I reazionari della Corte Suprema

di Mario Lombardo

Il voto favorevole del Senato di Washington alla nomina della giudice ultra-conservatrice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema nella giornata di lunedì rappresenta un evento eccezionale sia per le modalità con cui è avvenuto sia soprattutto per le conseguenze che potrebbe avere in ambito politico, giuridico e sociale negli Stati Uniti. Se il Partito Repubblicano disponeva di una maggioranza...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

La guerra all’Islam di Macron

di Michele Paris

Il ritiro del proprio ambasciatore da un determinato paese è una delle misure più drastiche che un governo possa adottare durante una crisi diplomatica e può talvolta anticipare la rottura totale delle relazioni bilaterali. Un fatto esattamente di questa gravità si è verificato nel fine settimana e ha coinvolto Francia e Turchia,...
> Leggi tutto...

di Sara Seganti

C’é qualcosa d’insolito. La Chevron, seconda compagnia petrolifera del mondo, nota per i suoi metodi autoritari, offre pubbliche scuse e si addossa tutta la responsabilità (e i costi) del recente sversamento di greggio al largo della costa brasiliana. Il gigante petrolifero aveva tentato per qualche giorno di minimizzare l’accaduto e di ridimensionare le sue responsabilità, ma ha dovuto battere in ritirata di fronte all’evidenza delle prove portate all’attenzione dell’opinione pubblica, in questo caso da un blog come SkYTruth che ha pubblicato le immagini satellitari del mare inquinato. E per tradizione, la Chevron non batte mai in ritirata.

Il danno ecologico ha origine in un probabile errore commesso in una piattaforma offshore nella concessione di Frade, a poco più di 300 chilometri dalla costa di Rio de Janeiro. Probabilmente, la Chevron ha sbagliato i calcoli nella pressione delle trivellazioni che hanno aperto una fuoriuscita di greggio dal fondale. Dall’8 novembre, giorno dell’incidente, si calcola che la quantità di greggio riversato in mare sia compresa tra i 5 e gli 8.000 barili, ma per adesso sembra che le correnti stiano risparmiando le spiagge di Rio.

C’è qualcosa di strano anche nella decisione presa da un Brasile candidato a diventare presto uno dei maggiori esportatori di petrolio del mondo: la Chevron ha subito il divieto di operare sul suolo brasiliano fino a che non siano state provate le sue capacità di fare fronte a emergenze e falle nella sicurezza dei suoi impianti, adesso all’esame dell’Agenzia nazionale del petrolio brasiliana. Come a dire, non si esclude che la Chevron abbia dato prova di vera e propria incompetenza. L’Agenzia ha espresso anche apprensione per i metodi utilizzati per fermare la fuoriuscita, come i procedimenti a pressione con l’utilizzo del cemento che potrebbero non essere sufficienti a ripristinare la stabilità dei fondali.

Il Brasile non sta concedendo sconti alla Chevron: l’azienda è già stata condannata a pagare 20 milioni di euro, che avrebbero potuto essere di più se non fosse questa la più alta ammenda prevista dalla legislazione brasiliana per danni ambientali. La cifra sembra, in ogni caso, destinata a salire per via degli elevati costi di bonifica e della volontà politica del Presidente Dilma Roussef di trasformare questo caso in un monito per le multinazionali che operano nel paese. La Chevron rischia, infine, di essere esclusa dallo sfruttamento dei giacimenti pertoliferi a 6.000 metri di profondità nell’oceano Atlantico per cui aveva già stanziato miliardi di dollari di investimento e che inizieranno a breve.

Cosa può aver portato la Chevron a porre le sue scuse? Già sotto i riflettori di tutto il mondo, la Chevron ha un conto in sospeso in America del Sud sopratutto per i processi che la oppongono all’Ecuador per i gravi danni ambientali provocati negli scorsi decenni dalle pratiche estrattive del petrolio. Se a questa pubblicità negativa, si aggiunge l’attenzione dei media e la forte emotività dell’opinione pubblica dopo il memorabile sversamento avvenuto l’anno scorso nel golfo del Messico, negli Stati Uniti, perfino il management Chevron si è probabilmente trovato costretto a rivedere le sue politiche difensive in genere più reticenti nell’ammissione delle proprie responsabilità.

Dopo l’8 novembre, le sue quotazioni in borsa sono, infatti, scese facendo perdere in poco tempo alla Chevron 10 miliardi di dollari in valore di mercato, nonostante la gravità di questa perdita sia, sino ad oggi, relativa se paragonata all’esplosione della Deepwater Horizon. In Brasile si è riversato in mare soltanto lo 0,1% del greggio che all’epoca inquinò il Golfo del Messico, pari a quasi 5 milioni di barili. L’ipotesi è che i mercati abbiano “stra”- reagito di fronte all’ipotesi di salate multe e all’aumento della frequenza di incidenti ad alto impatto ambientale nelle piattaforme in alto mare.

La causa è da ricercare nel fatto che i paesi e le compagnie petrolifere si spingono sempre più in profondità alla ricerca di nuovi giacimenti da sfruttare. Queste trivellazioni sono, quindi, sempre più difficili da mettere in sicurezza e le tecnologie usate nelle pratiche estrattive offshore non sono sempre all’altezza degli obiettivi complessi da raggiungere. Per di più, mai come oggi, attivisti e organizzazioni a tutela dell’ambiente vigilano attentamente sui danni provocati dall’estrazione dei combustibili fossili, tant’è che se non fosse stato per l’eco mediatica scoppiata in seguito all’incidente la Chevron avrebbe avuto terreno più fertile nel minimizzare l’accaduto.

La situazione è particolarmente problematica per la Chevron, perché la compagnia sta facendo dell’estrazione da piattaforme offshore uno dei suoi nuovi business per cercare di invertire la rotta rispetto all’andamento delle estrazioni sulla terra ferma che non garantiscono più crescita e profitti illimitati. La Chevron ha già all’attivo decine di progetti di trivellazione e costruzione di piattaforme offshore e questo disastro rischia di minare la sua credibilità tecnica nel compiere operazioni ad elevato rischio. E’ probabile che la disponibilità offerta al Brasile di accollarsi tutte le spese di bonifica sia un tentativo di dimostrare il suo senso di responsabilità per non essere esclusa dalle concessioni per l’estrazione nell’Oceano Altantico.

La scarsità di giacimenti facilmente accessibili e la riconversione ancora lontana alle energie di origine non fossile, hanno creato una vera e propria joint-venture tra grandi compagnie petrolifere che hanno bisogno di materia prima e paesi che non hanno le tecnologie per sfruttare gli ultimi giacimenti di greggio rimasti, che si trovano quasi sempre in luoghi difficili da raggiungere come il fondale marino.

Se è vero che Dilma Roussef ha tutto l’interesse a chiarire qual’è il tipo di (nuovo) atteggiamento che ci si aspetta da chi opera nel paese, tutta la vicenda che oppone il Brasile alla Chevron ha il sapore di un gioco delle parti, ad uso e consumo di un’opinione pubblica che entrambi i contendenti hanno interesse a rassicurare, per consentire lunga vita a questo tipo di operazioni ad alto rischio ambientale, con i lauti profitti che ne conseguono.

Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Convivere con il Covid? Ecco come

di Donato Greco

Il messaggio che sento di dover dare su Covid -19 è relativo al domani: domani reale e domani prossimo, senza addentrarmi nel domani remoto. E quindi partiamo dallo scenario attuale per capire cosa presumibilmente, in base alle conoscenze e all'esperienza, ci aspetta e cosa possiamo e dobbiamo fare per imparare a convivere con...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.