Trump e l'enigma dello “shutdown”

di Mario Lombardo

Allo scoccare del 32esimo giorno di chiusura forzata di una parte degli uffici federali americani, le prospettive per la risoluzione della crisi politica in atto negli Stati Uniti attorno al cosiddetto “shutdown” continuano a scontrarsi con le posizioni ancora inconciliabili della Casa Bianca e della leadership democratica al Congresso.   Malgrado i toni dello scontro, è fondamentale...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Nicaragua, la coda del terrore

di Fabrizio Casari

Un agguato criminale a colpi di kalashnikov è costato la vita a quattro agenti della Polizia Nazionale del Nicaragua, che mentre viaggiavano bordo di un pick-up sono stati crivellati di colpi. Gli autori del massacro appartengono alla banda denominata “El Jobo”, criminali nicaraguensi e narcos che operano dal territorio della...
> Leggi tutto...
Tutto ebbe origine con la Finanziaria 2006 (ultima del Berlusconi III), quando il governo dispose un fondo per indennizzare le vittime delle frodi obbligazionarie e dei crack societari. Dopo anni di assoluta latitanza o tacita accondiscendenza di istituzioni politiche e bancarie (Banca d’Italia in primis), lo “Stato sociale” ha deciso di ergersi a paladino dei malconci truffati. Un piccolo passo per il risparmiatore, un grande passo per la credibilità economica, potremmo dire? Non era la risoluzione di tutti i problemi, anche perché l’Italia rimaneva e rimane il Paese dove, in controtendenza con il mondo, il falso in bilancio è depenalizzato e i condoni tombali lavano le coscienze prima ancora che i carichi pendenti. Per quanto poco, però qualcosa stava a significare.

A questo punto, come in tutti i provvedimenti di natura economica, scatta la domanda: da dove si prendono le risorse per il fondo? Ed ecco la trovata del solerte e intrepido governante/legislatore: “dall’importo dei conti correnti e dei rapporti bancari definiti come dormienti all’interno del sistema bancario nonché del comparto assicurativo e finanziario”. In effetti a ben leggere i due commi centrali dell’articolo 42 della Costituzione si trova: “La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d’interesse generale”.

Strano a dirsi, ma seguendo per vie late il dettato costituzionale, veniva adottata dallo Stato una tecnica già in uso mutans mutandis - in forma truffaldina in quel caso - da Giampiero Fiorani che toglieva i soldi ai morti, per renderli produttivi nelle sue rampanti scalate.

Cosa cambia quindi per i clienti degli istituti di credito? Chiunque possedesse presso banche, assicurazioni, la Posta o altri enti analoghi un conto che non sia stato movimentato da dieci anni, a fronte della ricezione di una lettera raccomandata, nella quale si chiedeva di dare seguito entro il 16 agosto 2008, si doveva recare allo sportello e operare in modo da “risvegliare” il suo conto. In caso di più rapporti, la cessazione del letargo per uno, valeva come azione anche per tutti gli altri.

In caso contrario, il conto sarebbe stato chiuso e tutto il relativo denaro sarebbe stato destinato al fondo sociale gestito dal Tesoro e quindi a beneficio delle vittime dei crack e, in parte, dell’assunzione dei precari nel comparti del pubblico impiego. La data del 16 agosto è ormai passata, quindi tutto è perduto? Fortunatamente no e per i più sbadati c’è ancora una nuova scadenza, diremmo un’ultima spiaggia tanto per rimanere in tema vacanziero, per rientrare in possesso dei propri soldi, prima del definitivo “esproprio”: il 16 dicembre 2008, data in cui gli istituti verseranno alle casse pubbliche tutto il capitale non reclamato.

Secondo le stime, i conti passibili di devoluzione allo Stato sarebbero circa 500.000 con un utile di 10 miliardi di euro. Il provvedimento è, come sempre, oggetto di dibattito. Fioccano le critiche, i liberisti arricciano il naso. E’ strano però costatare come tanta parte del mondo massmediatico abbia dedicato così poco spazio a questo argomento, quando invece continua a inondare le scalette dei telegiornali di notizie sulle vacche magre della società, sulla crisi economica e sui rincari speculativi di zucchine e asparagi.
Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Il mare e il mostro

di Carlo Musilli

Sono morte in mare 117 persone che avremmo potuto salvare. È solo questo il punto, il resto non conta. Ammettiamo pure che l’Italia non avesse l’obbligo di legge d’intervenire (e ce l’aveva). Ammettiamo che esistesse una Guardia Costiera libica in grado di operare al posto nostro (e non c’era). Ammettiamo che tutte...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.