USA-Cina, il bastone di Hong Kong

di Mario Lombardo

Le minacce della Casa Bianca e del dipartimento di Stato americano non sono alla fine servite a impedire l’approvazione nella giornata di giovedì della nuova legge sulla “sicurezza nazionale” per Hong Kong da parte dell’annuale assemblea legislativa cinese. La decisione presa dal Congresso Popolare era stata anticipata da un annuncio clamoroso a Washington, dove l’amministrazione Trump...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Storia di un matrimonio

di Sara Michelucci

Storia di un matrimonio, film firmato dal regista candidato all'Oscar Noah Baumbach, racconta in modo incisivo ed empatico la fine di un amore e la volontà di una famiglia di restare comunque unita. Interpretato da Scarlett Johansson e Adam Driver, il film mette in evidenza la crisi di un rapporto matrimoniale, puntando l'accento...
> Leggi tutto...
Parrebbe di no, la missione è intitolata per tutti ai profughi per il Darfur. All'opposizione in Ciad invece sembrava una missione intitolata a legittimare la presenza dei militari francesi, che lì a combattere non ci potrebbero stare. Così pochi giorni prima dell'inizio del dispiegamento del contingente EUFOR, contingente modesto e ovviamente sotto comando francese, l'opposizione ci ha riprovato ed è giunta ad assediare il tiranno. Speravano che la Francia non intervenisse per non pregiudicare la neutralità della missione europea, ma hanno sperato male. I militari francesi non hanno combattuto, pare, ma hanno protetto l'aeroporto, dove sono arrivate munizioni dalla Libia e da dove sono partiti gli elicotteri che hanno sconfitto il mini-esercito di mille ciadiani arrabbiati.

Il portavoce del ministero della difesa francese ha raccontato tranquillamente che la Francia ha riarmato vecchi carri armati di produzione sovietica con ricambi e munizioni libiche, come di aver fornito carburante e razioni alimentari all'esercito del dittatore. Secondo la Francia l'intervento è legittima “cooperazione tecnica” prevista dagli accordi siglati con Idriss Deby Itno, non infrangono minimamente l'impegno solenne di non ingerenza siglato ai tempi della decolonizzazione del Ciad e nemmeno le leggi internazionali.

La Francia, che insieme agli Stati Uniti ha ottenuto a tempo di record una condanna della ribellione da parte del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, adesso chiede pietà per i ribelli, visto che il presidente democraticamente eletto ha dato il via alla solita rappresaglia a base di rastrellamenti degli oppositori, torture ed uccisioni; come se non fosse scontato. Ugualmente scontato il tandem Francia-USA nell'occasione, visto che i due paesi si dividono la produzione petrolifera del Ciad. Nel mezzo il redivivo Deby è uscito dall'assedio al palazzo presidenziale graziando i rapitori di bambini francesi condannati poco tempo fa e lamentando l'aggressione da parte del Sudan.

Per l'opposizione è notte: tanto per i parlamentari come per i semplici cittadini; per i parenti ribelli di Deby come per il suo ex-ministro della difesa, alla guida dello sparuto esercito ribelle. Per la comunità internazionale e per l'Africa è invece l'ennesima sconfitta, l'ennesima prevaricazione armata in nome di una legalità che è quella della dittatura. Nel nostro paese non ce ne siamo nemmeno accorti, la Francia era sì al centro dell'attenzione nel nostro paese, ma esclusivamente per la telenovela degli amori di Sarkozy. Molto più interessante del martirio di una sconosciuta massa di neri lontani.
Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Recovery Fund, fra diarchia e caos

di Carlo Musilli

La trattativa sul Recovery Fund dimostra che la politica dell’Unione europea è dominata da due forze opposte: la prima, centripeta, tende all’accentramento del potere decisionale in capo alle due principali economie; la seconda, centrifuga, consente ai Paesi più insignificanti di tenere in ostaggio l’intera alleanza. Il...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.