La visita a Parigi di giovedì del ministro per la Brexit, David Frost, ha allentato solo in parte le tensioni tra Francia e Regno Unito, esplose da qualche tempo attorno ai diritti di pesca dei due paesi dopo l’addio di Londra all’Unione Europea. Il mancato accordo su una questione più importante dal punto di vista simbolico che economico ha minacciato un clamoroso tracollo dei rapporti anglo-francesi, evitato almeno per il momento dai colloqui rilanciati dopo il passo indietro di Macron e Boris Johnson nel corso del recente vertice sul clima di Glasgow.

Managua. Raccontare le elezioni in Nicaragua non è la stessa cosa che raccontarle altrove. In generale e soprattutto nel contesto regionale centroamericano, visto che è l’unico Paese ad andare al voto sotto sanzioni statunitensi. Quelle che ci sono si accompagnano a quelle che si minacciano - legge Renacer ed altro - e ad attacchi di natura censoria ai social media. D’altra parte il Nicaragua sandinista è l’unico paese della regione considerato da Washington un nemico, anzi – come recita una comica quanto perversa disposizione presidenziale di Trump – “una minaccia di insolita gravità per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

Se le elezioni locali di martedì negli Stati Uniti dovevano testare la tenuta del Partito Democratico a un anno dal voto di metà mandato, i risultati nelle due principali competizioni in programma consegnano all’amministrazione Biden e ai leader di maggioranza al Congresso pochissime ragioni di ottimismo. Soprattutto l’esito della sfida per la carica di governatore dello stato della Virginia deve suonare come un campanello d’allarme per i democratici, la cui ambiziosa agenda di riforma dopo il successo nelle presidenziali del 2020 ha fatto segnare finora un imbarazzante arretramento dopo l’altro.

Tra venerdí 29 e sabato 30 ottobre, Twitter ha chiuso improvvisamente centinaia di account di attivisti nicaraguensi legati al partito sandinista che governa il Paese da circa 14 anni. Il giorno dopo, la stessa operazione è stata fatta da altri due colossi dei social network “made in Usa”, Facebook e Instagram, alla faccia della tanto decantata libertà d’espressione.

Il Texas ha bandito centinaia di detenuti da ogni basilare diritto umano. Nello stato della Rosa Gialla, a chi sbaglia, toccano punizioni più dure che altrove. Le guardie irrompono improvvisamente nei vari reparti e ammanettano i reclusi per trasferirli in isolamento. Legati l’uno all’altro in tragiche cordate, uomini e donne vengono avviati verso i furgoni che li porteranno in altre strutture dove passeranno giorni molto duri.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy