Trump: il golpe e la guerra sfiorata

di Mario Lombardo

È possibile che gli Stati Uniti siano andati vicini a lanciare un attacco militare contro la Cina nelle ultime settimane trascorse da Donald Trump alla Casa Bianca? L’ipotesi potrebbe sembrare inverosimile, ma le anticipazioni di un nuovo libro in uscita in America hanno rivelato che almeno due soggetti, con una prospettiva a dir poco privilegiata sugli eventi di Washington, ritenevano questa...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

L’11 settembre dell’Arabia Saudita

di Michele Paris

La pubblicazione da parte dell’amministrazione Biden del primo di una serie di documenti riservati sul possibile coinvolgimento dell’Arabia Saudita negli attentati dell’11 settembre 2001 è stata accolta in generale come un non evento che confermerebbe l’estraneità di Riyadh dai fatti che due decenni fa hanno inaugurato la “guerra al terrore”. In realtà, il quadro che ne esce, anche se per ora molto parziale, appare più sfumato e, in ogni caso, dell’iniziativa della Casa Bianca devono essere valutate anche le implicazioni geo-politiche, soprattutto per quel che riguarda l’evoluzione dei rapporti tra Washington e il regno wahhabita. Il documento di 16 pagine declassificato qualche giorno fa risale al 4 aprile del 2016 e...
> Leggi tutto...

di Bianca Cerri 

Brutto periodo per i pastori d’anime negli Stati Uniti: da quando è iniziata la recessione non riescono a trovare lavoro. Non solo: molte diocesi cattoliche e molte comunità presbiteriane hanno ridotto drasticamente i salari ai loro ministri o addirittura chiuso i battenti. Frank Amlie, ex-pastore evangelico licenziato nel 2009, ha raccontato al New York Times di aver scritto a decine e decine di chiese evangeliche ma nessuna era
interessata ad assumerlo. Un paio di comunità gli hanno chiesto di mandare il curriculum ma la cosa è finita lì.

A parte i rabbini, che hanno stipendi molto più alti rispetto ai ministri di altre religioni, per l’industria divina si preannunciano tempi difficili. Con il peggiorare della crisi economica neppure la questua rende più come una volta. L’unica categoria che riesce ancora ad ammassare immense fortune sfruttando la fiducia e l’attesa di prodigi da parte di devoti televisivi sono i telepredicatori. La tattica è più o meno sempre la stessa: persuasione di una fine inevitabile o di una nascita come salvezza, catastrofismo, presenza di un leader carismatico in grado di manipolare un’audience sterminata sollecitando l’invio di denaro per via telematica.

Naturalmente in questo revival evangelico non c’è posto per i valori tipicamente cristiani della pietà, della compassione e della pietà. Povertà e malattie sono meritate da Dio, i peccatori, i “devianti”, vanno abbandonati o puniti. Tanto per dare un’idea, quella che segue è una lista dei telepredicatori più ricchi e potenti degli Stati Uniti e dei metodi che hanno permesso loro di garantirsi uno stile di vita straordinariamente alto nonostante la crisi economica continuando nel frattempo ad ingerire nella vita politica del paese.

Juanita Byum: il suo programma televisivo viene trasmesso in quasi tutti i paesi del mondo. Una delle ragioni del successo di Byum deriva dal saper offrire alla gente comune la possibilità di identificarsi in uno stile di vita opulento come il suo. Nel 2003, quando sposò il predicatore pentecostale Thomas Weasley Weeks III, aveva al dito un diamante da 7.76 carati e indossava un abito bianco interamente ricoperto di veri cristalli Swarosky. Alla cerimonia da mille e una notte tenutasi presso il Regent Wall Street Hotel di New York erano presenti più di trecento invitati.

Kenneth e Gloria Copeland: qualcuno li ha a ragione definiti i più abili venditori di Vangelo d’America. I Copeland possiedono una fortuna valutata attorno ai novanta milioni di dollari. Nel 2007 lui finì sotto inchiesta per una brutta storia legata al riciclaggio di denaro sporco ma riuscì ad uscirne indenne rifiutandosi di testimoniare come previsto dai benefici che la legge americana concede alle comunità religiose.

John Hagee: consigliere spirituale della famiglia Bush è decisamente il più guerrafondaio dei telepredicatori americani. Ha sempre contrastato la battaglia a favore dei profilattici gratuiti. Nel 2000 definì George Bush, in corsa per la presidenza, “candidato di Dio”. “Il partito democratico”, scrisse Hagee in un suo libro uscito negli anni ’90, “è la casa di chi auspica il sesso libero e la libera circolazione delle droghe”. Promettendo ricchezza e prosperità ai suoi discepoli, riesce a guadagnare più di mezzo milioni di dollari l’anno. Esentasse.

Davanti alla distruzione portata dall’uragano Katrina, sostenne che si trattava di un evento voluto dal Creatore per punire in peccatori. In sintesi, il buon Dio aveva perso la pazienza a causa dei troppi peccati commessi dagli abitanti di New Orleans e per punirli aveva pensato bene di scatenare le forze della natura. Le cronache nazionali riportarono le dichiarazioni di Hagee senza muovere alcuna critica nei suoi confronti. Il 7 febbraio 2006, Hagee ha fondato assieme ad altri 400 leaders spirituali cristiani ed ebrei un’organizzazione chiamata “Christians United for Israel”.

Clefro Dollar: pastore capo della World Changers Church International, una delle comunità religiose più grandi degli Stati Uniti, con sede principale ad Atlanta, in Georgia. Grazie ai volontari che battono le strade delle maggiori metropoli americane sollecitando offerte ai passanti, Dollar ha potuto acquistare una Rolls Royce, un jet privato e un appartamento da due milioni e mezzo di dollari a Manhattan. Uomo autoritario, che spesso agita la bandiera del moralismo più bigotto, qualche anno fa fu trascinato in tribunale dalla moglie dell’ex-pugile Evander Holyfield che lo accusava di aver sottratto al marito sette milioni di dollari raggirandolo con la promessa della vita eterna.

John Corapi:nato a New York è un ex-giocatore di football americano convertitosi negli anni ’80 al cristianesimo. Nel maggio del 1991 fu ordinato sacerdote da Giovanni Paolo II. Il suo primo incarico da prete fu la direzione di una parrocchia cattolica di Houston, in Texas. Il 4 luglio del 2011 si è scoperto che Corapi, oltre a frequentare regolarmente prostitute, ha acquistato una proprietà per il valore di un milione di dollari. La chiesa cattolica l’ha praticamente costretto a rassegnare le dimissioni.

Don Stewart: titolare della Stewart Association che raccoglie fondi per i bambini poveri. Il Business Journal ha però scoperto che le donazioni finiscono tutte sul conto corrente dell’Associazione, che ammonta attualmente a otto milioni di dollari. La Chiesa Cattolica ha preso le distanze ma lui rifiuta di abbandonare.

Pat Robertson: sicuramente il più famoso e ricco dei telepredicatori americani. Proprietario della CBN, una rete televisiva che fattura oltre duecentoquaranta milioni di dollari l’anno. Nell’1985 ordinò all’uragano Gloria, che stava per abbattersi sulle coste della Virginia, di cambiare direzione e pare che Gloria gli abbia ubbidito. Possiede proprietà immobiliari in Asia, Gran Bretagna ed Africa. Dal 1999 è in affari con la Banca di Scozia. Appassionato di cavalli, ha comprato un puro sangue pagandolo seicentomila dollari. Secondo un’inchiesta del Virginian Pilot, Robertson è in affari col presidente della Liberia. Ha fatto parte del Consiglio Nazionale di Politica Estera degli Stati Uniti. Ogni anno, nei giorni che precedono le festività natalizie, Robertson torna ad affermare di essere in diretto contatto con il Creatore. “Non ha mai saltato un anno”, ha detto riferendosi alla puntualità con cui l’Altissimo torna a manifestarsi. Nek 1876 annunciò l’imminente arrivo dell’Apocalisse. Nel 2006 dichiarò invece che l’America sarebbe presto stata colpita da uno tsunami. Infine, il 4 gennaio scorso, ha detto di aver saputo mediante il verbo divino chi sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti.

Jim Bakker: ex-ministro dell’Assemblea di Dio, ha fondato l’Heritage Village, una sorta di Disneyland religiosa. E’ padre di Jamie Bakker, a sua volta fondatore della Chiesa della Rivoluzione. Con le tele-prediche via satellite negli anni ’80 guadagnava già un milioni di dollari a settimana. Nel 1987 fu accusato di molestie sessuali da una segretaria dell’Heritage Village. Nel 1998 si è sposato per la seconda volta con una donna che prima di convertirsi aveva avuto cinque aborti dopo averla redenta.

Morris Cerullo: telepredicatore evangelico di origine italiana. Fino a qualche anno fa missionario e guaritore errante. In Gran Bretagna pare abbia cercato di convertire ebrei danarosi al cristianesimo evangelico suscitando le ire dei rabbini locali. Ha affermato durante un’intervista alla BBC di aver guarito con il semplice uso delle mani persone affette da mali incurabili.  Un’equipe di medici inglesi, dopo aver studiato i casi, aveva concluso che si trattava di una clamorosa menzogna. La sua organizzazione, nota come “Città della Luce” con sede nella Carolina del Nord macina milioni di dollari l’anno.

Joyce Meyer: si autodefinisce cristiana carismatica. L’11 novembre del 2003 il Saint Louis Dispatch pubblicò un articolo su Meyer rivelando che la donna possedeva un aereo privato da dieci milioni di dollari, una Mercedes da oltre centomila dollari e un appartamento da oltre due milioni di dollari. La sede della sua organizzazione vale oltre venti milioni di dollari ed è intestata ad uno dei quattro nipoti di Meyer. Il Saint Louis Business ha invece rivelato che la Meyer Ministries possiede azioni di Wal Mart, Amazon, ecc. Il 6 novembre del 2007 il senatore Chuck Grassley aveva annunciato l’apertura di un’inchiesta nei confronti della Mayer Ministries. Da allora non si è saputo più nulla. Nel 2009 il Concilio Evangelico si era pronunciato a favore di Meyer Ministries affermando che l’organizzazione rispondeva pienamente ai requisiti di credibilità e solvibilità stabiliti dal Concilio stesso.

Jan e Paul Crouch: fondatori della Trinity Broadcast Network, la più grande catena televisiva cristiana. TBN ha una programmazione che comprende varie religioni. I programmi vengono trasmessi da 287 diverse reti televisive in tutto il mondo. Secondo il Los Angeles Times, nel 1998 Paul Crouch fu denunciato per molestie sessuale da un ex-dipendente. Lui negò dicendo di aver sempre contrastato qualunque forma di omosessualità. Lanciò anatemi contro gli omosessuali augurando loro di finire tra le fiamme dell’inferno.  I coniugi Crouch, pur amando presentarsi come persone umili e dallo stile di vita frugale, possiedono un ufficio di mille metri quadri a Costa Mesa (California) con tanto di bar, sauna e palestra privata. Recentemente Crouch è stato denunciato da un giovanissimo ex-tossicodipendente che aveva promesso di aiutare per abusi sessuali.

Oral Roberts: pentecostale ormai defunto ma ancora capace di influenzare l’opinione pubblica e creare ricchezza. Qualcuno lo definì un tempo “campione assoluto della truffa religiosa”. Già negli anni ’40, quando era ancora poco più di un ragazzo, iniziò a viaggiare da un punto all’altro dell’America promettendo guarigioni miracolose in cambio di offerte. In Oklahoma acquistò una fuoriserie ed amava raccontare ai sui discepoli che era stato Dio in persona a suggerirglielo durante un’apparizione. Nel 1979 iniziò i lavori per realizzare un complesso ospedaliero che avrebbe preso il nome di “Città della Fede”. Mancando di circa sessanta milioni di dollari necessari a completarlo inserì nelle sue richieste di aiuto l’esca costituita da una stoffa miracolosa. In pratica, tutti coloro che avrebbero acquistato la stoffa potevano avere la certezza di usufruire di determinati miracoli.  L.’ultima pietra della Città della Fede fu posata nel 1981 e cinque anni dopo i debiti ammontavano già a 25 milioni di dollari. Oggi gli edifici dell’ex-Città della Fede ospitano unicamente uffici.

Charles Blake: secondo il Memphis Flyer il telepredicatore afro americano Charles Blake guadagna un milione di dollari tondo tondo l’anno e vive in una villa di oltre tremila metri quadri a Beverly Hills. Gli adepti della sua chiesa vivono invece per lo più nei quartieri diseredati nella zona sud di Los Angeles.

Eddie Long: recentemente è tornato a predicare dal pulpito della New Birth Missionary Baptist Church alla periferia di Atlanta dopo un’accusa di molestie sessuali è un altro assertore del gospel della prosperità, che promette ricchezze materiali ai fedeli. Occultati fra il pubblico c’erano anche i due giovani che Long avrebbe tentato di corrompere al fine di ottenere favori sessuali. Attraverso un portavoce, Long aveva smentito ogni accusa ma ai due accusatori è stato offerto un congruo risarcimento. Sconcertante è che il reverendo pare abbia sottratto migliaia di dollari alla sua comunità per regalare macchine, abiti di lusso e computers ai ragazzi di cui s’invaghiva. La New Birth Missionary Baptist Church è una delle comunità più potenti di Atlanta. Come capo della congregazione Long guadagnava circa un milione e mezzo di dollari l’anno. Attualmente vive in una casa da due milioni di dollari con nove bagni circondata da un terreno di dimensioni impressionanti. Tutto questo nonostante la denuncia per abusi sessuali mossagli dalla ex-moglie Dabara Houston. La sua missione spirituale era iniziata nel 1987, dopo il licenziamento dalla Ford per “irregolarità finanziarie”. Molto vicino a George Bush, che nel 2006 gli fece assegnare dal dipartimento per le Politiche della Famiglia un milione di dollari.

Ed Young: fondatore della Fellowship Church di Dallas. Pare fosse solito sottrarre soldi alla comunità per raggiungere località esotiche a bordo di un jet privato. Fellowship Church ha conosciuto una grande espansione negli ultimi venti anni. Oggi ha numerosi filiali sparse in tutto il Texas. Nel febbraio del 2010 i giornali hanno attaccato Young accusandolo di condurre uno stile di vita da nababbo.

Joel Osteen: fondatore della Lakewood Church che mette sullo stesso piano Dio e dollari. Osteen e la moglie hanno acquistato una casa da dieci milioni di dollari a River Oaks, il quartiere chic di Houston. Osteen è convinto che negli Stati Uniti la religione può essere usata come mezzo per la massimazione dell’interesse individuale. Nutrito di un’ideologia confusa, che mescola un orientamento politico populista con visioni dell’apocalisse. Il primo raduno organizzato da Osteen nel 2004 ad Atlanta richiamò circa novantamila persone. Il 14 dicembre 2006 il Christian Post lo ha inserito nella lista degli uomini più affascinanti dell’anno assieme ad Andrea Agassi e al rapper Jay-Z.

Benny Hinn: telepredicatore nato in Israele da una famiglia ebrea poi emigrata negli Stati Uniti conosciuto per le sue energiche “crociate energetiche”, che avrebbero guarito migliaia di ammalati, non ama parlare delle sue ricchezze. Precursore del cosiddetto “gospel della prosperità”. Con l’appoggio di Paul Crouch è riuscito a mettere su un vero e proprio impero finanziario. Afferma di essere dotato di poteri sovranaturali conferitigli direttamente dal Creatore. Nel 1999 dichiarò durante un’intervista che presto avrebbe fatto risuscitare centinaia di persone. Nel 2006, grazie alle offerte dei suoi devoti sostenitori, ha acquistato un aereo privato da 36 milioni di dollari. Il velivolo è stato battezzato “Colomba Uno”. Un’inchiesta della rete televisiva NBC ha permesso di accertare che non esistono prove delle guarigioni millantate da Hinn e dai suoi collaboratori. Attualmente il suo programma televisivo, “This is Your Day” viene trasmesso in duecento paesi. Secondo il Colorado Spring Gazette è titolare di un tesoro valutato attorno ai 90 milioni di dollari. Nel 2010 era stato fotografato mentre passeggiava mano nella mano con una donna che non era la moglie nelle strade di Roma. Giornalisti e autori di satira lo avevano fatto letteralmente a pezzi. Ignorando tutti i commenti negativi, Hinn aveva lanciato una campagna per raccogliere due milioni di dollari tra i suoi fedeli. D’altra parte, il connubio tra lo zelo religioso e la capacità imprenditoriale è sempre stata la principale caratteristica di Hinn. Benchè prossimo ai 60 anni è considerato un vero e proprio “tombeur des femmes”. Il conto in banca intanto continua a crescere di pari passo con la sua fama.

Rick Warren: fondatore della Saddleback Church, una mega-chiesa evangelica situata a Lake Forest, in California. Barack Obama lo scelse in veste di rappresentante religioso ufficiale per la cerimonia dell’inaugurazione del mandato presidenziale. Tante le proteste da parte dei movimenti pro-choice. Ha dato un contributo decisivo all’approvazione di una legge che vieta i matrimoni tra persone dello stesso sesso in California. Da vari anni promette che restituirà il 90% dei soldi guadagnati alla comunità religiosa da lui fondata ma finora questo non è ancora avvenuto. Ha appoggiato Bill Clinton nella nascita della Global Initiative che ogni anno raccoglie milioni di dollari libro. Warren ha guadagnato circa dieci milioni di dollari con i diritti di un libro intitolato”Scopri che scopo ha la tua vita”.

Diceva Marck Twain che avere fede significa credere in qualcosa pur sapendo che non esiste. Forse alla base dell’avanzata di questi cialtroni imbellettati e cotonati c’è proprio il bisogno che tante persone hanno di credere a quel qualcosa che non esiste. Quanto alla cosiddetta intellighenzia di sinistra, da tempo rintanata nella sua casa, non avendo nulla da opporre alle teorie farneticanti dei telepredicatori, si limita a considerarli solo dei fenomeni da baraccone abili nello spillare denaro a degli sprovveduti. Senza accorgersi che la loro nefasta presenza è ormai arrivata a condizionare tutti gli aspetti della vita collettiva degli Stati Uniti ad iniziare dalla campagna elettorale attualmente in corso, dominata dal moralismo più bigotto e dall’intolleranza.

Pin It

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

 

ter2

Il terrorismo contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 

Kabul, l’orrore made in USA

di Mario Lombardo

L’atto finale dell’occupazione americana dell’Afghanistan non poteva che essere segnato da un episodio di brutale violenza nel nome della “guerra al terrore”. Ciò è precisamente quanto accaduto alla fine di agosto con l’attacco mirato, condotto da un drone, contro quello che i vertici militari USA avevano...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy