La vittoria di Nichi Vendola su Francesco Boccia alle primarie del PD per la scelta del candidato alle prossime regionali in Puglia è risultata schiacciante. Oltre il 73 per cento dei voti hanno confermato l'intenzione dell'elettorato del PD di sostenere la ricandidatura del governatore uscente in Puglia. La vittoria di Vendola, nelle sue proporzioni, contiene non solo un'affermazione numerica netta, ma anche - forse motivo di tale straordinario risultato - un'indicazione politica, di contenuto e di metodo, netta quanto e più dei numeri che l'hanno certificata.

 

Un giorno come tanti che si rivelò diverso dai tanti. In quel 12 Dicembre del 1969, insieme all’ordigno esploso nella Banca Dell’Agricoltura di Milano, la convivenza civile deflagrò per sempre nella memoria storica di questo Paese. Fu una strage fascista, come fasciste furono le peggiori stragi degli anni a venire. La contabilità dei morti, spaventosa, divenne infatti, rapidamente, solo l’inizio di una scia di vittime che la strategia della tensione addossò al futuro e alle speranze italiane. La strategia della tensione ebbe molti protagonisti: servizi segreti più o meno deviati e squallidi questurini abili nel depistaggio; manovalanza fascista minoritaria e maggioranza silenziosa spalmata sul potere.

Lo chiamano proprio così, quanto avvenuto nel pomeriggio del 16 novembre ad Altrenotizie.org. Lo chiamano "Effetto Slashdot". Per causa sua, durante cinque ore, ieri il nostro sito è risultato irraggiungibile. E' quel che succede quando un sito web viene inondato da un grosso numero di accessi, non malevoli, perché è stato linkato da un sito molto più trafficato. A noi è successo appunto che il pezzo intitolato "Luna da Bere" (http://www.altrenotizie.org/cultura/2824-luna-da-bere.html) che raccontava in termini scientifici rigorosi la scoperta di giacimenti d'acqua sul nostro satellite, ha catturato l'attenzione di Google News.

Il Lodo Alfano è incostituzionale. L’ha stabilito ieri pomeriggio la Corte Costituzionale con una sentenza arrivata dopo alcune ore di dibattito. La Consulta ha ritenuto che le norme contenute nel Lodo, approvato nel 2008 dal Parlamento a maggioranza berlusconiana, e che prevedevano la sospensione dei processi per le quattro più alte cariche dello Stato, fossero in violazione del dettato costituzionale, significativamente dell’articolo 3 e del 138 della Carta. Sono gli articoli che stabiliscono rispettivamente il principio di uguaglianza di ogni cittadino davanti alla legge e le procedure di revisione della Carta stessa, che impongono una legge costituzionale, non una ordinaria.

Siamo un gruppo di giornalisti curiosi, studiosi e impertinenti produttori di domande scomode.
Ci piacciono poco le risposte sbagliate e ancor meno quelle reticenti.
Veniamo da esperienze diverse, in alcuni casi comuni, sia sul web che sulla carta stampata. Abbiamo pensato di contribuire a migliorare un'offerta informativa carente, faziosa e dipendente dagli interessi che la governano; un'informazione di parte, senza neanche il coraggio di dirlo.

Abbiamo altre notizie da darvi perché altre sono le priorità che individuiamo. Viviamo in un paese dove non si discute di lavoro, di welfare, di diritti di cittadinanza e di poteri; si scrive invece di leggi elettorali, di manovre politiche e di retroscena del già misero proscenio.
I politici diventano star dello spettacolo e le star dello spettacolo si danno alla politica; i giudici parlano e gli imputati tacciono; i parlamentari vengono ridotti ad avvocati e gli avvocati diventano parlamentari.

Il conflitto d'interessi si è risolto con la fine del conflitto e la crescita degli interessi. L'informazione, che dovrebbe controllare, è completamente controllata. E' ridotta ad un container di pubblicità ed il governo della famiglia garantisce che l'una e l'altra restino nelle solite mani.
In questo panorama rovesciato, in questa generale ipertrofia del nulla, alcuni tentano di dire quello che pensano e di fare quello che dicono.
A questa piccola comunità ci iscriviamo, cercando di offrire notizie, analisi, commenti e storie attraverso cui proporre un flusso informativo libero da condizionamenti che un sistema deformato impone agli operatori professionali.

Renitenti recidivi al giornalismo embedded, in tempi nei quali i residui del fascismo parlano di libertà, i reazionari si chiamano neocons e la guerra diventa umanitaria, proveremo a dire quello che va detto ed a chiamare le cose con il loro nome.
"Altrenotizie" sarà una finestra sull'informazione diversa da quelle dei soliti noti, nella quale cercheremo di raccontare i grandi e piccoli eventi. Scriveremo su quello che sapremo. Selezioneremo e riproporremo tutte quelle notizie e vicende che vengono fatte scivolare in poche righe o del tutto ignorate. Cercheremo di arrivare primi a parlare degli ultimi.

Il tutto in assoluta trasparenza. Per passione, solo per passione.

La redazione di Altrenotizie.org

 

Direttore responsabile
Fabrizio Casari - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vicedirettore

Michele Paris

 

Collaborano:

Maura Cossutta

Alessandro Iacuelli

Bianca Cerri

Carlo Musilli

Sara Michelucci

Vincenzo Maddaloni

 

 












Progetto grafico e realizzazione sito
Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata
Sergio Carravetta

Altrenotizie.org è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy