Caracas. Insieme a decine e decine di altri osservatori internazionali, provenienti da America Latina, Africa, Asia, Europa e Nordamerica, ho potuto constatare, durante la giornata di Domenica , l’assoluta correttezza delle procedure osservate per consentire lo svolgimento delle elezioni regionali e comunali venezuelane. Procedure che rappresentano oggi, senza alcun dubbio, il riferimento più elevato a livello mondiale, in particolare per gli aspetti costituiti dal ruolo del Consiglio elettorale nazionale  e degli strumenti di tipo informatico utilizzati, con verifica cartacea.

Il primo, riconosciuto come organismo imparziale anche dai rappresentanti dell’opposizione presenti in tutti i seggi, costituisce com’è noto in Venezuela un potere dello Stato indipendente, alla stregua di quelli classici della tripartizione montesquieuiana (legislativo, esecutivo, giudiziario).

L’ennesimo atto di sfacciata ingerenza della OSA negli affari interni del Nicaragua, ha costretto Managua ad abbandonare l’organismo guidato da Luis Almagro. Managua risponde così all’approvazione dell’ennesima mozione illegittima contro la sua sovranità, redatta sulla base di esclusiva ostilità politica e acrimonia ideologica, non sulla base di argomentazioni probanti e veritiere.

La stupidità dei politici e dei burocrati europei ha fatto segnare nuovi picchi questa settimana con la decisione di sospendere l'approvazione del gasdotto Nord Stream 2 nel pieno della crisi energetica che sta interessando il continente. L’infrastruttura, da tempo al centro di un’accesa disputa di carattere soprattutto strategico, dovrebbe raddoppiare le forniture di gas naturale dalla Russia alla Germania, con evidenti vantaggi per quest’ultimo paese e il resto di un’Europa costretta a fare i conti con scorte ridotte all’osso e prezzi in sensibile aumento.

Lo scorso fine settimana il Congresso americano ha finalmente approvato in via definitiva uno dei punti chiave del programma elettorale del presidente Biden. Il “successo” democratico riguarda un pacchetto da oltre mille miliardi di dollari da destinare all’ammodernamento delle infrastrutture del paese, ma sembra in realtà una precoce capitolazione della Casa Bianca davanti alle forze moderate del partito e segna molto probabilmente la fine delle velleità di riforma sociale che avevano contribuito all’elezione di Biden appena dodici mesi fa.

Managua. Con un consenso che sfiora il 76%, il Frente Sandinista de Liberacìòn Nacional, guidato dal Comandante, Presidente Daniel Ortega e dalla Vicepresidente Rosario Murillo, si è aggiudicato la vittoria elettorale nelle elezioni celebratesi il 7 Novembre. Disporrà così di altri 5 anni di mandato presidenziale e di un Parlamento dove il sandinismo è maggioranza assoluta, pertanto la continuità con il governo uscente è garantita. Inizia da oggi, dunque, la nuova fase che per altri cinque anni almeno, garantirà l’incremento delle politiche pubbliche inclusive e il mantenimento di una posizione intransigente sotto il profilo dell’indipendenza e della sovranità nazionale del Paese.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy