Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Gio
28 Luglio 2016
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La rincorsa del cavaliere nero

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di Fabrizio Casari

Sembra decisamente ringalluzzito Berlusconi. L’accordo con la Lega gli ha certamente elevato le possibilità di non finire nel tritacarne elettorale; senza l’alleanza con i leghisti qualunque ipotesi, pur straordinariamente ottimista, non avrebbe retto alla logica prima ancora che alle urne. I cosiddetti padani, d’altra parte, o sottostavano al patto con il cavaliere o perivano in Lombardia, Veneto e Piemonte. E, sia chiaro, non è il coraggio che abbonda in Via Bellerio. Adesso che il ricatto si è compiuto e i beoti padani hanno abbozzato, l’ex premier si sente convinto di  poter risalire la china; seppure non dovesse riuscire a vincere, ha detto ad alcuni suoi collaboratori, il suo risultato sarà sufficiente ad impedire che vinca la sinistra; e nel caso essa dovesse farcela, sarà costretta a penalizzanti accordi poco digeribili con Monti e la noiosissima schiera del censo che lo appoggia.

Difficile dargli torto, giacché passare dal ruolo di uomo da battere a guastatore sarà anche meno affascinante, ma per certi aspetti è molto più nelle sue corde; se infatti dal punto di vista della capacità di governo il fidanzato della Pascale è tutt’altro che un punto di riferimento, in quello dell’uomo della propaganda (nel senso peggiore del termine) è veramente abile. Non solo per il fatto di possedere tre reti televisive, giornali e periodici vari (pure questione di fondo), ma per l’assoluta disinvoltura con la quale distribuisce menzogne sul passato e sul presente scekerate con irrealizzabili promesse sul futuro utilizzando una sapiente tecnica di marketing di vendita, cioè proprio quello che i progressisti non sanno nemmeno dove sia di casa.

La processione ad Arcore di quanti nel suo cerchio magico lo avevano mollato e i sondaggi che lo danno in risalita sono due tra gli elementi che hanno riportato il buon umore a Palazzo Grazioli. Ma dal momento che ne sa una più del diavolo, il cavaliere è perfettamente cosciente che tutto ciò non basta e che una campagna elettorale che alla fine non si concludesse con una mezza vittoria non gli darebbe soverchie possibilità di rinegoziare poi una via d’uscita onorevole e conveniente per lui e per le sue aziende. Perciò s’industria e mette in campo ogni energia, non lesina sforzi e non sottovaluta il benché minimo dettaglio.

Nelle ultime 48 ore, dopo aver ricevuto un rifiuto secco da parte di Draghi all’offerta di una candidatura al Quirinale, ha provato ad alzare un muro sul processo di Milano, chiedendo di sospenderlo per impegni elettorali. Il tribunale, ovviamente, gli ha dato torto, visto che pur di allearsi con la Lega ha dovuto affermare che non corre per Palazzo Chigi, evidenziando con ciò di essere, sul piano formale, solo uno tra tanti delle migliaia di candidati a seggiole varie tra Senato, Camera, Regioni, Province e Comuni dove si vota. Dunque, nessun legittimo impedimento: non ce l’aveva da Premier, figurarsi da candidato. Questione delicatissima questa, perché il processo dove risulta imputato per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile ricorderà a tutti, molto più di quanto abbiano fatto Santoro e Travaglio, chi è davvero l’omino che ha trascinato nel fango l’Italia. Cosa non simpatica mentre si cercano i voti.

Ma se l’istanza al tribunale di Milano fa parte della sua strategia di difesa giudiziaria, la boutade vera è quella di tipo elettorale. Berlusconi ha sostenuto, con la faccia che ha, di essere stato messo in guardia da possibili attentati contro di lui e che per questo dovrà rinunciare ai comizi e limitarsi alla manifestazioni al chiuso! Sembrava l’apertura del Tg di Emilio Fede. Ora, come afferma in una nota il Viminale, non solo nessuno ha mai allertato Berlusconi suggerendogli di rinunciare ai comizi, ma un paese che ha garantito la sicurezza di tutti i capi di stato, da soli o in gruppo, non ha nessun problema a garantirla anche a Berlusconi.

La verità è un’altra: il cavaliere nero sa che l’umore popolare nei suoi confronti è pessimo: non solo non riuscirebbe a riempire nessuna grande piazza italiana, ma correrebbe il rischio di sberleffi e lanci di ortaggi ovunque si presentasse. Riempire un teatro, invece, è molto più semplice, quasi banale.

E seppure una campagna senza comizi è difficile da ipotizzare per chi si dichiara espressione della volontà popolare, inventarsi il rischio attentato è l’unica giustificazione all’assenza da poter offrire, per quanto faccia ridere tutti. Meglio, molto meglio, evitare immagini di contestazioni; e soprattutto meglio, molto meglio, diffondere immagini di teatri pieni piuttosto che di piazze vuote: il rinculo mediatico sarebbe devastante.

Ma sarà bene non sottovalutare le doti del caimano, l’assoluta abilità mediatico-propagandistica e il fiero disprezzo delle regole della politica; mentre il centrosinistra continua ad autoflagellarsi alzando muri e limiti a tutto ciò che non ne fa organicamente parte, in nome di una credibilità di governo, Berlusconi non ha problemi a sommare ogni sigla, ogni personaggio, ogni avanzo, pur di contare numericamente più di quanto è in grado di ottenere da solo. Piccioli e picciotti, questa la summa della strategia elettorale.

Che il centrosinistra voglia darsi un profilo di credibilità è certamente positivo, fino a che non sconfina nell’autoreferenzialità. Poi bisognerà ricordare come vincere le elezioni è cosa difficile, mentre perderle è semplicissimo: basta dimenticare la differenza che c’è tra un convivio di accademici e gli aventi diritto al voto. E allora meglio aver presente la profondità della crisi sociale che discettare sulle formule, meglio aver contezza delle attese popolari che solo di quelle dei mercati. Dunque conviene esibire certificati di esistenza in vita ai lavoratori e ai disoccupati, ai pensionati e agli studenti, oltre che opportune rassicurazioni alla City. E’ bene non vendere la pelle dell’orso finché è vivo e in grado di mostrare le zanne.

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox