di redazione

Alla Juventus saltano i nervi e sebbene le proteste per il mancato rigore per il fallo di mani di Granqvist siano legittime, altrettanto lo sarebbero quelle genoane per il fallo netto di mani, volontario, di Vucinic nella prima parte della partita. Hanno dato in molti in escandescenza: Bonucci e Chiellini, ma soprattutto Conte, che ha letteralmente aggredito l’arbitro Guida al termine dell’incontro. Vedremo cosa scriverà l’arbitro nel referto che consegnerà al giudice sportivo, ma intanto è bene ricordare che i precedenti non mancano: ultimo quello di Ranocchia, squalificato per due giornate perché, rientrando negli spogliatoi, avrebbe detto “vergogna”, pur senza rivolgersi a nessuno direttamente. Idem dicasi per Guarin, che pur senza aver mai incrociato l’arbitro, subì una squalifica per “comportamento aggressivo nei confronti dell’arbitro”.

Desta quindi legittima curiosità la sentenza del giudice Tosel nei confronti di Conte, che ha aggredito fisicamente e verbalmente l’arbitro Guida. Sky riferisce poi di un aggressione di Bonucci all'arbitro nel corridoio che porta agli spogliatoi e la presenza di Chiellini nella baruffa andrà esaminata. E sarà curioso vedere se Marotta, che ha palesemente accusato lo stesso arbitro di partigianeria nei confronti del Napoli, e dunque di malafede, verrà sanzionato. Il fatto che l’argomento usato per accusare l’arbitro (è originario della provincia di Napoli) sia un’idiozia, non rende meno gravi  le insinuazioni, solo rende meglio l’idea dello spessore intellettuale di Marotta. Prima Bonucci, ora Marotta, le dichiarazioni contro Napoli sembrano essere diventate il leit-motiv dei bianconeri, che evidentemente denotano una buona dose di paura per la classifica. Una squalifica pesantissima per Marotta ed una altrettanto pesante per Conte sarebbero il minimo da parte del giudice Tosel; l’entità del provvedimento servirà a stabilire la sua coerenza nel metro di giudizio per le violazioni commesse da chiunque e dagli juventini.

La propaganda Juve ha comunque cominciato a suonare il tamburo. Dapprima Andrea Agnelli, poi i commentatori fedeli e quindi quelli amici, per finire con la parziale marcia indietro dell’allenatore, con l’obiettivo di dimostrare che la Juventus vive e parla sopra le righe solo perché provocata; eccessi verbali, forse, ma motivati. Ovvio che ora la paura è quella di una pesante squalifica (che potete scommettere non ci sarà) per l’allenatore. Ma è paura ingiustificata, sia per le probabilità che la sanzione sia forte, sia perché la squadra non dovrebbe soffrirne particolarmente, dal momento che il suo ruolino di marcia con i sostituti del discusso allenatore era decisamente migliore di quello che ha avuto dopo il suo rientro. Quando era squalificato, in un eccesso di modestia l’allenatore salentino aveva definito la Juventus senza di lui “una Ferrari con le gomme a terra”.

La Roma si salva a Bologna, dove pareggia e benedice la fortuna per i due pali di Diamanti nella fase finale della partita. Come contro l’Inter, i legni suppliscono alla lacune difensive, ma non potrà essere sempre così. Intanto, la posizione di classifica è sempre meno affascinante e le tensioni tra l’allenatore e ormai una decina di giocatori e le polemiche con la società circa l’esistenza o meno di un regolamento interno rendono pesante il clima a tutte le latitudini.

Ci sono tre possibilità: o mente Zeman quando dice che manca un regolamento interno, o mente Baldini quando gli risponde che invece c’è, oppure il regolamento c’è ma nessuno lo fa rispettare. Perché risulta evidente come lo spogliatoio sia una babele, come manchi il concetto di gruppo e come la disciplina dello stesso, componente fondamentale, sia completamente assente. Sia come sia, i risultati sono fortemente deludenti e la società sembra sempre più convinta che l’esperimento del boemo sia stato fallimentare. Sarà da vedere se i saluti saranno imminenti o rinviati a Maggio, ma ci saranno sicuramente. Il prossimo anno sarà quindi un altro a sedere sulla panchina della Roma.

A proposito di crisi annunciate, l’Inter non si fa mancare niente: pareggia una partita che poteva facilmente perdere dopo essere passata in vantaggio e rende chiaro come il calcio sia ancora uno sport fatto di idee e corsa proponendo un doloroso confronto tra Ventura e Stramaccioni. L’Inter gioca a pallone, non a calcio: non ha nessuna idea di come sviluppare una trama di gioco, è priva della mobilità minima di molti dei suoi ed imbottita di mediani e terzini dal piede ruvido. Per quanto riguarda la rosa a disposizione, si deve annotare come i migliori siano ai box ormai quasi perennemente, logorati da mille battaglie e da una carta d’identità che non fa sconti, mentre i nuovi arrivati - ad eccezione di Guarin, Handanovic e Juan Jesus - sono autentici errori di mercato da imputare al suo direttore generale Branca.

Costui è l’unico capace di pagare da campioni i brocchi e vendere a prezzi da brocchi i campioni. Non c’è solo un problema di fair play finanziario, c’è proprio l’incapacità di valutare e scegliere chi serve e chi no. Capire quali siano i giocatori da Inter e quali quelli buoni per una neo-promossa non dovrebbe essere difficile, ma per Branca lo è. Spendere milioni per i Jonathan, i Rocchi, i Pereira e gli Alvarez è suicida: se non ci sono denari, meglio dar spazio alla Primavera, che possiede giovani di sicuro talento in grado di poter fare molto meglio di chi va in campo. Dovrebbe poi destare un interrogativo serio il perché l'Inter sia così falcidiata dagli infortuni; staff medico e preparatori atletici dovrebbero fornire risposte inequivocabili, a meno di non voler imputarli al "destino cinico e baro".

A questo mercato folle si aggiungono poi i limiti di Stramaccioni: una squadra che prova solo ad adattarsi all’avversario gioca per non retrocedere, non per vincere. Cambiare schemi in continuazione non produce fantasia e riposizionamenti, induce solo confusione. Schierare tre o quattro giocatori fuori ruolo non aiuta a vincere e non riuscire a disegnare una trama offensiva costante con due o tre varianti non aiuta a segnare. E nemmeno il pressing, quando c’è, viene portato con dovizia di posizioni. Spesso ci sono tre giocatori dell’Inter che pressano un solo avversario che scarica la palla sul più vicino dei suoi che se ne va nel buco lasciato dagli altri due. Insomma, l’allenatore sembra ormai avviato su una parabola simile a quella di Ranieri; se continuerà ad avallare le scelte di mercato, sarà il primo a pagarne il prezzo a Giugno.

Un’altra giornata negativa per la Fiorentina di Montella, che ha nelle incertezze dei suoi portieri e nella sterilità dei suoi attaccanti i due maggiori problemi. Aver edificato dalle macerie ed aver costruito una buona intelaiatura di squadra ha certamente rappresentato un’ottima performance, ma un centrocampo all’altezza è condizione necessaria ma non sufficiente per completare una squadra ambiziosa. Ma i Della Valle hanno ritrovato l’entusiasmo e il feeling con la difficile tifoseria e c’è da scommettere che sapranno puntellare la squadra dove serve per il prossimo anno. In questo, l’obiettivo è la conquista dell’Europa League, oggettivamente alla portata.

Per finire in bellezza, non si può non citare il Catania di Maran, semplicemente straordinario. Lo scorso anno si riteneva fosse Montella il suo valore aggiunto, quest’anno invece Maran ha dimostrato che la pur considerevole bravura del tecnico ora alla Fiorentina non era tutto. C’è invece una società che sa programmare e che capisce di calcio, che tiene i bilanci sotto controllo e sa pescare talenti in giro per il mondo, unica insieme all’Udinese nel mesto e grigio campionato italiano. Catania ha una tifoseria appassionata e competente e l’intero ambiente che circonda la squadra è sereno, scevro dalle polemiche dei cugini palermitani e capace anche di farsi rispettare nel palazzo del calcio. Vederla nella zona alta della classifica non può che procurare un sorriso di soddisfazione a chi ama il calcio.

di redazione

Alcuni ritenevano che la Juventus fosse entrata in un periodo di crisi ma, se crisi c’è stata, è durata poco. Forse sarebbe stato meglio parlare di un calo fisiologico, di alcuni passi falsi che inevitabilmente in una stagione ci sono, perché la squadra di Conte, pur priva di alcuni dei suoi uomini chiave, non ha faticato granché per asfaltare l’Udinese, grazie anche a due strepitosi gol di Pogba. Ora, pur riconoscendo che battere l’Udinese a Torino era in qualche modo previsto dai pronostici, la Juventus ha inviato un messaggio chiaro a chi insegue: i suoi rincalzi non sono meno efficaci dei titolari e ogni occasione per aumentare le distanze con chi insegue é pronta a coglierla.

Insomma si ripropone così la lettura ormai consolidata che vede i campioni d’Italia giocare un campionato a parte. Proprio le seconde linee della squadra, desiderose di mettersi in mostra e guadagnarsi una maglia da titolai, sembrano l’arma in più di Conte. La Juve si avvia così a concludere da vincente il campionato e ciò non solo per la forza della compagine bianconera, ma anche per i deficit oggettivi delle inseguitrici. Perché la lepre può anche avere qualche inciampo, ma se i cacciatori sono così scarsi sarà difficile che la prendano.

Il centesimo gol di Cavani in serie A, infatti, sarà anche stato un risultato straordinario per il bomber uruguayano, ma non è stato sufficiente al Napoli per accorciare ulteriormente il distacco dalla capolista. I due punti restituitigli dalla giustizia sportiva, che avevano portato i partenopei a sole tre lunghezze dalla Juventus, sono stati persi con il pareggio ottenuto a Firenze mentre la sera prima la Juve sconfiggeva il Palermo.

Idem la Lazio, che una settimana fa era seconda in classifica e ora è terza, non avendo saputo domare un discreto Palermo pur in vantaggio. Alcuni errori di lettura della partita da parte di Petkovic, e l’annullamento di un gol regolare non hanno agevolato il compito dei biancocelesti, apparsi comunque in debito di ossigeno e di idee.

Tra Roma e Inter è andata in scena una partita gradevole dal punto di vista dello spettacolo, danneggiata solo dall’evidente stanchezza delle due squadre reduci dalle rispettive partite con Bologna e Fiorentina in Coppa Italia con supplementari annessi. La Roma ha giocato i primi venti minuti alla garibaldina, offrendo una buona supremazia territoriale e godendo di un rigore francamente discutibile; poi è venuta fuori l’Inter e sia la parte finale del primo tempo che la prima mezzora del secondo ha visto le squadre equivalersi. Dal punto di vista delle occasioni la Roma è andata più volte alla conclusione, sbagliando clamorosamente, mentre l’Inter è risultata più pericolosa quando ha colpito un palo con Livaja, autore del gesto tecnico più bello della partita, e quando Balzaretti ha salvato sulla linea un tapin di Chivu.

I giallorossi sono apparsi in serata no in alcuni dei loro protagonisti, come Osvaldo, Lamela, Piris ed è grazie al lavoro faticoso e utile di Bradley nel pressing e nelle ripartenze che sono riusciti a procurare pericoli alla porta di Handanovic. Ma un attacco capace finora di complessivi ventisette gol avrebbe dovuto decisamente fare meglio, anche solo approfittando delle assenze nerazzurre. L’Inter, infatti, incerottata in due titolari (Chivu e Nagatomo) è scesa in campo senza Samuel, Cassano e Milito e aveva infortunati anche Coutinho e Alvarez, mentre Cambiasso è rimasto fuori per scelta tecnica. Handanovic, Juan Jesus, Guarin e Palacio sono risultati i migliori nella squadra di Stramaccioni, mentre Marquinos, Castan e Totti sono stati i migliori della squadra allenata da Zeman.

Sia per l’Inter che per la Roma il pareggio è un brodino pressocché inutile; i giallorossi devono recriminare maggiormente, dato che giocavano in casa contro un avversario con molti titolari out e avevano ancor più bisogno dei tre punti. Ora sono a dieci punti dalla zona Champions (superati ora anche dal Milan che ha mandato in scena la resurrezione di Pazzini) e sembra difficile riprenderli. L’Inter si mantiene al quarto posto e avrà bisogno di un filotto senza inciampi se vorrà porre una ipoteca concreta sul secondo o terzo.

La situazione in coda resta drammatica per quanto riguarda Genoa e Palermo. Il Siena prova a darsi una bombola d’ossigeno battendo la Sampdoria, ma i rosanero non possono gioire granché del punto preso con la Lazio. Quanto al Genoa, perdere in casa con il Catania è costato la panchina a Del Neri, sostituito da Ballardini. Uno scarso va, uno scarso arriva. Ma quando Preziosi capirà che le cessioni e gli acquisti non possono essere concepiti come favori politici a Galliani per poi incolpare i suoi allenatori della mancanza di risultati, allora sarà l’inizio di un nuovo ciclo per i grifoni.

di redazione

La Juventus pareggia e ne approfittano solo Lazio, Napoli e Inter, giacché la Roma perde contro il Catania e la Fiorentina perde la seconda di partita si seguito, Stavolta contro l'Udinese, che dopo averne rifilati 3 all'Inter la settimana scorsa, per par conditio ne rifila 3 anche ai viola. La Sampdoria che aveva battuto la Juventus ferma un Milan con molti giovani in campo, che deve ringraziare Abbiati in giornata di grazia se non va sotto.

Il Napoli, che attende in settimana il ricorso per la penalizzazione dei due punti infertagli, (gliene sconteranno uno o entrambi e ridurranno fortemente la squalifica di Cannavaro) è in salute e ieri, nonostante un avvio incerto, ha decisamente strapazzato il Palermo, che ad essere esatti é ormai più uno sparring partner per gli avversari che una gioia per i suoi tifosi. Gasperini non ha più un Moratti cui dare la colpa, ma il filotto di sconfitte ottenuto a Milano è ormai simile a quanto si vede a Palermo. Sembra sia pronta per la prossima settimana la soluzione Reja.

Gli allenatori con Zamparini sembrano proprio non trovare il feeling giusto, tranne quando vanno via, vedi Guidolin e Delio Rossi. Proprio Rossi, seduto da poche giornate sulla panchina dei doriani, ha rimesso in corsa una Samp che sembrava definitivamente smarrita dopo un pur buon inizio del campionato con Ferrara. Rossi ha azzerato le gerarchie e impartito lezioni di moduli e capacità di cambiarli a partita in corso.

Fiorentina in difficoltà evidente, non basta un Borja Valero in  grande forma. Dopo la sconfitta interna contro il Pescara, ieri sconfitta esterna con l'Udinese. Ci sono forse due errori arbitrali che hanno certamente condizionato il risultato a favore della squadra di Guidolin, ma resta la sensazione che la mancanza di una prima punta di ruolo (e di valore) sia il limite vero della squadra, che avrebbe però bisogno anche di un portiere all'altezza. Montella, alla vigilia della gara, aveva detto che Di Natale vorrebbe giocare con lui. Sarebbe meglio, certo. Per Montella.

La Lazio, incappata in una giornata storta, ha avuto nell'intuizione tattica del suo allenatore l'arma vincente contro l'Atalanta e nell’ennesimo regalo arbitrale il piede di porco per aprire la saracinesca atalantina. Si trova a tre punti dalla Juventus ed è impossibile non sognare una corsa avvincente verso la vetta, ma appare però stanca e un intervento sul mercato sarebbe necessario, onde evitare di trovarsi in debito di forze fresche per il turn-over che diverrà necessario con la ripresa dell'Europa League in Febbraio. Sarebbe davvero un peccato grave usare il braccino ora da parte del suo logorroico e narciso presidente.

La Lazio peraltro vede rosa anche perché la Juventus non vince. Con il Parma, una volta andata in vantaggio non ha affondato, ha forse ritenuto di poter amministrare; ma il pareggio di Sansone a pochi minuti dalla fine ha svegliato dall'illusione di una squadra che sembra aver perso cinismo e istinto killer.

L’Inter riprende a vincere nonostante le numerosissime assenze (10) battendo un Pescara apparso troppo rinunciatario. La partita degli Stramaccioni boys è stata migliore di molte altre e la scoperta di un giovane come Benassi che ha dato corsa e cervello al centrocampo è la nota lieta della giornata, insieme alla conferma del valore aggiunto rappresentato da Guarin. La pur positiva prova di alcuni dei suoi rincalzi (Silvestre tra tutti) non dovrebbe però alterare le strategie di mercato, che vedono l’ormai prossima uscita di Snejider, Silvestre, Jonathan e uno tra Alvarez e Couthino con l’obiettivo di fare cassa e gestire così finanziariamente il rafforzamento nel mercato di Gennaio.

La Roma trova la sua ottava sconfitta della stagione. Difficile dire che non giochi un buon calcio, ma difficile anche intravvedere margini di crescita per una squadra che si avvita su se stessa con troppa facilità. L’assenza di Totti e De Rossi contemporaneamente ha tolto il tasso di qualità tecnica ai giallorossi e le occasioni mancate hanno fatto il resto. Il Catania non è squadra semplice per nessuno e meno che mai tra le mura di casa, ma la partita ha sembrato indicare, per chi ancora avesse dubbi al riguardo, che la squadra di Zeman non può prescindere da Francesco Totti. Il che, sia detto, è “zemanianamente” inconcepibile, essendo la coralità del gioco, la sua velocità e le vericalizzazioni improvvise le caratteristiche preminenti delle squadre allenate dal boemo.

Torino e Cagliari battono Siena e Genoa e sono punti preziosi per chi gioca ogni partita guardando la classifica come fosse un burrone. Palermo, Siena e Cagliari hanno un bisogno disperato di punti se vogliono coltivare qualche speranza.

di redazione

I fuochi d’artificio sono arrivati nel giorno della Befana. Juventus battuta in casa dalla Sampdoria per giunta in inferiorità numerica; la Fiorentina che non festeggia nel migliore dei modi l’arrivo di Giuseppe Rossi perdendo 2 a 0 in casa con il Pescara e l’Inter che viene stesa a Udine. Il 2013 è cominciato all’insegna delle sorprese, quindi, ma l’unico dato importante ai fini della classifica è la riduzione delle distanze tra Juventus e Lazio, ora a meno 5, e il Napoli che batte la Roma e scavalca l’Inter.

La Sampdoria di delio Rossi ha giocato una partita straordinaria e le mosse tattiche succedutesi all'inferiorità numerica sono state azzeccate. La Juventus vede così violato per la seconda volta nel corso del campionato il suo campo, ma resta il convincimento che una sconfitta non é così grave, lo scudetto può solo perderlo, nessun'altra può soffiarglielo.

Il campionato si era riaperto con un pareggio scialbo, senza reti, tra Catania e Torino, partita caratterizzatasi solo per l’espulsione di Lodi per fallo di reazione su Meggiorini e per un rigore (inventato) sbagliato da Bergessio. I due protagonisti possibili del mercato di riparazione non hanno certo visto salire le loro quotazioni. A proposito di rigori inventati, spicca quello decretato da Orsato ai danni del Cagliari contro la Lazio. Agazzi interviene quando Klose ha già calciato e lo stesso attaccante tedesco ha affermato che il rigore non c’era. Ma Orsato lo ha concesso e, come fosse poco, a seguito delle proteste rossoblù ha inflitto due espulsioni e un’ammonizione, regalando così alla Lazio una partita che non avrebbe vinto.

Considerato che già vinse contro l’Inter alla quale fu negato un rigore clamoroso negli ultimi due minuti e che ieri ha vinto contro il Cagliari grazie a un rigore inesistente, sembra si possa dire che il peso di Lotito in Lega è sempre più consistente. Non c’è bisogno dunque che scenda in politica, dalla quale è già stato abbastanza gratificato nella sua discesa in campo (quello d’erba).

Una partita attenta, ma soprattutto uno strepitoso Cavani, hanno permesso al Napoli di superare la Roma e riprendere un cammino più consono alle sue ambizioni. Si trova ora solitario al terzo posto in classifica ma con un bomber che nessun'altra squadra possiede. I giallorossi, letteralmente tramortiti dai contropiede azzurri, interrompono così la serie di vittorie. L’Inter aveva lasciato male il 2012 e ricomincia peggio il 2013, andando a prendere una scoppola pesante a Udine. Stramaccioni ha polemizzato su un presunto rigore non dato per fallo su Palacio, ma non sembra uno scandalo. L’inferiorità numerica e avere 10 giocatori in infermeria sono certo elementi a discolpa, ma non bastano a giustificare una squadra che nelle ultime otto gare ha collezionato otto punti, ha incassato 12 gol e ne ha realizzati 8.

Dopo la vittoria allo Juventus stadium i nerazzurri sembrano aver smarrito il passo e appare ormai eccessiva l’insistenza di Stramaccioni nel mettere in campo giocatori svuotati fisicamente e con nessuna trama di gioco ordinata. Fisicamente a pezzi, la squadra di Stramaccioni ha 50 minuti di autonomia e 30 di dinamismo a buon livello. I giovani della Primavera sarebbero decisamente più utili al momento, mentre un intervento deciso sul mercato è l’unica concreta possibilità di raggiungere la zona Champions. Certo, il bilancio non è al meglio, ma forse spendere 10 milioni ora può servire a non perdere a Giugno i 35-40 dei proventi garantiti dalla partecipazione alla Champions.

Vittoria importante del Genoa che con Borriello piega il Bologna e 3 punti altrettanto importanti anche per il Parma che batte il Palermo, come per il Chievo che piega l’Atalanta. Tutte vittorie non scontate alla vigilia, che smuovono punti e psiche nella parte bassa della classifica, dove solo il Siena, battuto dal Milan, comincia a sentire un po’ l’acqua alla gola.

Le proteste clamorose del Milan, concretizzatesi nell’uscita anticipata dal terreno di gioco a seguito degli insulti razzisti contro Boateng hanno riscontrato un plauso generalizzato e la cosa non può che essere positiva. In mezzo a tanto miele sarebbe però utile chiedersi: sarebbe successa la stessa cosa se invece di un’amichevole a Busto Arsizio si fosse trattato di una partita di campionato o, addirittura, di Champions? E visto che dalla Lega hanno ribadito come l’arbitro non sia autorizzato a chiudere l’incontro per fatti che avvengono fuori dal campo, ma che questa sia una scelta spettante solo al responsabile dell’ordine pubblico, non sarebbe il caso di trovare una strada diversa - ad esempio, la squalifica del campo per tempo immemore - in caso di episodi violenti e di razzismo?

Ovviamente siamo in Italia, dunque la generale e condivisibile levata di scudi contro il razzismo a Busto Arsizio non si è ripetuta per i cori razzisti della curva laziale contro Ibarbo, l’attaccante cagliaritano oggetto di insulti vergognosi. Vedremo se la giustizia sportiva deciderà d’intervenire, ma visto che il prode Blatter ha già rimproverato i rossoneri per aver lasciato il campo, c’è da credere che tutto finirà a tarallucci e vino.

di Fabrizio Casari

Una vera e propria lezione di calcio è quella che la Roma di Zeman ha imposto al Milan di Allegri. Giallorossi brillanti sul piano fisico e atletico, evidenziato da un pressing e da una velocità di manovra eccellente, efficaci nel controllo tecnico della partita, pur se lacunosi ancora nella fase difensiva, hanno regalato agli spettatori la più bella prestazione romanista del torneo. In nessun momento il Milan ha dato l’impressione di poter imporsi: troppo alto il gap tecnico tra le due formazioni e troppo diverso anche l’atteggiamento mentale delle due squadre in campo.

La Roma è entrata per vincere e persino sul 4 a 0 non ha mai abbassato il livello dell’intensità e della velocità; il Milan, pure animato dalle migliori intenzioni, non ha mai rappresentato un avversario capace di mettere alla corda la banda Zeman. Gli artisti del calcio indossavano la maglia giallorossa, quelli in tenuta bianca a strisce rossonere hanno svolto il ruolo di un buono sparring partner.

Rimanendo sulle rive del Tevere, va segnalato come anche la Lazio abbia ottenuto una significativa e meritata vittoria in trasferta sulla Sampdoria, cui il cambio in panchina non pare aver giovato. I ragazzi di Petkovic sono ora al secondo posto in classifica e se sapranno fare un mercato di riparazione invernale intelligente, potranno ulteriormente rinforzare posizione e classifica.

L’annata si preannuncia di assoluto livello. Alzi la mano chi all’inizio del torneo avrebbe dato alla Lazio un pronostico di secondo posto in classifica a Dicembre. Invece la squadra, dopo una prima fase di assestamento, è ora forte in tutti i reparti e, se Klose tiene fino alla fine del campionato sui suoi livelli, la Lazio potrà disegnare sogni imprevisti. Una punta di valore è però necessaria insieme ad un trequartista, in modo di dare riposo a Klose e Hernanes, i gioielli di casa.

Se il Napoli riprende a vincere e mette il Siena in condizioni quasi disperate, la Fiorentina strapazza il Palermo di messo ancora peggio da quando sulla sua panchina è arrivato Gasperini. In piena zona retrocessione, non sembra affatto disporre delle risorse per risalire la china. Meglio sarebbe, per il suo funambolico presidente, correre sul mercato di riparazione e dotarsi di un allenatore che lavori per rendere una squadra solida e quadrata, insomma che cerchi di far vincere il Palermo piuttosto che di prendersi le sue rivincite. Zamparini dovrà comprare e non poco per salvare la squadra: dovrà in sostanza pagare di più e parlare di meno se non vuole festeggiare con la serie B la fine del torneo.

Viene fermata dal Genoa  l’Inter di Stramaccioni, ormai alla guida di una squadra dove sì gli assenti cominciano ad essere troppi (9) ma dove i rimedi, che potrebbero essere reperiti nella fortissima Primavera, restano in panchina per non togliere spazio ai “vecchi”. Sabato erano in campo sette giocatori del la squadra di cinque anni fa, ma con cinque lunghe primavere in più sulle spalle. Uscito Juan Jesus, l’età media della squadra è divenuta altissima e l’evidenza con la quale i nerazzurri soffrono di brillantezza atletica scarsa, riflette certamente del fatto che lì Inter è la squadra che ha giocato di più, ma anche di una rosa che in ogni modo si tenta di far resistere agli anni che inesorabilmente passano.

La stessa mancanza di gioco, più che risentire dell’assenza di un play-maker(indiscutibile), soffre le conseguenze di un gruppo che non si smarca, non corre, aspetta il pallone sui piedi e non detta mai la possibile giocata. E lo stesso Cassano, che dietro le punte potrebbe creare occasioni importanti, messo sulla fascia non rappresenta una particolare risorsa, dal momento che la sua giocata (rientro verso il centro e cross) è ormai risaputa e spesso stroncata. Il mercato di riparazione è urgente, ma solo se gli acquisti potranno scalzare gli inamovibili e le cessioni sgombrino il campo da scarsi vestiti da possibili campioni.

Il bilancio di questa prima parte del torneo sembra, al momento, coincidere con la proiezione futura. Otto o nove punti sulle inseguitrici sono il trofeo con il quale la Juventus ha chiuso da campione d’inverno il girone d’andata del campionato. Una distanza enorme, difficile da colmare per qualunque delle sue inseguitrici. Anche ammesso che la squadra di Conte possa avere una fase di difficoltà in coincidenza con la ripresa della fase a gironi della Champions, si dovrebbe assistere a una vera e propria tempesta per modificare le rispettive posizioni di capolista e inseguitrici. Nella migliore delle ipotesi il vantaggio finale potrebbe essere più esiguo, non di più. La parola passa ora al mercato.

 

 


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy