni ’70 avevamo il “delitto d’onore”. Più che il made in Italy, ormai peraltro proprietà della Francia, abbiamo esportato criminalità in ogni dove del mondo prima d’importare poveri più poveri di quelli che già avevamo.

 

Doveva e poteva essere l’anno dello Ius Soli, per riaffermare che ciò che è giusto non può essere illegale. Stabilire che due persone che nascono nello stesso Paese hanno due diritti diversi, è un illogico moto intestinale. Diveniamo asimmetrici, diseguali, offensivi nell’affermazione di una logica che scambia principi con voti, diritti con convenienze, educazione delle coscienze con opportunismo elettorale. Serviva approvarlo, lo Ius Soli,  contro il mostro razzista che ha ormai invaso case e cuori, disegnando uno sconcertante stato confusionale, che costruisce un senso comune privo di senso. Di questo si nutre l’industria della paura: di una narrazione falsa, che confonde clandestini con illegali, immigrati con residenti, stranieri con delinquenti.

 

Questo governo, loffio e dannoso, per la sua sopravvivenza ha offerto crudeltà e ipocrisia alle politiche dell’accoglienza. Ricattato dal partito di maggioranza, e ricattando il dissenso di minoranza, ha messo uno sbirro mancato a disegnare politiche, scaricando lontano dagli occhi la vergogna di un nuovo e silenzioso genocidio: quello contro i poveri. Non importa, infatti, da dove scappino e dove vogliano andare: il Sud è il bottino di guerra del Nord. Chi vive povertà e guerre è condannato a morire di fame, sangue e senza terre. I nuovi dannati della terra muoiono in mare.

 

E’ stato un annus horribilis per le donne, alle quali si chiede la bella presenza per un salario minore, riconoscendo solo nel minor diritto la loro differenza. Nel 2017 il femminicidio è stato l’elemento più evidente di un genere maschile che, più che Alfa, è criminogeno. Le famiglie, deputate all’armonia, spesso diventano gli orchi al riparo delle mura. Le molestie sono la questione dell’anno, ma per le donne è questione di sempre.

 

Sono molestie le appropriazioni indebite di libertà. Le coercizioni di dignità effettuate con l’arroganza e la cialtroneria del potere. L’abuso dei ruoli esibiti con la sfacciataggine dell’impunità e difesi con distinguo balbuzienti. E’ molestia l’idea di possesso ad ogni costo che sovrasta quella di relazione. Del dominio in luogo della reciprocità, della forza in assenza di seduzione. Va bene ma serve a poco il pubblico ludibrio; urgono norme che educhino i comportamenti se questi non riescono a rispettare le persone. I potenti hanno bisogno di obblighi, i deboli di leggi.

 

Almeno sono arrivate le unioni civili e il testamento biologico. Saremo liberi di delegare a chi ci ama il diritto di non farci più soffrire inutilmente. Avremo la possibilità di rinunciare alle torture immobili in un letto e di poter dire, ancora vigili, che la dignità di morire ci spetta di diritto. Perché il modo in cui si muore ha a che vedere con il modo in cui si è vissuto. I crociati dell’obiezione hanno già pronta la solita truffa: obiettare in pubblico per guadagnare in privato. Onde evitare lo scempio di legalità già visto con la Legge 194, sarà bene esser chiari da subito: chi non applica le leggi dello Stato perde il posto di lavoro nel pubblico. Obiezioni anche su questo principio elementare?

 

Il 4 Marzo si voterà con una legge  elettorale concepita per non far vincere chi potrebbe vincere e non far perdere chi non deve perdere, ovvero il modello. Un modello che non conosce critica, perché chi dovrebbe criticare è salariato dal modello. Che non conosce rifiuto, perché la sinistra è parola che fa paura persino declinare. La fa anche a chi dice di volerla ricostruire ma si guarda bene dal nominarla, risultando così inadeguato.

 

Andremo con le narici chiuse e le speranze ridotte a porre una croce sul meno peggio facendo finta di credere che sia il nuovo. Perché nella stagione della rassegnazione, nell’inverno della speranza, abbiamo appreso a respirare con la bocca, ad impugnare una matita come fosse un bastone per cacciare i mercanti dal tempio.

 

I nostri nonni, che seppero pulire l’Italia dalla vergogna del nazifascismo, ci guardano con commiserazione. Finita la dotazione ideale, abbiamo solo una matita poco appuntita e una scheda fin troppo pieghevole, niente altro. E i venti soffiano al contrario. Prosit.

Altrenotizie.org ha cambiato veste grafica. Con dieci anni di vita sulle spalle, il vecchio sito era ormai incompatibile tecnicamente con la velocità necessaria e la sua rigidità strutturale impediva di trovare soluzioni. Abbiamo quindi deciso di cambiare per recuperare dinamicità ed agilità.

Cento anni fa, mentre con la più sanguinosa delle guerre le monarchie europee si contendevano il dominio dell’Europa, la Rivoluzione Bolscevica chiudeva per sempre la storia delle monarchie, inaugurando il XX secolo con la più grande storia di ribellione ed emancipazione mai conosciuta.

 

Guidata da Vladimir Ilic Ulianov Lenin, la Rivoluzione Bolscevica cambiava la geografia sociale, politica ed economica, fino a quel momento destinata solo a favorire l’aristocrazia e tirava fuori la Russia dalla prima guerra mondiale. Irrompeva nel libro della storia la classe proletaria, assumevano un volto e un nome i contadini e gli operai non più disponibili ad assoggettarsi al regime zarista. E, per la prima volta nella storia, le donne facevano irruzione nel conflitto sociale e politico: "Le cuoche uscirono dalle cucine", disse a tal proposito Lenin.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.