Europa, la nuova frontiera USA

di Fabrizio Casari

Tra propaganda e storytelling addomesticati, tra narrazioni improvvisate e verità negate, nell’ubriacatura di chi scambia nazisti per irredentisti e la resa con l’evacuazione, se c’è una cosa chiara in questa guerra per procura che gli Stati Uniti fanno combattere agli ucraini, è che Kiev è completamente asservita – e non da oggi - agli interessi statunitensi. Sono venuti alla luce le...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Resa di Azov e prospettive della guerra

di Fabio Marcelli

La decisione del  battaglione Azov di arrendersi è senza dubbio una buona notizia per vari motivi. Quelli più rilevanti per un osservatore imparziale sono essenzialmente due. Il primo è il risparmio di vite umane che la decisione in questione comporta, mentre parrebbe aprirsi anche la strada dello scambio di prigionieri tra le parti. Il secondo è che la resa di Azov, che segue di poco quello delle unità ucraine ancora presenti a Mariupol segna una tappa rilevante nel perseguimento  di due obiettivi fondamentali della guerra dal punto di vista russo e cioè il controllo del Donbass e la denazificazione. A meno di tre mesi dall’inizio della guerra, quindi, quello attuale potrebbe essere il momento opportuno per un rilancio...
> Leggi tutto...
Barzan al-Tikriti ricopriva anche la funzione di banchiere di Saddam, a lui erano affidate le realzioni con le banche occidentali. Personaggio temuto, sul quale sono fiorite diverse leggende, come quella che vuole che avesse una macina nella quale infilava le carni dei torturati; dalle testimonianze emerge che presenziasse personalmente alle torture, così come testimoni hanno riferito che all’indomani del fallito attentato a Saddam si sia presentato a Dujail in jeans e stivali rossi e, armato di un fucile di precisione, abbia sparato a caso su chiunque abbia avuto la sventura di trovarsi in vista. Dopo aver lasciato la guida dei servizi segreti è stato ambasciatore all’ONU nella sede di Ginevra dal 1988 al 1987, periodo durante il quale ha curato anche i rapporti con le banche del paese elvetico, dove hanno studiato i suoi sei figli..

Le due esecuzioni erano state rimandate a seguito del clamore suscitato dal grottesco spettacolo di quella di Saddam Hussein e pareva dovessero avere luogo in un futuro più remoto, ma il governo americano e quello iracheno, evidentemente, non avevano nessuna intenzione dilatoria.

Secondo gli Stati Uniti, il governo iracheno “ ha applicato la legge vigente nel paese”, anche se un portavoce americano aveva dichiarato domenica che l’esecuzione dei due era sospesa fino a quando il governo iracheno non avesse presentato una dettagliata procedura per evitare il ripetersi dello spettacolo offerto durante l’esecuzione di Saddam: i primi commenti che giungono dall’estero ricalcano quelli espressi in occasione dell’impiccagione di Saddam; compresa la condanna della pena di morte subito ribadita, in particolare in ambito europeo.

Il governo iracheno sembra aver tenuto conto del disastro provocato con la caotica esecuzione di Saddam, l’esecuzione è avvenuta all’alba e finora non sono state rilasciate immagini. L’operazione non è comunque stata priva di errori, visto che proprio a Barzan al-Tikriti è toccato in sorte di finire decapitato per un errore del boia. Errore nella misura della corda, che non deve essere troppo corta da impedire la frattura del collo, ma neanche troppo lunga da provocare la decapitazione del condannato; sorte toccata ad al-Tikriti.
In proposito un portavoce del governo ha affermato che il distacco della testa del condannato è stato “un atto di Dio”, indicando quindi una responsabilità divina e negando che l’evento sia imputabile a qualche errore nel corso dell’esecuzione.

Al di là dell’imperfetta esecuzione tecnica, la decapitazione di al-Tikriti va a urtare le regole stabilite dalla religione musulmana che presiedono al rispetto del corpo umano e non mancherà di suscitare polemiche e provocare rabbia tra i fedeli del deposto regime. Da quanto si è saputo al-Tikriti verrà seppellito accanto ai due figli del defunto dittatore, Uday e Qusay; nel cimitero di Awja, dove riposa lo stesso dittatore; le famiglie dei condannati hanno saputo della loro impiccagione a morte avvenuta.

I due dovevano essere impiccati insieme a Saddam Hussein, ma la concitazione di quel giorno ed il disastro combinato durante l’esecuzione del rais consigliarono di rimandare le loro esecuzioni, anche se erano già stati condotti al patibolo insieme al condannato più importante. Da allora, seguendo il filo delle feroci polemiche seguite, pareva che la loro esecuzione dovesse essere rimandata per un tempo più lungo, se non addirittura che ci fosse uno spiragli per la commutazione della pena in seguito alla riprovazione mondiale e alle proteste dei paesi contrari alla pena di morte.

Barzan al-Tikriti ricopriva anche la funzione di banchiere di Saddam, a lui erano affidate le realzioni con le banche occidentali. Personaggio temuto, sul quale sono fiorite diverse leggende, come quella che vuole che avesse una macina nella quale infilava le carni dei torturati; dalle testimonianze emerge che presenziasse personalmente alle torture, così com etestimoni hanno riferito che all’indomani del fallito attentato a Saddam si sia presentato a Dujail in jeans e stivali rossi e, armato di un fucile di precisione, abbia sparato a caso su chiunque abbia avuto la sventura di trovarsi in vista. Dopo aver lasciato la guida dei servizi segreti è stato ambasciatore all’ONU nella sede di Ginevra dal 1988 al 1987, periodo durante il quale ha curato anche i rapporti con le banche del paese elvetico e dove ha fatto studiare i suoi sei figli.

Non resta da sperare che, almeno questa volta, sia risparmiato al mondo il triste spettacolo della testa dell’impiccato scagliata in aria dalla corda dopo essere stata strappata dal corpo e il relativo fiotto di sangue. Vista la precedente esperienza si può sperare che nessun telefonino pirata abbia ripreso la scena e che le immagini girate dalla telecamera ufficiale non vengano mai diffuse.




Pin It

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

 

ter2

Il terrorismo contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 

Armi a Kiev, trappole in Parlamento

di Antonio Rei

Mentre con la bocca parliamo di soluzione diplomatica, di cessate il fuoco e di pace “credibile”, con le mani continuiamo a mandare armi in Ucraina. Venerdì è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il terzo decreto interministeriale per spedire a Kiev “materiale bellico”, che stavolta sarà anche più pesante di...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy