La classifica dice ancora Juventus, dopo che sbriga (con qualche fatica) la pratica Milan nel posticipo serale. C'è voluto l'ingresso di Dybala che ha rilevato CR7 (che non ha gradito, pare) per far segnare i bianconeri, che ormai hanno nel fantasista argentino il portafortuna, il risolutore di empasse tecnico. Dunque, da seconda per poche ore, la Juventus torna prima per i prossimi 15 giorni. Sabato, a San Siro contro il Verona, l’Inter era passata 2-1 con non pochi patemi. I nerazzurri erano andati in svantaggio per un rigore trasformato da Verre, ma sono poi stati protagonisti di una grande reazione. In una serata poco felice per gli attaccanti (Lukaku fischiato in modo ingeneroso, visto quanto prodotto finora), ci  hanno pensato Vecino e Barella a ribaltare il risultato. Al momento sembra di poter dire che la sfuriata di Conte non sembra aver prodotto danni e, vista la delusione Napoli e l'incertezza Roma, l'Inter continua ad essere l'unica formazione che appare in grado di mettere ansia alla Juventus. Perchè magari non vincerà il campionato ma non lascerà che i bianconeri si divertano lasciando a 20 punti di distanza la seconda classificata.

 

Con la quarta vittoria consecutiva in Campionato, la Lazio allontana i fantasmi dell’Europa League e sale a 24 punti. All’Olimpico contro il Lecce finisce 4-2 per i biancazzurri, al termine di una partita più equilibrata di quanto il risultato suggerisca. Dopo i gol di Correa e Lapadula nel primo tempo e il 2-1 di Milinkovic nella ripresa, i pugliesi sbagliano il rigore del 2-2 con Babacar, poi crollano: rigore di Immobile e secondo gol di Correa. Inutile a 5 dalla fine il gol di Lamantia.

A pari merito in classifica con la Lazio c’è il Cagliari dei miracoli, che travolge addirittura 5-2 una Fiorentina orfana dello squalificato Ribéry. Prestazione sontuosa della squadra di Maran: in gol Rog, Pisacane, Simeone, Joao Pedro e Nainggolan. Viola mai in partita, di Vlahovic le due reti.

Lazio e Cagliari superano così di due punti la Roma, sconfitta per 2-0 sul campo del Parma. Gli emiliani passano con Sprocati e Cornelius, tra i migliori in campo insieme a Kucka e soprattutto a Kulusevski. I giallorossi interrompono così la mini-serie di risultati utili.

Passo falso anche dell’Atalanta, che, evidentemente appesantita dalle scorie dell’impresa in Champions League contro il City, non va oltre lo 0-0 in casa della Sampdoria, che è più aggressiva ma non sfonda nemmeno dopo l’espulsione di Malinovskiy. I bergamaschi hanno portato a casa solo 6 punti degli ultimi 15 a disposizione.

La stessa statistica vale anche per il Napoli (19 punti), che non rialza la testa dopo l’apocalisse societaria che rischia di disintegrare la squadra. Al San Paolo, tra i fischi dei tifosi partenopei, il Genoa rimedia un pareggio a reti inviolate: Radu para tutto e Pinamonti per poco non piazza il colpaccio rossoblù. Il clima sulla squadra si fa pesante e le vicende personali di alcuni giocatori (Allan ha subito minacce) non migliorano la vivibilità dell'ambiente. Gli "ammutinati" obbligheranno De Laurentis a cederli, il che segnerà la fine di un ciclo, sì, ma non necessariamente il venir meno del progetto.

Nella parte destra della classifica risorge il Torino (14 punti). Dopo aver conquistato un solo punto nelle precedenti quattro partite, i granata calano il poker in casa del Brescia: due rigori di Belotti nel primo tempo e doppietta di Berenguer nella ripresa. Brescia in dieci (espulso Mateju) dal 41’. Balotelli deludente, sostituito a fine primo tempo.

Riprende fiato anche il Sassuolo, vittorioso per 3-1 in casa contro il Bologna. Doppietta di Caputo dopo l'infortunio e gol di Boga per i neroverdi. Ai rossoblù non basta Orsolini: quarta sconfitta di fila lontano dal Dall'Ara.

Chiude il quadro della giornata un altr0 zero a zero, protagoniste Udinese (14 punti) e Spal (penultima con 8 punti). Con un punto non ci fanno molto.

Pin It

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.