Europa, la nuova frontiera USA

di Fabrizio Casari

Tra propaganda e storytelling addomesticati, tra narrazioni improvvisate e verità negate, nell’ubriacatura di chi scambia nazisti per irredentisti e la resa con l’evacuazione, se c’è una cosa chiara in questa guerra per procura che gli Stati Uniti fanno combattere agli ucraini, è che Kiev è completamente asservita – e non da oggi - agli interessi statunitensi. Sono venuti alla luce le...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Resa di Azov e prospettive della guerra

di Fabio Marcelli

La decisione del  battaglione Azov di arrendersi è senza dubbio una buona notizia per vari motivi. Quelli più rilevanti per un osservatore imparziale sono essenzialmente due. Il primo è il risparmio di vite umane che la decisione in questione comporta, mentre parrebbe aprirsi anche la strada dello scambio di prigionieri tra le parti. Il secondo è che la resa di Azov, che segue di poco quello delle unità ucraine ancora presenti a Mariupol segna una tappa rilevante nel perseguimento  di due obiettivi fondamentali della guerra dal punto di vista russo e cioè il controllo del Donbass e la denazificazione. A meno di tre mesi dall’inizio della guerra, quindi, quello attuale potrebbe essere il momento opportuno per un rilancio...
> Leggi tutto...
Nel far west televisivo degli anni ’80, Silvio Berlusconi sguazza come un pesce. Sua emittenza sbarca nell’etere con Canale 5. In un amen compra Rete 4 da Mondadori e Italia 1 da Rusconi, pareggiando i conti con la Rai. Tre reti a testa, e il duopolio è cosa fatta.

La Corte Costituzionale liberalizzò solo la tv locale, lasciando allo Stato (cioè alla Rai) la tv nazionale. Fininvest fece spalluce, e trasmise da Bolzano a Palermo col metodo del “pizzone”. Prima registra il palinsesto, poi spedisce il nastro (il “pizzone”) alle emittenti locali che mandano in onda lo stesso programma alla stessa ora. E’ illegale, ma il pentapartito non alza un dito.

Il trucchetto va avanti fino al 16 ottobre 1984, quando i pretori oscurano le tv Fininvest in Piemonte, Lazio e Abruzzo. Provvede Craxi a imbavagliare le toghe. Ghino di Tacco vara in tutta fretta il famigerato “decreto Berlusconi”, che legalizza in via provvisoria (fino alla legge generale sulla tv) la tecnica del “pizzone”. Quattro anni dopo, però, la legge non si vede e la Consulta rilancia il diktat: se il Parlamento non pone fine al far west dell’etere, il “Decreto Berlusconi” sarà dichiarato incostituzionale. In tal caso, Fininvest chiuderebbe i battenti. Per fugare ogni dubbio, i giudici avvertono i partiti che il duopolio mina la libertà d’informazione: Il pluralismo in sede nazionale non potrebbe in ogni caso considerarsi realizzato dal concorso tra un polo pubblico e un polo privato, che sia rappresentato da un soggetto unico o che comunque detenga una posizione dominante nel settore privato.

I partiti fanno orecchie da mercante. Nell’agosto del ’90, 14 anni dopo il monito della Corte, il governo Andreotti sforna la legge Mammì che fotografa il duopolio. E nel ‘94 giunge puntuale la scomunica dei giudici costituzionali: “La titolarità di tre reti su nove assegna un esorbitante vantaggio nella utilizzazione delle risorse e nella raccolta della pubblicità". Entro due anni, ammonisce la Corte, Rete 4 deve andare sul satellite.

Il governo Prodi ascolta e annuisce. La legge Maccanico del ’97, infatti, impone a Fede&Co di abbandonare l’etere. Ma solo quando ci sarà un “congruo sviluppo” dell’utenza satellitare. E’ il cavillo della salvezza per Rete 4, che nel ’99 perde pure la concessione a trasmettere su scala nazionale. Tecnicamente, quindi, la terza rete del Biscione dovrebbe cedere le frequenze ad Europa 7 (titolare di una concessione). Ma dal governo D’Alema arriva l’ennesima scialuppa: il ministro delle Comunicazioni Totò Cardinale rilascia “un’abilitazione speciale” che autorizza Rete 4 a tenersi le frequenze senza concessione. In via transitoria, s’intende. Nel 2002 la Consulta fa piazza pulita dell’ennesimo guazzabuglio. La legge Maccanico è giudicata incostituzionale, per via del “cavillo Salva Rete 4” che impone a Fede il trasloco sul satellite senza specificare una data certa. E’ di nuovo la Corte a metterci una pezza: entro il 31 dicembre 2003, sentenziano i giudici, Rete4 dovrà lasciare l’etere. Il Biscione sembra in un vicolo cieco. Il patron di Europa 7 Francesco Di Stefano esulta.

Il 24 dicembre 2003, ad una settimana dall’ultimatum della Corte, passa il decreto “Salva Rete 4”. Fede&soci la scampano ancora. Mentre Europa 7 resta al palo, munita di concessione ma senza frequenze. E’ il regalo di Natale del Premier Berlusconi all’editore Berlusconi. Sua Emittenza non si ferma e nel 2004 una maggioranza blindata approva la legge Gasparri, già bocciata da Ciampi perché “non in linea con la giurisprudenza della Corte Costituzionale”. Il provvedimento non piace nemmeno a Bruxelles. Il 18 luglio 2007 dall’Europa arriva una dura scomunica. Per il commissario Ue Neelie Kroes, la Gasparri viola le norme sulla concorrenza, favorendo le vecchie emittenti nel passaggio dall’analogico al digitale terrestre.

E non è tutto. Il 31 gennaio 2008 la Corte di Giustizia Europea condanna con parole di fuoco il sistema delle concessioni televisive in Italia: Tale regime non rispetta il principio della libera prestazione di servizi e non segue criteri di selezione obiettivi, trasparenti, non discriminatori e proporzionati. Per i giudici del Lussemburgo, il regime transitorio che dal ‘99 ha permesso a Rete4 di trasmettere senza concessione viola il diritto comunitario. A conti fatti, da 31 anni le leggi televisive ledono Costituzione e norme europee. L’Italia rischia una multa da 400 mila euro al giorno, se non si adegua alle regole di Bruxelles. Ma pagheranno i contribuenti. Quindi ha ragione Emma Bonino: che fretta c’è?



Pin It

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

 

ter2

Il terrorismo contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 

Armi a Kiev, trappole in Parlamento

di Antonio Rei

Mentre con la bocca parliamo di soluzione diplomatica, di cessate il fuoco e di pace “credibile”, con le mani continuiamo a mandare armi in Ucraina. Venerdì è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il terzo decreto interministeriale per spedire a Kiev “materiale bellico”, che stavolta sarà anche più pesante di...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy