La crisi della roulette

di Antonio Rei

L’azzardo di Matteo Renzi ha forzato la mano a Giuseppe Conte, che ora - a sua volta - gioca la sua partita alla roulette. L’operazione responsabili si è rivelata finora un fallimento e ormai il tempo è quasi scaduto. Mercoledì (o giovedì: è possibile un rinvio di 24 ore) sarà il giorno del giudizio per il governo, perché il Parlamento voterà la relazione sulla Giustizia del ministro...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

SanPa: Luci e tenebre di San Patrignano

di Sara Michelucci

SanPa: Luci e tenebre di San Patrignano è la prima docu-serie prodotta da Netflix Italia che mette al centro la controversa storia della comunità di recupero per tossicodipendenti fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, a Coriano, in provincia di Rimini. Un racconto difficile, che narra un pezzo di storia italiana e mette al centro un...
> Leggi tutto...

di Carlo Benedetti

MOSCA. Per la sua diretta dipendenza dall’ex presidente della Russia Putin, è stato sempre definito (anche sulla base della sua statura) come “Liliputin”, il “piccolo Putin”... Ora però Dmitrij Anatol’evic Medvedev (classe 1965, al vertice della Russia dal maggio 2008) si libera dall’etichetta che gli è stata affibbiata. E lo fa in modo clamoroso (mostrando una orgogliosa autonomia) in un’intervista a reti unificate dei tre maggiori canali televisivi  della Russia e dopo che Putin aveva occupato la tv statale con una intervista fiume di oltre quattro ore densa di affermazioni autoritarie ed antidemocratiche.

Ed ora Medvedev si è preso il gusto della rivincita a tutto campo mettendo in luce tendenze e traiettorie nuove. Stanco, evidentemente, di essere un secondo, umiliato ed offeso. E così vuota il sacco. Lo fa dapprima mettendo in rilievo i più importanti eventi dell’anno uscente nella vita interna del paese (superamento della crisi, svolta nella politica nei confronti del mondo d’infanzia, caldo anomalo di questa estate, 65esimo anniversario della Vittoria sul nazismo, sicurezza e Start 2  in dirittura d’arrivo). Poi, in appena due ore, sferra l’attacco. Ed è - pur se con giri di parole - che affronta il rapporto con Putin.

Prende spunto dalle gravi affermazioni fatte ultimamente dal premier, in tv, a proposito del processo che vede imputato l’oligarca Michail Borisovic Chodorkovskij (classe 1963) arrestato nel 2003 per evasione fiscale e da allora in galera. Putin – con una battuta ripresa da un telefilm di successo e relativa al fatto che “i ladri devono stare in prigione” – ha in pratica dettato la sua linea alla magistratura, violando ogni regola di elementare diritto. E così Medvedev lo ha sconfessato, riportando l’intera questione sul piano giuridico e facendo notare che chi dirige il Paese non deve fornire risposte in grado di fare pressioni sulla Magistratura.

A questo proposito - respingendo piccoli giochi politici interni - ha voluto ricordare che in Russia la democrazia sta uscendo dall’ambito parlamentare, in quanto non è rappresentata soltanto dalle istituzioni e da norme procedurali, ma  è anche espressione diretta dell’opinione pubblica, pure attraverso Internet. Ha poi parlato di democrazia diretta e, quindi, un nuovo affondo su Putin.

Perchè ha voluto mettere in evidenza che ci sono, in Russia, anche altri esponenti del mondo politico e sociale che possono venire avanti sino ad arrivare alle più alte cariche del Paese. E non a caso ha fatto i nomi di una serie di nemici personali di Putin... “Voglio fare - ha detto Medvedev - una dichiarazione ufficiale. Per dire che vi sono personaggi nel mondo politico attuale ed anche persone che non sono nel giro del Parlamento - come Michail Kasjanov, Eduard Limonov, Boris Nemtsov e Garry Kasparov - che possono benissimo salire ai vertici del Paese…”.

Un avvertimento molto esplicito alla vasta schiera di laudatores del primo ministro. Tutto questo per non parlare di altri due goal messi a segno da questo presidente che si sta ritagliando un suo grande spazio politico. Sullo sfondo c’è la cacciata dell’oligarca Jurij Michailovic Luskov da sindaco di Mosca (e della sua banda dominata dalla moglie Elena Baturina, una palazzinara di livello mondiale...) e la nomina del nuovo capo della città l’ingegnere Serghiei Semionovic Sobianin, classe 1968, un siberiano pragmatico che potrebbe divenire il “castigatore” degli oligarchi che imperversano in una Mosca (sono parole sparate in diretta tv da Medvedev) “sempre più corrotta”. Si può dire - senza paura di essere smentiti visto l’imprimatur presidenziale - che comincia l’era di Medvedev. Prima covava sotto le ceneri. Ora no.

 

Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Fecondi in tempo di Covid

di Bianca Cerri

Chi l'avrebbe mai detto, tutti vogliono un bambino in piena pandemia, tanto che è sensibilmente aumentata la richiesta di donazioni di sperma. Di certo questo sembra il momento meno adatto per figliare ma molti aspiranti genitori la pensano diversamente. I francesi affermano che solo cambiando tutto, il tutto rimane uguale....
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.