di Dr. Mohammed

Quando morirò? Questa è la domanda che gira nella mia testa quando mi sono svegliato mercoledì mattina. Sto sudando, come al solito. I miei muscoli soffrono dopo una lunga notte senza elettricità, in un clima solo poco più fresco di quello che potrebbe esserci all'inferno. Mentre mi vesto per andare a lavorare, altre domande mi assalgono: Come morirò? Sarò colpito in testa? Salterò a pezzi per aria? O sarò fermato ad un checkpoint della polizia a causa del mio aspetto, quindi torturato, ucciso e gettato come immondizia sul marciapiede? Guardo mia moglie mentre dorme, la sua faccia sofferente a causa del caldo atroce. Cosa succederà a lei se morirò? Ben presto non avrà più nessuno in Iraq. Sarà capace di identificare il mio corpo? Otterrò una sepoltura degna di questo nome? Sono un dentista nel mezzo dei miei venti anni, sposato con una aspirante dentista. Mio padre è un ortopedico molto conosciuto, che è fuggito dall'Iraq dopo essere stato minacciato sia dai radicali sunniti di al-Qaeda in Iraq (che volevano reclutarlo ed estorcergli soldi in cambio della sua vita, ma lui ha rifiutato), sia dai radicali sciiti dell'Esercito del Mahdi di Moqtada al-Sadr (perchè mio padre è un sunnita). Anche il mio fratellastro, che lavora al ministero del petrolio, è stato minacciato; ha deciso di lasciare il Paese alla fine di questo mese.

di Fidel Castro Ruz

Coloro che fondarono la nazione nordamericana non hanno potuto immaginare che ciò che allora proclamavano, portava, come qualsiasi altra società storica, i germi della sua stessa trasformazione. Nell’affascinante Dichiarazione d’Indipendenza del 1776, che mercoledì scorso ha compiuto 231 anni, s’affermava qualcosa che, in un modo o nell’altro, ci ha affascinato in molti: “Noi riteniamo quali verità di per se stesse evidenti, che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili, fra questi la vita, la libertà e la ricerca delle felicità; che allo scopo di garantire questi diritti, sono creati fra gli uomini i governi, i quali derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qual volta una qualsiasi forma di governo, tenda a negare tali fini, è diritto del popolo modificarlo o distruggerlo, e creare un nuovo governo che si fondi su tali principi ed organizzi i suoi poteri nella forma che a suo giudizio meglio garantisca la sua sicurezza e felicità."

di Stefano Rodotà

Qual è il destino dei parlamenti nell'età dell'informazione e della comunicazione? Alcuni anni fa, quando cominciò il dibattito sulla democrazia elettronica, sembrava che le nuove tecnologie avrebbero portato ad una progressiva scomparsa della democrazia rappresentativa, sostituita da forme sempre più diffuse di democrazia diretta. Nel nuovo agorà elettronico i cittadini avrebbero potuto prendere sempre la parola e decidere su tutto.

di Silvia Cattori

Daniele Ganser, professore di storia contemporanea all’università di Basilea e presidente dell’ Aspo-Svizzera, ha pubblicato un libro "sugli eserciti segreti della NATO". Secondo lui, gli Stati Uniti hanno organizzato in Europa dell’Ovest durante gli ultimi 50 anni attentati che sono stati attribuiti alla sinistra e alla sinistra estrema per screditarli agli occhi dei loro elettori. Questa strategia dura ancora oggi per suscitare il timore dell’islam e giustificare le guerre per il petrolio.

di Jürgen Elsässer

L’annuncio fortemente drammatizzato da parte del Ministro britannico dell’Interno, il 10 Agosto 2006, della scoperta di un complotto terrorista a Londra ha suscitato il panico, e successivamente la perplessità. Il giornalista tedesco Jurgen Elsasser ritorna su questo momento di isteria collettiva e sul ruolo del Mossad in questa manipolazione dell’opinione pubblica in pieno bombardamento del Libano.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy