di Carlo Benedetti

Salta in aria un deposito di armi chimiche nascosto in una regione impervia della Cina sin dalla fine della seconda guerra mondiale. E? subito allarme rosso nella provincia di Chejlunzjan, a circa 300 chilometri dalla città di Charbin, nella parte nord-occidentale. L’emergenza tocca una popolazione di oltre 38 milioni di abitanti perché la nube tossica che si è formata potrebbe estendersi anche alla vicina Russia, lungo i fiumi Amur e Ussuri. La notizia di questa nuova catastrofe ecologica - che la tv di Mosca definisce come una Cernobyl che viene dalla Cina - è stata, in un primo momento, nascosta e poi minimizzata dalle autorità cinesi della regione. Poi sono cominciate a filtrare le prime notizie e le fonti russe stanno ora fornendo alcuni particolari sull’accaduto smentendo la tesi cinese di un’esplosione in un deposito di armi chimiche abbandonato in un’area di confine. Tutto - dicono le agenzie di Mosca - si è verificato nella fabbrica cinese di Zizinkar dove si lavora il fosgene, un gas incolore di odore soffocante, estremamente tossico. E le fonti russe, appunto, mettono in relazione l’attività della azienda con il deposito nascosto sin dai tempi della seconda guerra mondiale proprio per il fatto che il fosgene era adoperato dall’industria militare di quegli anni come aggressivo chimico.

di Alessandro Iacuelli

Non è la prima volta che in Campania la magistratura colpisce i vertici di un commissariato straordinario che opera puntualmente in modo illegale. Era già capitato durante il commissariato di Bertolaso, che aveva visto l'arresto del suo vice, Claudio Di Biasio, per favoreggiamento alla criminalità organizzata. Anche il vice di De Gennaro, di recente, ha avuto un avviso di garanzia. Stavolta, i reati contestati ai 25 indagati sono associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito, truffa aggravata ai danni dello Stato, falsità ideologia commessa da pubblici ufficiali. Nei guai finisce anche un funzionario della provincia di Caserta. L'hanno chiamata "operazione rompiballe" perché al telefono, il responsabile di un impianto della provincia di Caserta parlava così della discarica aperta di Lo Uttaro: "Rompiamo le balle, quelle più malprese, e le utilizziamo come scarti". Tra i nomi degli arrestati, spicca quello di Marta Di Gennaro, responsabile del settore sanitario della Protezione civile, in passato il vice di Bertolaso all'epoca in cui era stato commissario straordinario per l'emergenza rifiuti.

di Alessandro Iacuelli

Tra il discorso di Berlusconi alla Camera, e le dichiarazioni dei ministri Tremoni e Scajola, emergono le idee e le intenzioni del nuovo governo in campo energetico. Prima di tutto non c'è la scelta dello sviluppo sostenibile. Sulle politiche energetiche ed ambientali non solo si è manifestata un'assoluta inadeguatezza ma si sono ascoltati indirizzi culturali ed economici sbagliati e dannosi. Non si è preso un impegno serio (obiettivi e proposte) per la riduzione della CO2 e non si sono riproposti gli obiettivi europei (meno 20% di CO2, più 20% di energia da fonti rinnovabili, più 20% di risparmio). Del resto, solo due anni fa, l'altro governo Berlusconi si era distinto per le sue inadempienze nel rispetto del trattato di Kyoto. In pratica, il programma di governo è alquanto indefinito e con indirizzi non all'altezza della situazione dell'Italia. In particolare, il nucleare di Berlusconi è una strada sbagliata, per la ricerca scientifica, le imprese, l'occupazione, le famiglie e l'ambiente

di Alessandro Iacuelli

Dopo le centrali elettriche e tutti i siti di interesse energetico, la mossa a sorpresa di Berlusconi colpisce anche le discariche in Campania: siti segreti. Il popolo, i cittadini, non devono sapere, anche se la maggioranza è formata da suoi elettori. I "liberi cittadini" di un Paese democratico potranno sapere solo a giochi fatti, cioè alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto governativo. Con buona pace per quella che negli altri Paesi si chiama "Democrazia partecipata". Si allarga ulteriormente, dunque, quella frattura nella democrazia in Campania, di cui abbiamo parlato altre volte su Altrenotizie. Tra le scelte del nuovo governo, preoccupa particolarmente l'accelerata sugli inceneritori, ancora inutilmente chiamati termovalorizzatori, ma anche l'uso dell'esercito a difesa delle discariche ed una già preventivata azione di ostacolo alle iniziative della magistratura.

di Alessandro Iacuelli

Si è aperta a Parigi presso la sede dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la riunione dei Ministri dell'Ambiente dei Paesi OCSE, in cui si discuterà del delicato tema "Ambiente e competitività globale". La conferenza, della durata di due giorni, è presieduta da Alfonso Pecoraro Scanio in veste, anche se ancora per poche ore, di Ministro dell'Ambiente della Repubblica Italiana. I Ministri dell’Ambiente dei 30 paesi OCSE, assieme ai loro colleghi dei paesi candidati all'entrata nell'organizzazione (Cile, Estonia, Israele, Russia e Slovenia) ed ai ministri provenienti da Brasile, Cina, India, Indonesia e Sud Africa si stanno confrontando sulle modalità di azione condivisa per raggiungere obiettivi ambientali comuni: riduzione dell'inquinamento, conservazione della natura e minore produzione di CO2.

Cerca


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Progetto grafico Studio EDP
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.