Nemmeno la Juventus nel suo stadio riesce a fermare la marcia dell’Inter, che complice il pareggio del Napoli in casa con la Fiorentina, mantiene il primo posto al comando della classifica. Finisce 0 a 0 e la squadra bianconera non riesce ad andare in rete, dopo 44 partite nelle quali lo aveva sempre fatto. Merito di una difesa arcigna e di ottimo livello alto come quella dell’Inter e anche dei piedi di Manzukic, non proprio educati alla tecnica.

 

Secondo una antica scuola di calcio la prtita che finisce con un pari a reti inviolate è la partita perfetta. Il match in sé non offre lo spettacolo che qualcuno si attendeva ma è bene tener conto del fatto che siamo in Serie A e non nella Premier o nella Liga. Le due squadre, infatti, si rispettano e si temono persino.

 

La prima mezz’ora di gioco si svolge nella metà campo bianconera: palleggio e possesso palla dell’Inter e Juventus chiusa su due linee fitte che ostruisce le linee di passaggio  e obbliga i nerazzurri al movimento di palla circolare. Tutt’altro scenario nella ripresa, quando la Juve si ricorda di essere a Torino e prova ad utilizzare le fasce per colpire, visto che centralmente con Skriniar e Miranda non c’è modo.

 

Ma sebbene i bianconeri tengano il pallino del gioco, il loro attaccare è più segnalato dall’entusiasmo dello stadio che dall’effettiva pericolosità, tanto è vero che Handanovic in tutta la partita effettua due parate, non di più. Da parte nerazzurra sterilità assoluta in avanti: Candreva, Brozovic e Icardi disputano la loro peggiore partita e Perisic, dopo la tripletta con il Chievo, funziona più come difensore che all’attacco. Alla fine chi ne guadagna è l’Inter, che resta prima in classifica e imbattuta, che riduce il danno della mancata vittoria con il pari di Roma e Napoli e che vede concludersi le trasferte terribili con Roma, Napoli e Juventus portando a casa 5 punti e che conferma una solidità di squadra non indifferente.

 

E se la Juventus perde l’occasione per riguadagnare la vetta, il Napoli fa lo stesso, pareggiando in casa con la Fiorentina di Pioli e confermando così un periodo di scarsa brillantezza. Un primo tempo sterile e una ripresa che non ha trovato la soluzione per abbattere il muro viola eretto da Pioli. Sembra di cogliere un momento di appannamento nei giocatori e nello stesso Sarri, che con il suo nervosismo aggiunge tensione controproducente. Urge dare fiato all’attacco e cercare innesti per gennaio.

 

Dopo i cinque gol presi dall’Inter domenica scorsa, il portiere del Chievo, Sorrentino, si riscatta con parate da fuoriclasse e ferma la Roma sullo 0 a 0. Occasione persa per i giallorossi che dovranno recarsi a far visita alla Juventus e allo stadium davvero servirà un’altra Roma rispetto a quella odierna con il Chievo.

 

Tra Cagliari e Sampdoria un pareggio che fa comodo a entrambe a non serve davvero a nessuna delle due, mentre il Milan ritrova lo spirito giusto e, seppure con gran fatica, batte il Bologna nel posticipo. Un Milan che ha trovato la voglia di correre e superare i suoi limiti d'organico, che ha trovato di fronte una squadra per niente disposta a capitalizzare in negativo il suo minor rango. Bella partita e auguri a Gattuso, che in giacca sotto la neve ha sbraitato più del pubblico infreddolito quanto affezionato.

 

Genoa-Atalanta è stata rinviata per maltempo a martedì. Questo turno non finisce mai..

Dopo due anni di assenza l’Inter torna in testa alla classifica. Da sola. I nerazzurri approfittano della sconfitta rimediata sabato dal Napoli per mano della Juventus (0-1, Higuaìn al veleno) e scavalcano gli azzurri di un punto. Per il ritorno al vertice la squadra di Spalletti si concede una manita: 5-0 contro il Chievo con tripletta di Perisic, gol di Icardi e Skriniar (quest’ultimo su assist di un ritrovato Candreva). Gioco divertente ed efficacie, convincono anche Ranocchia e Brozovic, rivitalizzati dal tecnico toscano. Sabato prossimo sapremo fin dove ha intenzione di arrivare questa squadra: appuntamento alle 20 e 45 allo Stadium per Juve-Inter. Il derby d’Italia con le premesse migliori degli ultimi anni.

Le prime tre vincono, le romane si fermano. A caratterizzare la 14esima giornata di Campionato è l’harakiri di Roma e Lazio, che buttano via punti con due follie scovate dal Var. La più clamorosa è quella di De Rossi. A Marassi, con i suoi in vantaggio 1-0 contro il Genoa (gol di El Shaarawy), il capitano giallorosso si fa possedere dai suoi demoni e ricasca in uno dei vizi di gioventù: una manata sul volto dell’avversario, in area di rigore. Raptus imperdonabile per un giocatore della sua esperienza. L’espulsione è inevitabile, così come il tiro dal dischetto. A trasformarlo è proprio la vittima di De Rossi, Lapadula.

Questo commissariamento non s’ha da fare. Dopo aver tuonato per giorni quale novello Girolamo Savonarola del pallone, mercoledì sera il presidente del Coni, Giovanni Malagò, esce dalla giunta straordinaria con in mano una pistola scarica.

“La posizione della giunta è chiara: ci vuole il commissariamento – spiega – ma le regole non ci permettono di farlo. Se avessimo commissariato il calcio qualcuno avrebbe fatto, e probabilmente vinto, il ricorso. Io non posso esporre il Coni e la Giunta a questo rischio”.

Tanto rumore per nulla, dunque. Ma visto che le regole non permettono il commissariamento, come mai il buon Malagò ha passato le ultime serate fra un’intervista e l’altra dissertando sulla necessità del provvedimento? Dobbiamo pensare che il presidente del Coni non conosca le regole?

No, è chiaro. Si tratta di politica. Vituperare Tavecchio mentre si è comodamente seduti sulla poltrona di Fabio Fazio, nella più granitica certezza che mai e poi mai dall’intervistatore arriveranno le domande giuste, è il più facile degli sport. Una vera pacchia per Malagò, che si autocelebra come il Luke Sky Walker dell’Acqua Acetosa in lotta contro il Dart Fener brianzolo. Come se nessuno conoscesse le condizioni miserevoli in cui versano i conti del Coni. Come se nessuno avesse notato la crisi dell’Italia in una sfilza di sport olimpici in cui abbiamo un passato glorioso.

Certo, Tavecchio è un personaggio impresentabile. Negli ultimi anni ha imbarazzato tutto il movimento con sparate razziste, sessiste, antisemite o – più semplicemente – imbecilli. È uno che non vorresti nemmeno come amministratore di condominio, ma è stato ugualmente eletto a capo della Figc.

Proprio di questo ci si scorda con troppa facilità: chi ha messo Tavecchio su quella poltrona che non avrebbe dovuto vedere nemmeno con il telescopio? Chi ce lo ha tenuto così a lungo? Pensare che basti rimuovere il vertice per arrivare a una palingenesi del calcio è assai ingenuo, ma molto italiano.

Uguale e contrario alla nostra inclinazione amorosa nei confronti dell’uomo forte, del risolutore senza macchia che arriva e come un deus ex machina risolve la situazione. Qualcuno si ricorda come fu accolto Mario Monti quando si insediò a Palazzo Chigi dopo Berlusconi?

Ecco, con Tavecchio il meccanismo è identico, ma invertito. Cacciato lui e cacciato Ventura, si pensa, avremo una chance di tornare ai fasti di Dortmund, quando bastava un terzino del Palermo per abbattere la Germania e mandarci in paradiso.

A ben vedere, però, non funziona così. Il commissariamento non si può fare, perciò Tavecchio resterà in sella quale presidente dimissionario, cioè con il potere di gestire solo l’ordinaria amministrazione e l’obbligo di convocare l’Assemblea per nuove elezioni entro 90 giorni.

Nel frattempo le Leghe di A e di B – che, ricordiamo, al momento sono commissariate – rinnoveranno le loro cariche e rientreranno con i propri rappresentanti in Consiglio federale.

Dopo di che, in prima fila per la successione a Tavecchio dovrebbe esserci l’attuale vicepresidente, Cosimo Sibilia, che potrebbe contare sull’appoggio di Lega Dilettanti, Lega Pro e Associazione calciatori. Il tutto senza che nessuno osi non tanto scalfire, ma nemmeno mettere in discussione il groviglio d’interessi politico-economici responsabile delle guerre fratricide all’interno della Figc. Di sicuro, sostituire un uomo solo non basterà. Non basta mai, nemmeno quando si parla di pallone.

La Juve crolla per la seconda volta in questo Campionato. Dopo la sconfitta casalinga con la Lazio, la Signora cade sul campo della sorprendente Sampdoria. Il primo tempo è di buon livello per i bianconeri, che però nella ripresa si ritrovano sotto addirittura per 3-0: per i blucerchiati vanno a segno Zapata, Torreira e Ferrari. Higuaìn e Dybala nel finale portano il punteggio sul 3-2, ma non riescono a evitare il disastro.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.