FCA e gli amici del sindacato

di Mario Lombardo

Con una mossa insolita, anche se non senza precedenti, il colosso del settore automobilistico General Motors (GM) mercoledì ha presentato una denuncia davanti a un tribunale federale degli Stati Uniti contro Fiat Chrysler (FCA), accusando la compagna italo-americana di avere corrotto il sindacato UAW (United Auto Workers), al fine di attuare una strategia contrattuale sfavorevole al proprio...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Pompeo “legalizza” gli insediamenti

di Michele Paris

L’amministrazione Trump questa settimana ha fatto un nuovo regalo al governo israeliano, legittimando sostanzialmente gli insediamenti illegali nei territori occupati palestinesi. A dichiararlo in maniera ufficiale è stato il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, con una presa di posizione che, se da un lato ratifica...
> Leggi tutto...

 

 

A dimostrazione che non è un vuoto a perdere, la ripresa della crescita mostra la resilienza alla crisi della sua economia (e della sua popolazione): anche in un periodo di rallentamento del commercio internazionale, per esempio, sono aumentate le esportazioni meridionali; positivo anche l’andamento delle costruzioni e del turismo (sebbene, a detta del Rapporto, il successo sia ascrivibile all’instabilità politica di paesi concorrenti sulla sponda del Mediterraneo).

 

Nel 2016, riparte, pure, il settore industriale che consente al Mezzogiorno di rimanere agganciato allo sviluppo del resto dell’Italia ma, certamente, il “ritmo della congiuntura appare del tutto insufficiente ad affrontare le emergenze sociali dell’area”. Tipo: il tasso di occupazione è il peggiore d’Europa, quella part time la fa da padrona contribuendo all’aumento dell’incidenza dei lavoratori a bassa retribuzione. La povertà resta e si attesta ai livelli più alti di sempre con circa dieci meridionali su cento in condizione di povertà assoluta, che aumenta nelle periferie, e in regioni popolate, come Sicilia e Campania, il rischio di povertà sfiora il 40 per cento.

 

C’è poi la crisi demografica, tipica di una zona non più giovane né tantomeno serbatoio di nascite del Belpaese, che sta spingendo verso l’invecchiamento della popolazione. Inoltre, il depauperamento di capitale umano con una perdita di circa duecentomila laureati meridionali non è trascurabile e si è in presenza di una immobilità sociale per cui “i canali informali di accesso al lavoro dei laureati e l’emigrazione diventano l’unica via di sbocco”.

 

Un immobilismo che non risparmia le infrastrutture, un settore caratterizzato da un lento procedere riconducibile al declino degli investimenti nelle opere pubbliche e alle scelte qualitative orientate a garantire servizi di base, prova ne sia l’Alta Velocità Ferroviaria: dei 1.350 chilometri di rete in essere, ben l’86,7 per cento è localizzato nel Centro-Nord e solo il rimanente 13,3 per cento nel Sud.

 

Quello dei trasporti è solo un (mal)esempio della qualità dei servizi pubblici che si presenta con luci e ombre che penalizzano il godimento di alcuni diritti di cittadinanza in campi fondamentali quali la salute, la sicurezza e l’istruzione. Ambito nel quale permangono forti criticità. Il sistema universitario, tanto per dirne una, è sottofinanziato, utilizza metodologie didattiche non in linea con gli standard di altri Paesi OCSE, i meccanismi di reclutamento non sempre sono orientati al merito e quelli di “governance interna” poco inclini alla cultura della valutazione.

 

Risultato: ancora troppo bassa la quota di laureati che, oltretutto, è in discesa del 14,6 per cento e, nel 2015, risultava tra le più basse di quelle registrate nell’UE28, al di sotto della media (pari al 38,4 per cento) e dell’obiettivo del 40 per cento (fissato dalla Strategia Europa 2020).

 

Verrebbe da dire che i meridionali ce la mettono tutta ma una generale e strutturale carenza di risorse (non) dedicate ne ostacola la piena realizzazione. Benvenuti al Sud. Anzi no, nel Belpaese.

Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Bolivia, la verità in 11 punti

di Silio Sánchez Zerpa

1 - Nessuna "rinuncia" in caso di coercizione è valida; non è un'espressione di libero arbitrio ed è viziato dalla nullità, legalmente e materialmente. Le dimissioni non sono valide quanto l'atto che le forza è illegale. 2 - Se un Presidente è costretto a lasciare il potere da forze militari o paramilitari, è un colpo di...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.