Libano, il nuovo che arranca

di Michele Paris

I risultati delle elezioni di qualche giorno fa in Libano hanno mandato segnali contraddittori circa gli equilibri politici di un paese che sta attraversando una drammatica crisi economica, per la quale continuano a non vedersi immediate soluzioni. I cambiamenti nel numero dei seggi assegnati alle varie forze politiche sono stati relativamente trascurabili, mentre il dato forse più significativo...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Europa, la nuova frontiera USA

di Fabrizio Casari

Tra propaganda e storytelling addomesticati, tra narrazioni improvvisate e verità negate, nell’ubriacatura di chi scambia nazisti per irredentisti e la resa con l’evacuazione, se c’è una cosa chiara in questa guerra per procura che gli Stati Uniti fanno combattere agli ucraini, è che Kiev è completamente asservita – e non da oggi - agli interessi statunitensi. Sono venuti alla luce le totali influenze di Washinton su Kiev, il cui inizio risale a prima del golpe di Euro Maidan. In principio l’attività USA è stata dedita all’organizzazione del colpo di stato, poi è proseguita con una continua e profonda ingerenza nelle vicende interne del Paese, al punto dall’esibirne l’eterodirezione dello stesso. Londra e Washington...
> Leggi tutto...

di Carlo Musilli

Dopo il prevedibile flop dell’aumento di capitale sul mercato, per il Monte dei Paschi si spalancano le porte della nazionalizzazione. Quasi nessuno usa questa parola, forse perché evoca spettri sovietici, ma è esattamente di questo che si tratta.

Con il decreto salva-banche varato fulmineamente la settimana scorsa, il governo mette sul piatto l’equivalente di una manovra finanziaria: 20 miliardi di euro per salvare non solo Mps, ma anche le due malandate banche venete (Popolare di Vicenza e Veneto Banca) e i quattro istituti nati dalla risoluzione di CariChieti, CariFe, Banca Etruria e Banca Marche.

Insomma, se mai ce ne fosse ancora bisogno, questo provvedimento dimostra che quando si vuole il denaro si trova, il debito pubblico si fa salire senza troppe remore e le leggi si approvano in giornata nonostante il demoniaco bicameralismo perfetto.

Ma torniamo ai fatti. Solo per acquisire la maggioranza assoluta nel capitale dell’istituto senese lo Stato potrebbe sborsare fino a 7 miliardi, mentre il conto dell’intervento complessivo non dovrebbe superare quota 15 miliardi. In questo modo rimarrebbero in cassa le risorse per fronteggiare eventuali nuove crisi.

Prima di tutto, però, c’è da affrontare Bruxelles. La Commissione europea ha dato un via libera di massima al salvataggio pubblico delle banche italiane, ma, prima di approvare in via definitiva il piano di Roma, verificherà che la procedura rispetti le condizioni imposte dalle regole comunitarie.

La più pesante è quella che impone di accompagnare l’aiuto dello Stato con la cosiddetta “burden sharing”. In sostanza, al costo del salvataggio dovranno partecipare anche gli azionisti e i titolari di bond subordinati. Fra questi ultimi, però, saranno solo gli investitori istituzionali a subire delle perdite, a causa della conversione dei bond in azioni pari al 75% del valore nominale delle obbligazioni.

Ai piccoli risparmiatori, invece, saranno distribuite obbligazioni ordinarie (assai più sicure) per lo stesso ammontare dei titoli subordinati in portafoglio. Questa forma di tutela si basa però su un presupposto: Montepaschi dovrebbe ammettere di aver ingannato circa 40mila dei suoi clienti, vendendo loro bond per 2,1 miliardi di euro senza averli informati adeguatamente dei rischi.

Dopodiché lo Stato dovrà avviare il risanamento della Banca, un percorso lungo e pieno di insidie. Di sicuro non arriveranno sconti da Bruxelles, su cui si mantiene alto il pressing di Wolfgang Schaeuble, ministro tedesco delle Finanze, e del suo fido vassallo Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo. I due, forse ormai per abitudine, sfogano tutta la loro ferocia repressa su noi spreconi euromeridionali. Basti pensare all’ennesimo colpo inferto pochi giorni fa alla Grecia, che si è vista bloccare gli aiuti solo perché Tsipras si era permesso di distribuire parte del surplus di bilancio alle pensioni minime e alle isole travolte dalla crisi dei migranti.

E se Atene piange, Siena probabilmente non riderà. Christoph Schmidt, uno dei consiglieri economici della cancelliera Angela Merkel, ha già lanciato i suoi anatemi contro il salvataggio di Mps, cui non dovrebbero partecipare “i contribuenti”.

Peccato che Schmidt eviti di ricordare il caso della banca tedesca Hsh Nordbank, che si appresta a ricevere un’iniezione di denaro pubblico da circa 10 miliardi di euro (il doppio dell’aumento di capitale tentato da Montepaschi) per evitare il collasso a causa dei prestiti deteriorati legati al settore navale.

La sola differenza con la vicenda Mps è che il salvataggio di Nordbank è stato approvato dalla Germania prima che entrassero in vigore le nuove regole europee sulle risoluzioni bancarie. Alla fine è questione di stereotipi: i tedeschi arrivano puntuali. Noi, invece, sempre in ritardo.

Pin It

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

 

ter2

Il terrorismo contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 

Resa di Azov e prospettive della guerra

di Fabio Marcelli

La decisione del  battaglione Azov di arrendersi è senza dubbio una buona notizia per vari motivi. Quelli più rilevanti per un osservatore imparziale sono essenzialmente due. Il primo è il risparmio di vite umane che la decisione in questione comporta, mentre parrebbe aprirsi anche la strada dello scambio di prigionieri...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy