di Domenico Melidoro

Il Senatore a vita Giorgio Napolitano è stato eletto Presidente della Repubblica al quarto scrutinio, ottenendo 543 preferenze. La sua elezione giunge dopo diversi giorni di duro confronto in cui l'Unione (tranne rarissime eccezioni) si è compattata prima attorno al nome di Massimo D'Alema e, dopo che sul Presidente dei DS erano piovute critiche che mettevano in dubbio la sua idoneità a ricoprire un ruolo di garanzia, su quello di Napolitano. Tuttavia bisogna rilevare che nemmeno Napolitano, nonostante i tanti giudizi positivi sulla sua persona espressi da esponenti della minoranza, è riuscito a ottenere i consensi della Casa delle libertà. L'atteggiamento di chiusura e di rifiuto del dialogo manifestato dal Centrodestra e in particolare da Berlusconi, che aveva proposto una rosa di nomi a partire dai quali pretendeva di impostare il dialogo con la maggioranza, non ha permesso di praticare quello che nel gergo giornalistico delle ultime settimane era stato definito "metodo Ciampi".

di Domenico Melidoro

Lunedì otto maggio alle ore 16,00 ci sarà la prima votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica. Il quorum richiesto è di 674 voti, ma difficilmente qualcuno riuscirà a spuntarla già dopo il primo scrutinio. Infatti, dopo aver accantonato l'ipotesi della riconferma al Quirinale di Carlo Azeglio Ciampi (l'unico nome sul quale si poteva registrare il consenso pressoché unanime di maggioranza e opposizione) e dopo il fallimento dei tentativi di intesa su un candidato gradito da entrambi gli schieramenti, non si dispone di alcun nome capace di raccogliere il numero di consensi sufficiente per eleggere il Capo dello Stato alla prima votazione.

di Domenico Melidoro

Nei giorni passati molti osservatori ritenevano, e spesso auspicavano, che l'elezione dei Presidenti di Camera e Senato e del Presidente della Repubblica potesse essere la prima occasione per saggiare la possibilità di quelle larghe intese tra l'Unione e la Casa delle libertà, che sarebbero necessarie a superare la situazione di stallo determinata da un risultato elettorale che non garantisce una solida maggioranza alla coalizione guidata da Romano Prodi. Eppure, le vicende che hanno preceduto e seguito le elezioni di Franco Marini e di Fausto Bertinotti, rispettivamente alla seconda e alla terza carica dello Stato, hanno reso evidente che al momento non c'è nessun margine di intesa tra i due schieramenti. Nelle prossime settimane si procederà all'elezione del successore di Carlo Azeglio Ciampi e l'ipotesi di un Ciampi-bis pare essere l'unica capace di raccogliere un consenso più o meno unanime.

di mazzetta

Il primo maggio è la festa dei lavoratori e quest'anno sarà una giornata intonata su registri diversi dagli anni precedenti. In tutto il mondo lo sfondamento delle difese dei lavoratori, conseguito dalla pressione degli ultraliberisti, ha portato all'aumento della miseria e dello sfruttamento delle classi subalterne, istituendo una gara nella quale i poveri sono messi in competizione con i poveri, un meccanismo che sta letteralmente demolendo le classi medie in tutto l'Occidente, impoverito anche dalle delocalizzazioni di produzioni e servizi. Nella parte di mondo che si sta sviluppando i problemi non sono minori, visto che l'aumento del benessere materiale non ha portato alcun miglioramento sociale, ma solo sfruttamento umano e ambientale.

di Sara Nicoli

L'altro sindacalista l'hanno eletto al Senato un paio d'ore dopo, ma il leader comunista è stato il primo a rivendicare, con una frase semplice ma di grande forza, le radici della propria storia politica e personale, le stesse che dovrebbero appartenere all'intera Nazione. "Dedico l'elezione alla presidenza della Camera alle operaie e agli operai". Fausto Bertinotti, 65 anni, milanese di Sesto San Giovanni, la Stalingrado d'Italia, comunista chic amico degli ultimi e dei combattenti, comunista alla ricerca di Dio, ma soprattutto della conoscenza degli uomini, nel giorno della sua elezione a Presidente della Camera ha voluto subito sgombrare il campo da equivoco antico, da quell'interpretazione del ruolo di terza carica dello Stato come di un arbitro a cui è richiesto di riporre la propria passione politica in un cassetto. "Sono un uomo di parte - ha detto con la voce ferma ma con mano tremante _ che perciò non teme il conflitto, ma vorrei che nel nostro futuro politico fosse bandito il rischio di lasciar scivolare la politica nella coppia amico-nemico. A partire dalla nostra assemblea dobbiamo dimostrare di saper parlare il linguaggio della convivenza come valorizzazione delle differenze, di tutte le differenze".


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy