Come la maggior parte dei paesi dell'America Latina, l’Ecuador è vittima di una forte offensiva neoliberista. Essa trova terreno fertile anche a causa della debolezza della sinistra nel recuperare le basi sociali il cui sostegno fu ottenuto dai governi progressisti nel "decennio vittorioso" poiché avevano grandi radici popolari, ma ora vengono riconquistati dalla destra. Tutto ciò, ovviamente, con il supporto illimitato dei mezzi di comunicazione egemonici sottomessi ai mandati dell'impero, e come Emir Sader afferma in uno dei suoi brillanti articoli, senza pensiero critico non esiste alcuna pratica emancipatoria.

 

In Ecuador, dopo la massiccia manifestazione dell’ottobre 2019, che univa diversi settori sociali come le popolazioni indigene, i lavoratori, gli studenti, i sindacalisti, e che ha costituito l'inizio di altre importanti mobilitazioni popolari in America Latina, purtroppo si è perso lo slancio, la coerenza e la forza necessarie per continuare ad affrontare il travolgente modello neoliberista che continua a mantenere il nostro Paese nell'assoluta ingiustizia economica e sociale.

Allo stesso modo va menzionata la brutale repressione esercitata dalla polizia e dalle forze militari che hanno lasciato diversi morti e feriti in quel periodo, nonché i forti meccanismi di persecuzione e criminalizzazione politica che continuano ad essere adottati dal governo di Lenin Moreno in contro i principali leader della sinistra. La persecuzione della sinistra è stata la strategia attuata dalla destra, che ha spostato la sua agenda verso corruzione, pubblica, sicurezza o principi conservatori.

Le gravi violazioni dei diritti umani ad opera delle forze dell'ordine e ai danni della popolazione, sono state denunciate dinanzi allo CIDH, che dopo aver visitato il paese e intervistato diversi protagonisti ha messo in grave dubbio l'azione del governo ecuadoriano. Nella crisi di ottobre, l'Esecutivo, attraverso il ministro del governo, María Paula Romo, ha descritto il rapporto dell'istituzione come "di parte". Allo stesso tempo, ha messo in dubbio la neutralità dell'organizzazione internazionale, affermando che “le organizzazioni per i diritti umani hanno l'obbligo di dare uno sguardo molto più onesto a ciò che sta accadendo, che non adotta alcun pregiudizio, che è in grado di avere un rapporto neutrale ".

La CIDH ha raccomandato all'Ecuador di elaborare un piano globale di assistenza e riparazione per le vittime delle proteste, che sono state represse con un saldo di una dozzina di morti, 1.340 feriti e 1.192 detenuti, secondo l'Ufficio del Mediatore. La stessa CIDH ritiene che vada offerta una riparazione per le loro famiglie, e che si debba garantire che i giornalisti non siano attaccati o minacciati.
Attualmente, Romo affronta il terzo processo politico a seguito della sua esibizione durante la crisi di ottobre. Con 49 firme, una richiesta di un processo politico contro il Ministro del governo, María Paula Romo, è stata presentata all'Assemblea Nazionale per presunta inosservanza delle funzioni negli eventi relativi allo sciopero di ottobre 2019.
Il governo di Lenín Moreno si è spogliato di tutti gli abiti e del trucco "progressista", con i quali inizialmente aveva ingannato il popolo, per posizionarsi pienamente alla corte dei governi neoliberisti della destra continentale. Ciò è confermato da misure economiche sempre più insostenibili per la maggior parte della popolazione ecuadoriana, licenziamenti di massa dei lavoratori del settore pubblico, il mantenimento dell'accordo con il FMI per ottenere crediti con altre organizzazioni multilaterali e la sottomissione illimitata per le azioni imposte dai loro datori di lavoro.

Il fatto che il Paese sia fortemente indebitato lo trovano politicamente redditizio, perché giustifica l’inettitudine dell'attuale governo. Ma incolpare il governo precedente di tutto, non solo è una cattiva strategia di comunicazione, ma criticare il debito contratto con la Cina per poi accenderne uno molto più oneroso sui mercati internazionali, testimonia di come si tratti di scelte ideologiche e non di politica finanziaria di rigore.

In 10 anni, infatti, l'Ecuador si era indebitato con la Cina per poco più di dodici miliardi e paga un interesse del 6,52%. L'attuale governo, in soli due anni e mezzo, ha preso in prestito obbligazioni per oltre 16 miliardi di dollari e paga un interesse del 9,31%. Chiaramente il debito con la Cina è migliore del debito con le obbligazioni, ma il governo ha voluto rivolgersi al Fondo Monetario Internazionale; cosa che, oltre a rappresentare un maggior costo, impone cambiamenti politici ed economici nel Paese. Verranno presi in prestito denari che dovranno essere rimborsati nei temi e nei modi che il mercato impone.

La necessità di indebitarsi ulteriormente è data dal fatto che il governo Moreno ha perdonato 1,194 milioni di Dollari di tasse alle più grandi compagnie del paese. Inoltre, l'Ecuador ha accettato un salvataggio finanziario con il FMI in cambio di ulteriori riforme strutturali.
Tutto ciò si riflette in tutti gli indicatori economici. Nonostante il petrolio a buon prezzo, l'economia sta rallentando, il che indica chiaramente una cattiva gestione economica. Le banche continuano a crescere, ma il paese si sta impoverendo. Questo perché la gestione politica ed economica è cambiata: ora sono le banche che gestiscono la politica e l'economia. Inoltre, l'industria nazionale non viene sostenuta nazionalmente e promossa internazionalmente, il che significa che le importazioni crescono e l’export diminuisce.

Attualmente il governo ha un debito dannoso, perché è stato è usato per finanziare aziende multinazionali: quel denaro prestato denaro lascia immediatamente il paese. L’interesse nazionale viene rovesciato.
Ma se il governo raggiunge il peggio, l’opposizione certo non da il meglio di sé. L'obiettivo principale della rivolta dello scorso ottobre è stato completamente diluito prima da una serie di incoerenze e interessi personali da parte dei leader che lo convocarono. Le loro richieste, inizialmente concrete e forti, compreso il ritiro del FMI, le dimissioni del Presidente della Repubblica, del Ministro della Difesa e del Ministro del Governo, furono sostituite e placate con la sola abrogazione del Decreto 883, che aveva eliminato il sussidio per il carburante. Peraltro il Decreto è stato solo parzialmente trasformato, manipolando senza vergogna le reali aspettative della popolazione.

Nonostante alcuni sporadici sforzi fatti per informare e sensibilizzare la società in momenti critici come questo, la battuta d'arresto ideologica è dovuta all'incapacità della sinistra di avere un pensiero critico che gli permetta di comprendere appieno la fase politica e la natura dell’offensiva della destra, la sua forza e le sue debolezze.

La sfida di quest'anno deriva proprio da quanto avvenuto l'anno scorso: si tratta di convertire il malcontento popolare in un progetto politico concreto e di trasformazione del modello respinto dalla maggioranza del popolo ecuadoriano. Un progetto di ripresa delle ragioni della sinistra che potrebbe essere sostenuto in maniera massiccia nelle prossime elezioni che si terranno nel 2021. Stando ai sondaggi le forze progressiste devono presentare un progetto praticabile che rifletta il malcontento e, allo stesso tempo, rappresenti i diritti e gli interessi degli ampi settori popolari che sono stati colpiti dal modello politico ed economico attuale.

Una prima realtà che deve essere oggettivamente riconosciuta è che queste forze progressiste non sono in grado di affrontare con successo quella sfida senza il supporto di altri settori che coincidono con i principi progressisti e trasformatori della nostra società. La grande sfida nazionale è rendere la democrazia praticabile e passare dalle dichiarazioni teoriche alla pratica partecipativa. Senza la partecipazione attiva e creativa del pensiero critico non c’è uscita dalla crisi con la forza sufficiente per guidare un nuovo ciclo progressista nel nostro paese. Ora, l'imperativo politico è convertire le violenze espresse nelle strade durante la rivolta di ottobre 2019 in voti. Si vota tra due anni e il ritardo accumulato deve essere aggredito.

Pin It

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.