La massiccia rivolta indigena e popolare che si è verificata nei primi giorni di ottobre ha messo sotto controllo il governo, la finanza, i media e persino gli stranieri che hanno imposto un modello economico che é in discussione poiché colpisce gravemente le classi più vulnerabile in Ecuador. L'azione intrapresa dal governo, in conformità con le imposizioni dell'FMI, lo ha costretto a un dialogo con i manifestanti, lo stesso che dopo essere stato effettuato, tra irregolarità e manipolazioni sia da parte del governo che dei suoi mediatori, è riuscito a calmare temporaneamente la mobilitazione e restituito al paese una calma tesa.

I movimenti sindacali e indigeni hanno organizzato gruppi di lavoro che analizzano diverse questioni specifiche e le cui proposte dovranno essere presentate nuovamente al governo. Non si insiste solo sul mantenimento dell'abrogazione del decreto 883, relativo all'eliminazione del sussidio per il carburante: si chiedono le dimissioni dei ministri di Interno e Difesa e la totale opposizione all'accordo con il FMI. Non solo per quanto riguarda la questione dei sussidi, ma concentrandosi su tutti i problemi socioeconomici che il Paese deve affrontare, è chiaro che sono i grandi gruppi economici che hanno finora beneficiato di queste misure antidemocratiche, che hanno portato alla luce la corruzione statale. La persecuzione politica continua senza tregua, con l'arresto di leader particolarmente “correisti” e con argomentazioni illegali e inesistenti, che cercano di creare paura e caos tra la popolazione, nonché i raid nelle case di leader contrarie al governo e alle istituzioni statali che dovevano opitare i rappresentanti progressisti; allo stesso modo, sono state presentate accuse a leader indigeni, accusandoli di terrorismo.
Va notato che la polarizzazione sociale espressa durante questa rivolta indigena e popolare ha proposto diversi modi di comprendere gli eventi. Secondo il governo, manifestazioni violente, criminali e "correisti" sarebbero destabilizzatori della democrazia che si sarebbero infiltrati nelle manifestazioni; così come la chiusura di strade, effetti sui servizi pubblici, saccheggi e atti di vandalismo, interpretati come inediti nella storia del nostro paese. Allo stesso modo, si intende coinvolgere elementi stranieri in una strategia di sinistra pianificata dal Venezuela e da Cuba.
Come conseguenza di queste idee e concetti, è stato necessario distinguere tra il pacifico movimento indigeno e gli attori esterni; ma il risultato non poteva essere altro che la ricerca dei colpevoli, la persecuzione dei "correistas", la legalizzazione dei leader sociali e la criminalizzazione della protesta.
Il razzismo e il classismo sono stati scoperti dagli strati superiore e medi più benestanti e conservatori. Incapace di comprendere le dinamiche sociali, per questi settori c'erano semplicemente "indigeni" disposti a lanciarsi contro le loro proprietà, oltre a banditi e ladri che sfruttano le mobilitazioni. Erano accompagnati da "correisti", "venezuelani" e "di sinistra" così spregevoli per le loro idee "comuniste" e "risentimento sociale" contro i ricchi.
Come mai nella storia del nostro paese, il governo Moreno è stato difeso e protetto dalle élite economiche, dai media privati, dai diritti politici ed economici del paese, dai governi di destra dell'America Latina e, ovviamente, dal Fondo monetario internazionale, dall'OSA e dagli Stati Uniti? La polizia e le forze armate hanno agito contro i manifestanti con una violenza repressiva senza precedenti, come registrato nei numerosi video che circolavano sui social network e che meritavano la preoccupazione delle entità internazionali per i diritti umani.
D'altra parte, dal punto di vista indigeno e popolare, nonché dei settori che si univano, si tentò di andare contro il decreto 883 che liberava sussidi per il carburante, minacciando un'escalation dei loro prezzi. Sebbene l'obiettivo fosse concreto, nel corso delle dimostrazioni è diventato chiaro che l'accordo dell'Ecuador con il FMI è stato messo in discussione, protestando contro le politiche economiche privilegiate adottate dal governo a favore delle élite commerciali del paese e contro un modello di economia esclusiva per grandi maggioranza nazionali.
Il grande impatto che la rivolta indigena e popolare ha acquisito, la sua presa di distanza dagli atti di violenza e persino dal "correismo", nonché il sostegno diffuso che la sua manifestazione ha ottenuto in tutto il paese, sono stati decisivi per il governo nel concordare di sostenere un Dialogo politico diretto e infine abrogazione del decreto che ha innescato la crisi in Ecuador.
Da parte sua, i media egemonici e mercantili, completamente dedicati alla delegittimazione della protesta sociale, promuovono una visione unilaterale e ideologica che si riassume in immagini: la violenza ha dominato le proteste, la distruzione era all'ordine del giorno, la società era vittima delle mobilitazioni, i leader indigeni vivono comodamente in contrasto con quelli che rimangono nelle loro comunità e dietro a tutto c'erano forze che intendevano porre fine alla democrazia.
Infine, il ministro della difesa ha avanzato la visione militare (assolutamente lontana dalle analisi condotte dalle scienze sociali e giuridiche), per rinnovare vecchi concetti sulla guerra interna e la dottrina della sicurezza nazionale: ha parlato di " minacce ”e“ insurrezione organizzata ”, termini che ovviamente fanno sì che le classi popolari protestino contro i nemici e le università che hanno ospitato gli indigeni per motivi umanitari si trasformino in sospetti o collaboratori per aver creato ciò che il ministro ha interpretato come“ centri di approvvigionamento ” . Ciò ha meritato il rifiuto dei rettori delle università citate.
A livello internazionale sono circolati articoli, informazioni, documentari e posizioni che mostrano più intuizione e senso di obiettività di molti ecuadoriani. Per i primi è chiaro che c'è stata un'esplosione sociale non solo contro un decreto presidenziale, ma contro un modello economico che ha cercato di approfondire il paese nelle mani di uomini d'affari e del FMI.
Gli eventi dell'Ecuador hanno lo stesso background economico che ha causato lo scoppio della protesta in Cile e prima ad Haiti; la stessa radice che ha portato al sostegno di Alberto Fernández in Argentina o Evo Morales in Bolivia, nonché delle gigantesche mobilitazioni dei cittadini in Uruguay e di quelle che iniziano ad apparire in altri paesi. L'America Latina si è stancata dei privilegi delle elites e del modello economico che è serve da base.

Al momento i segnali politici non confortano, né sul piano interno né su quello internazionale.  Il 29 ottobre è stato reso noto l'arrivo del segretario generale dell'Organizzazione degli Stati americani (OSA), Luis Almagro, insieme ad alcuni Ministri della Difesa del continente, a Quito per "discutere il futuro delle democrazie nel continente" e incontrare il presidente Lenin Moreno. Da una dichiarazione del ministero degli Esteri, si è appreso che Almagro sarebbe arrivato in Ecuador per partecipare alla VII riunione dei ministri responsabili della Pubblica Sicurezza nelle Americhe, che si terrà nella capitale.
All'inizio del mese, l'Ecuador aveva promosso una riunione del Consiglio allargato dell'OSA per discutere della crisi che ha causato la protesta dei gruppi indigeni e sociali. In quell'occasione, Almagro disse che “le democrazie nel continente sono in pericolo a causa di una strategia applicata dai movimenti del socialismo del 21 ° secolo, in particolare da Venezuela e Cuba”.
Le sue tesi sono state mantenute nel corso dei giorni. Ha sottolineato che esiste un "modello" per generare il caos in Colombia, Ecuador e Cile. “Le brezze bolivariane non sono benvenute in questo emisfero. Condanniamo fermamente la minaccia di esportare cattive pratiche e destabilizzazione ", ha scritto su Twitter. La nomina dei Ministri della Difesa e della Giustizia dell'America sarà soddisfatta anche in uno scenario di crescenti proteste di strada in diversi paesi e con un nuovo ruolo delle Forze armate per il loro controllo. Uno dei partecipanti a questo evento sarà il ministro della Giustizia brasiliano, Sergio Moro, che ha guidato le false indagini sulla presunta corruzione di Odebrecht. Tuttavia, gli ultimi incontri dei ministri della sicurezza si sono concentrati sulle sfide regionali per prevenire "la criminalità transnazionale, la violenza e l'insicurezza".
Ma quale sicurezza? E di chi? La sicurezza dei tuoi datori di lavoro? La sicurezza delle tue tasche? La sicurezza del tuo futuro? Quale sicurezza? L'Ecuador non vuole smettere di protestare: ha molti problemi interni irrisolti e vogliamo risolverli "in casa" e non con l'intervento di potenze straniere che cercano solo di mantenere la loro egemonia sulla nostra Patria.

Pin It

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.