La zona Europa, Champions come Europa League, è affollata come una tangenziale all’ora di punta. Vincono tutte quelle che sentono profumo europeo: la Roma, che ritrova se stessa; l’Atalanta, che ormai non fa più notizia se non che per alcune ore è terza in classifica; il Milan, che sembra aver ritrovato energie e con la seconda vittoria consecutiva, stavolta espugnando il Franchi; la Lazio che in trasferta batte il Cagliari per 2 a 1. Tutte in attesa dell’Inter che deve affrontare il Chievo già retrocesso e per questo tutt’altro che impaurito.

 

L’evento è però rappresentato dalla vittoria della Roma sulla Juventus, con un due a zero firmato da Dzeko e Florenzi. Una bella gara dei giallorossi che smentiscono il pronostico e si riproiettano anch’essi in zona Champions. La felicità di Ranieri vale il prezzo del biglietto.

Con la Juventus già in vacanza, al momento la squadra più competitiva del Campionato italiano è l’Atalanta, che ormai insidia il terzo posto dell’Inter. Domenica i bergamaschi superano in rimonta 3-1 all’Olimpico la Lazio: gli uomini di Gasperini giocano di fatto in 12 contro 10, vista la partita raccapricciante giocata da calamity-Wallace, che regala agli avversari tutti e tre i gol, ma vincono con merito e adesso per loro la Champions League è qualcosa di più di un sogno.

 

L’Atalanta aumenta così a 3 i punti di vantaggio sulla Roma (62 a 59), che non va oltre il pareggio sul campo del Genoa. Una vera beffa per i giallorossi, che passano in vantaggio all’81esimo con El Shaarawy, ma vengono raggiunti in pieno recupero da Romero.  Mirante para un rigore al 95esimo.

Si fa sempre più confusa la lotta per la Champions. L’Inter (62 punti) consolida il terzo posto incassando un punto in casa contro la Juventus. E dire che sabato sera i nerazzurri hanno anche sfiorato il colpaccio, chiudendo la prima frazione di gioco in vantaggio per 1-0 grazie a uno spettacolare tiro al volo vincente di Nainggolan ed esprimendo una superiorità di gioco e di corsa. Nella ripresa, però, Spalletti arretra il baricentro e arriva il gol del pareggio da parte del solito Cristiano Ronaldo, arrivato a quota 600 gol con le quattro maglie di club vestite in carriera (Sporting Lisbona, Manchester United, Real Madrid e Juventus).

La Juventus vince il suo ottavo scudetto e lo fa con cinque giornate d'anticipo sulla fine del campionato. Per la Juve è record e per Massimiliano Allegri è il quinto scudetto consecutivo. La vittoria matematica è arrivata grazie alla partita vinta per 2 a 1 con la Fiorentina ma lenisce solo in minima parte la delusione per la eliminazione della Champions.

 

In attesa del posticipo di lunedì del Napoli, per quanto riguarda la zona Champions l'Inter ospitava la Roma a San Siro. Il pareggio per 1 a 1 non serve all'INter per chiudere definitivamente il discorso terzo posto e non serve alla Roma per proiettarsi con forza sul definitivo 4 posto.

Il consolidamento della posizione di potere del dittatore egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha ricevuto una spinta decisiva questa settimana con l’approvazione da parte del parlamento de Il Cairo di alcuni emendamenti alla Costituzione che gli permetteranno di rimanere alla guida del paese almeno fino al 2030. I provvedimenti sono stati ratificati con un’amplissima maggioranza dall’assemblea e a breve saranno sottoposti a un referendum popolare che, è facile prevedere, sarà largamente favorevole al presidente egiziano.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.