Ucraina, il pericolo è la NATO

di Fabrizio Casari

Non pare abbiano sortito effetti i colloqui telefonici tra Joe Biden e Vladimir Putin. Quella che si sviluppata al confine tra Russia e Ucraina è una crisi costruita politicamente e mediaticamente. Alla complessiva quanto conclamata ostilità tra Kiev e Mosca non si era aggiunta nessuna particolare tensione e la stessa intelligence militare del regime filo-nazista di Kiev non segnalava nessun...
> Leggi tutto...

IMAGE
IMAGE

Quirinale, la partita si complica

di Carlo Musilli

La sceneggiatura che vedeva l’Italia scivolare verso un presidenzialismo de facto inizia a vacillare. Fino a una settimana fa, l’esito più probabile della partita per il Quirinale era uno solo: Mario Draghi presidente della Repubblica e uno dei suoi uomini di fiducia, Daniele Franco, alla guida del governo. Una forzatura istituzionale macroscopica - perché il Capo dello Stato avrebbe un chiaro ascendente sull’Esecutivo - ma anche l’unico scenario ipotizzabile per tenere in piedi questa maggioranza. O almeno, tale era fino a una settimana fa. Ora il quadro è leggermente cambiato. Draghi rimane il primo candidato al Quirinale per diverse ragioni: primo, è probabile che il trasloco al Colle fosse un benefit implicito nel biglietto...
> Leggi tutto...

di Alessandro Iacuelli

Era un luogo davvero insospettabile, la base dell'organizzazione internazionale dedita al traffico di cocaina appena sgominata dai carabinieri del Comando provinciale di Piacenza: un convento di suore situato nel centro di Milano. L'idea geniale per mascherare deposito di droga e traffico era venuta ad alcuni affiliati alle cosche calabresi Pelle-Vottari e Coco-Trovato, legate a due cartelli colombiani della droga. Per "coprire" gli spostamenti della cocaina, venivano organizzati falsi pellegrinaggi.

A finire in manette sono state 33 persone in tutto, altre 80 denunciate, ed è stata sequestrate una considerevole quantità di stupefacente, circa 30 chili di cocaina purissima. Secondo gli investigatori il custode del convento, un sudamericano incensurato, avrebbe organizzato pellegrinaggi ai quali si univano dei suoi complici che, fingendo di essere dei fedeli, trasportavano la cocaina nei breviari e in altri oggetti nascosti nel bagagli a mano.

Non solo. C'è qualcosa di più grave dietro il traffico di droga. Infatti, dalle indagini è emerso anche che dei fondi FAO, il Fondo Mondiale per l'Alimentazione, fondi destinati allo sviluppo della pesca in aree povere dell'Africa, siano stati "illegalmente percepiti" e usati dalla stessa banda per realizzare una base di stoccaggio della cocaina in Ghana. Con buona pace per la fame nel mondo.

Sempre secondo gli investigatori, era proprio l'insospettabile custode del convento, ad essere uno dei capi della potente organizzazione internazionale di trafficanti di cocaina. Dalle indagini è emerso che utilizzava il convento come base per le sue operazioni e organizzava i viaggi dei corrieri della droga dalla Colombia, mascherandoli come pellegrinaggi. Pellegrinaggi in abito talare, perché i corrieri, fingendosi sacerdoti e religiosi, nascondevano e trasportavano la cocaina eludendo un bel po' di controlli aeroportuali, dove è un po' difficile che perquisiscano un sacerdote. L'uomo è stato arrestato tra lo stupore delle suore, che tra una preghiera ed un'altra hanno anche mormorato che era un brav'uomo e che, naturalmente, non si erano mai accorte di nulla.

E' stato proprio a partire da questi strani pellegrinaggi dall'America Latina all'Italia che i carabinieri di Piacenza, sotto il coordinamento delle DDA di Bologna e Milano, sono riusciti, nell'arco di ben tre anni, a capire come funzionava il meccanismo. Quelli che risultavano come pellegrini, diretti in Italia per un periodo di preghiera, trafficavano la cocaina stoccandola prima in Ghana e trasportandola poi in Italia. Proprio dietro la base africana ci sarebbe nascosta la pericolosa truffa alla FAO: l'organizzazione avrebbe,infatti, mediante dei prestanome, richiesto un finanziamento proprio alla FAO. I prestanome hanno presentato la documentazione di una società di import-export, che avrebbe dovuto sviluppare il mercato ittico in Africa e contribuire a salvare dalla fame chi non ha da mangiare. E, incredibilmente, il finanziamento l'hanno ottenuto.

Come non bastasse, secondo gli inquirenti era "già in fase esecutiva un accordo commerciale tra i trafficanti piacentini e alcuni narcos appartenenti ai cartelli colombiani, per destinare ingenti investimenti in termini di mezzi e capitali" nella costituzione di una nuova base operativa in Ghana, demandata allo stoccaggio di partite di cocaina da introdurre successivamente in Europa. Magari anche questa a spese della FAO. Sempre secondo la DDA, la banda era costituita principalmente non dai "soliti" calabresi, come si usa dire spesso in nord Italia, ma da trafficanti piacentini "dediti al rifornimento di ingenti partite di cocaina attraverso il contatto con elementi appartenenti a dirette articolazioni di 'ndrine calabresi attive sul territorio lombardo".

Sequestrata anche una casa ad Alemanno San Bartolomeo, in provincia di Bergamo: secondo gli inquirenti, ospitava il laboratorio clandestino per la raffinazione della droga, poi smerciata nelle province di Milano, Bergamo, Brescia, Varese, Lecco, Lodi, Parma, Piacenza e La Spezia. Naturale l'imbarazzo manifestato da persone vicine alla FAO: si tratta di uno “smacco” che andava evitato assolutamente.

Tra gli arrestati ci sono anche alcuni rispettabilissimi imprenditori piacentini, primo tra tutti il titolare di una ditta di autotrasporti di Alseno, e altri suoi colleghi della Valdarda che erano riusciti, secondo i carabinieri, ad avere il contatto, tramite un intermediario anche lui arrestato, con le cosche calabresi che gestiscono il traffico di droga in Lombardia. In particolare sono emerse collaborazioni con la famiglia dei Vottari, il cui nome ricorre anche nella strage di Duisburg di due anni fa.

Sembra un'instancabile corsa, quella tra Stato e narcotrafficanti: corsa ai metodi più forti per contrastare i traffici da un lato, e per eludere i controlli dall'altro. E’ con l'inasprirsi di questi ultimi, che la corsa si sposta su piani sempre più fantasioni. Stavolta si è pensato, come copertura, ad un giro di pellegrinaggi, di viaggi di preghiera, di breviari e crocifissi, ad un convento; e si è pensato a estorcere soldi alla FAO, travestendosi da pii aiutanti dei bambini affamati africani. Tanto ingegnoso quanto insospettabile. E la prossima volta? Quale sarà la prossima invenzione?

Pin It

Altrenotizie su Facebook

altrenotizie su facebook

 

 

ter2

Il terrorismo contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

 

Iran, l’accordo aspetta Washington

di Michele Paris

Il nodo dei negoziati sulla questione del nucleare iraniano, ripresi questa settimana a Vienna dopo cinque mesi di stallo, sembra a prima vista piuttosto semplice: il governo americano guidato dal presidente Biden dovrebbe semplicemente invertire la decisione presa da Trump nel 2018 e rientrare nell’accordo stipulato tre anni...
> Leggi tutto...

IMAGE

Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy