Obiettivo Iran. Le guerre infinite, come quella tra Usa-Israele e Iran, in realtà non solo non finiscono mai ma cambiano gli scenari con le tecnologie che trasformano i possibili campi di battaglia in poligoni di tiro dove i killer non sono più di carne e ossa ma diavolerie elettroniche

La guerra diventa “pulita” pur restando sporca assai. La morte israelo-americana adesso arriva comandata da un sistema satellitare a migliaia di chilometri di distanza, con i droni ma anche con robot killer, programmati nei minimi dettagli, quasi infallibili. Le guerre infinite, come quella tra Usa-Israele e Iran, in realtà non solo non finiscono mai ma cambiano gli scenari con le tecnologie che trasformano i possibili campi di battaglia in poligoni di tiro dove i killer non sono più di carne e ossa ma diavolerie elettroniche.

Le scene della guardia di frontiera statunitense che a cavallo frusta i migranti haitiani rimanda all’Alabama degli anni ’50, quando un nero era solo un “negro”, il cui valore era inferiore a quello di un animale. L’essenza più profonda del fascismo americano ha così avuto eco sui media anche in questa occasione, esibendo concretamente la autentica concezione dei diritti umani che gli uSA sbandierano strumentalmente contro i loro avversari politici.

Biden si era dichiarato apertamente amico del popolo haitiano “senza se e senza ma”. E lo aveva fatto con parole toccanti dicendosi rattristato dal devastante terremoto che aveva colpito Haiti ad agosto. Ma buona parte dei suoi elettori ha perso fiducia nel presidente e nella sua vice dopo essersi accorti che hanno detto bugie da far impallidire persino Donald Trump.

È possibile che gli Stati Uniti siano andati vicini a lanciare un attacco militare contro la Cina nelle ultime settimane trascorse da Donald Trump alla Casa Bianca? L’ipotesi potrebbe sembrare inverosimile, ma le anticipazioni di un nuovo libro in uscita in America hanno rivelato che almeno due soggetti, con una prospettiva a dir poco privilegiata sugli eventi di Washington, ritenevano questa eventualità tutt’altro che fantasiosa nei frenetici giorni delle elezioni presidenziali e della transizione alla guida del paese.

Nel volume “Peril” (“Pericolo”), i giornalisti del Washington Post Bob Woodward, noto per l’indagine sullo scandalo del Watergate negli anni Settanta del secolo scorso, e Robert Costa hanno raccontato come i timori per un’azione disperata di Trump, con l’obiettivo di rimanere alla Casa Bianca, fossero nutriti seriamente sia dal governo di Pechino sia dal capo dello Stato Maggiore militare americano, generale Mark Milley.

Venerdì 10 settembre 2021, alla vigilia del 48° anniversario del colpo di Stato militare che rovesciò il governo socialista di Salvador Allende in Cile l'11 settembre 1973, l'Archivio della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti (NSA) ha pubblicato documenti declassificati che rivelavano come la CIA usò altri Paesi nella preparazione dell'intervento di Washington contro il presidente cileno democraticamente eletto. Questo è avvenuto in seguito alla scelta di un tribunale amministrativo di ordinare la consegna di centinaia di documenti datati 1970-1973, relativi all'apertura, amministrazione e chiusura della stazione di Santiago. 

La pubblicazione da parte dell’amministrazione Biden del primo di una serie di documenti riservati sul possibile coinvolgimento dell’Arabia Saudita negli attentati dell’11 settembre 2001 è stata accolta in generale come un non evento che confermerebbe l’estraneità di Riyadh dai fatti che due decenni fa hanno inaugurato la “guerra al terrore”. In realtà, il quadro che ne esce, anche se per ora molto parziale, appare più sfumato e, in ogni caso, dell’iniziativa della Casa Bianca devono essere valutate anche le implicazioni geo-politiche, soprattutto per quel che riguarda l’evoluzione dei rapporti tra Washington e il regno wahhabita.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy