Dazi alla Cina, l’affondo di Trump

di Mario Lombardo

Con l’imposizione di nuovi dazi sulle esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti per un valore di 200 miliardi di dollari, l’amministrazione Trump ha impresso una pericolosa accelerazione alla guerra commerciale in atto da mesi tra le prime due potenze economiche del pianeta.   La decisione è stata condannata da un fronte molto ampio di critici della Casa Bianca, ma il ricorso a misure...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Manovra, ansia da deficit

di Carlo Musilli

I destini del reddito di cittadinanza e della flat tax dipendono in larga parte da un solo numero: quello che il governo scriverà nella nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza - attesa per il 27 settembre - alla voce rapporto deficit-Pil 2019.   Nella bozza del Def che il Tesoro ha distribuito al Presidente del...
> Leggi tutto...
Secondo il Frankfurter Allgemeine Zeitung, noto giornale “bolscevico” tedesco, non sarebbe proprio così, se accusa il Cavaliere di sfacciataggine. Il suo piano non solo è etichettabile come smaccatamente statalista, ma anche beffardo di tutte le normali e logiche regole del mercato. In marzo venne fatto decadere il piano Spinetta, perché i 2.100 esuberi erano troppi, perché il progetto sottoponeva l’italianità della compagnia a una struttura multinazionale come quella Air France-Klm, perché le tratte dalla Penisola sarebbero state dirottate chissà dove tra Parigi e Amsterdam.

Tutte queste affermazioni forse avevano qualcosa di vero, ma dopo anni di malagestione, pur di salvare Alitalia, su qualcosa si poteva pure soprassedere. Di fronte al colabrodo della Magliana, il desiderio di mantenere due Hub e un management nazionale incapace sembrava la ripetizione del giapponese intento nella difesa solitaria dell’atollo del Pacifico a guerra finita.

Per carità, Parigi non faceva regali a nessuno, faceva semplicemente “impresa”. Di fronte a un’azienda malata e sull’orlo del fallimento, i francesi pagavano quel che valevano le sue quote, ma in parallelo le fornivano il sufficiente ossigeno (2 miliardi di euro, di cui la metà per accollarsi l’indebitamento) per sopravvivere e chissà per ritornare ad avere un ruolo, magari subordinato, ma di sicuro senza che i contribuenti italiani dovessero ancora finanziare in via coatta ogni volta azioni di salvataggio disperato. Spinetta con sciovinismo gallico prevedeva per il 2010 il risanamento, Berlusconi con spavalderia brianzola rifiutò, adducendo di avere lui la soluzione a tutti i mali, compresa la possibilità di far entrare i suoi figli del prodigioso piano italico di rilancio.

Questo era il passato, sono passati 5 mesi, il problema sembra risolto e il premier soddisfatto ne snocciola i risultati: gli esuberi non sarebbero meno di 5.000 (7.000 se si considerano anche quelli di AirOne); la parte sana della società, ridimensionata e avviata a un traffico prevalentemente domestico e in competizione con Ferrovie dello Stato e Ryanair, andrà alla cordata dei vari manager che di tutto s’intendono, tranne che di aerei; la parte malata con debiti e problemi a carico dei contribuenti e coordinata da un amministratore che, chiamandosi Fantozzi, non sembra ricevere onori e glorie. Berlusconi ne è più che soddisfatto e non può che complimentarsi con Passera, boss di Intesa Sanpaolo, e deus ex machina di questa grande operazione.

Poteva andare peggio? Probabilmente no, se si considera che per il futuro è in progetto una partnership con nientepopodimenoche Air France, British Airways o Lufthansa, visto che l’italianissima cordata ha nei suoi interessi fare soldi, rivendendo da qui a 2/3 anni il tutto, non potendosi lanciare in piani industriali di lungo periodo nella giungla della concorrenza aerea, di cui è nella sostanza incompetente. Come si dice in questi casi, la frittata è fatta, con il condimento di leggi ad hoc protezioniste e anticomunitarie. Salata o sciapa che sia, toccherà mangiarla ora ai sindacati, che correi di aver contribuito a chiudere la porta ai francesi a marzo, oggi vengono minacciati da Berlusconi che in caso di diniego, sarebbero gli unici responsabili del commissariamento e del relativo fallimento della compagnia di bandiera italiana.

Il Cavaliere ha sentenziato l’ultima delle sue verità: “Questa è l’unica operazione che si può fare”. In fondo a fronte di 20.000 lavoratori a rischio licenziamento, i “soli” 7.000 senza lavoro possono - a detta sua - essere riciclati nel pubblico impiego. Dopo anni di lavoro in Alitalia, riusciranno a resistere alle frustate di Brunetta in scuole, ministeri e uffici statali?
Pin It

Vuoi collaborare?

Inviaci i tuoi dati e ti contatteremo.

Cerca

Il ddl Pillon: in nome del padre

di Maura Cossutta

E’ in discussione in Commissione Giustizia del Senato il ddl  “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità”, che cambia la normativa del diritto di famiglia in materia di separazione, in particolare  cambia la legge n. 54 del 2006, conosciuta come legge sull' affido...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.